Ultima verifica: 04/08/2021

Condizioni di lavoro

La Brexit ti riguarda?

Quando si assume del personale occorre informarlo per iscritto delle condizioni di lavoro. Idealmente le condizioni di lavoro andrebbero comunicate il giorno di inizio del lavoro o il giorno prima. In alcuni paesi dell'UE (In questo caso, i 28 Stati membri dell'UE.) i nuovi assunti vengono informati sulle loro condizioni di lavoro da una settimana a due mesi dopo il primo giorno di lavoro.

I contratti del personale o le equivalenti dichiarazioni scritte che confermano le condizioni di lavoro, come le lettere d'impegno, devono contenere almeno le seguenti informazioni, o fornire un riferimento alla normativa pertinente:

Per le ferie annuali, la durata del preavviso, l'orario di lavoro e la retribuzione, basta rimandare il dipendente alle leggi nazionali o regionali e alle disposizioni amministrative pertinenti.

Attenzione

Alcuni paesi dell'UE applicano regimi di lavoro semplificati al presonale assunto con contratto per un periodo massimo di un mese o inferiore a 8 ore alla settimana.

Cerca qui sotto maggiori informazioni nazionali sui regimi di lavoro semplificati che potrebbero essere disponibili nel tuo paese:

Scegli un paese:

  • Austriaatdeen
  • Belgio*be
  • Bulgaria*bg
  • Croaziacrhr
  • Cipro*cy
  • Cechia*cz
  • Danimarcadken
  • Estoniaeeeten
  • Finlandia*fi
  • Francia*fr
  • Norvegianoen
  • Poloniaplen
  • Portogallo*pt
  • Romaniaroroen
  • Slovacchiasken
  • Sloveniasien
  • Spagnaesesen
  • Svezia*se

* Informazioni non ancora disponibili.

Hai ancora domande?

Lavoratori di altri paesi dell'UE: parità di trattamento e nessun obbligo di permesso di lavoro

I datori di lavoro hanno il diritto di assumere personale di qualsiasi paese dell'UE. Ai lavoratori degli altri paesi va riconosciuto lo stesso trattamento di quello riservato ai cittadini del proprio paese. Nella fase di assunzione non si possono imporre criteri discriminatori, ad esempio sulla base della nazionalità. Occorre inoltre garantire ai cittadini di altri paesi europei le stesse condizioni di lavoro (retribuzione, ferie retribuite, ecc.) offerte ai cittadini del proprio paese. I cittadini di un paese dell'UE non hanno bisogno di un permesso di lavoro per svolgere un'attività professionale in un altro paese dell'UE.

È possibile chiedere ai candidati di altri paesi dell'UE di dimostrare le conoscenze linguistiche necessarie per un impiego, ma il livello richiesto deve essere in linea con le mansioni da svolgere.

Per le assunzioni da altri paesi dell'UE può risultare utile EURES - il portale europeo della mobilità professionale.

Se l'azienda ha sede in una regione di confine, EURES può anche offrire indicazioni utili su come gestire dal punto di vista amministrativo i pendolari che provengono dal paese vicino.

Argomenti correlati

Legislazione dell'UE

Hai bisogno di aiuto?

Contatta i servizi di assistenza specializzati

Il tuo consulente EURES Apre un link esterno

I consulenti EURES offrono informazioni sulle condizioni di lavoro e aiutano nelle procedure di assunzione di personale nel tuo paese o all'estero.

Sostegno alle imprese locali

Hai domande su come svolgere un' attività transfrontaliera , ad esempio l'esportazione o l'espansione in un altro paese dell'UE? La rete Enterprise Europe può fornirvi una consulenza gratuita.

Altri servizi di assistenza

Condividi questa pagina: