Ultima verifica: 12/04/2021

Additivi alimentari

La Brexit ti riguarda?

Gli additivi alimentari, venduti da soli o come ingredienti dei prodotti alimentari, devono rispettare norme dell'UE rigorose. Gli additivi rientrano in una serie di categorie, tra cui:

In un elenco di ingredienti, la maggior parte degli additivi e degli enzimi alimentari deve essere preceduta dal nome della categoria a cui appartengono (ad esempio: antiossidante, emulsionante, conservante).

Elenco di tutti gli additivi – allegato II, parte B, del regolamento UE sugli additivi alimentariApre un link esterno

Categorie di additivi alimentari – allegato I del regolamento UE sugli additivi alimentariApre un link esterno

Categorie di additivi ed enzimi alimentari – allegato VII, parte C, del regolamento UE relativo alla fornitura di informazioni sugli alimenti ai consumatoriApre un link esterno

Prescrizioni in materia di etichettatura

Le norme in materia di etichettatura variano a seconda che gli additivi siano destinati o meno a prodotti di consumo. Esplora i contenuti interattivi di seguito per vedere quali norme devi rispettare.

Norme di etichettatura in funzione del mercato previsto

Se la vostra impresa vende prodotti alimentari ai consumatori, devi rispettare le norme generali in materia di etichettatura dei prodotti alimentari. Sui prodotti contenenti additivi deve comparire:

Devono inoltre recare, se necessario, le indicazioni applicabili tra le seguenti:

il prodotto contiene

indicazione richiesta

gas d'imballaggio

"confezionato in atmosfera protettiva".

edulcoranti o combinazione di zuccheri ed edulcoranti

"con edulcorante(i)" o "con zucchero(i) ed edulcorante(i)"

più del 10% di polioli

"un consumo eccessivo può avere effetti lassativi"

aspartame/sale di aspartame-acesulfame

"contiene aspartame (una fonte di fenilalanina)" o "contiene una fonte di fenilalanina"

coloranti alimentari

"può influire negativamente sull'attività e l'attenzione dei bambini".

Se la vostra impresa vende additivi alimentari da soli o in lotti misti, occorre rispettare le norme di cui all'articolo 22 del regolamento. L'etichettatura deve contenere:

Le imprese all'ingrosso hanno la possibilità di fornire le informazioni di cui sopra nei documenti di accompagnamento, prima o all'atto della consegna, ma soltanto se sull'imballaggio del prodotto figura chiaramente l'indicazione "non destinato alla vendita al dettaglio".

Argomenti correlati

Legislazione dell'UE

Hai bisogno di aiuto?

Contatta i servizi di assistenza specializzati

Condividi questa pagina: