Ultima verifica : 10/09/2018

Norme e aliquote IVA

Decisione del Regno Unito di invocare l'articolo 50 del TUE: Più informazioni

A partire dal 30 marzo 2019 tutto il diritto dell’UE cesserà di applicarsi al Regno Unito a meno che un accordo di recesso ratificato non stabilisca un’altra data, o il Consiglio europeo e il Regno Unito decidano di comune accordo di prorogare il periodo di due anni di negoziati. Per maggiori informazioni sulle conseguenze giuridiche per le imprese:

Esiste una normativa a livello dell'UE, ma l'applicazione specifica dell'IVA può variare da un paese europeo all'altro. L'IVA va generalmente pagata su tutti i beni e servizi, fino alla vendita al consumatore finale. Può riguardare ogni fase del processo di produzione, come l'acquisto di componenti, l'assemblaggio, la spedizione, ecc.

Per le imprese con sede nell'UE la maggior parte delle vendite e degli acquisti è soggetta all'IVA.

L'IVA non è dovuta sulle esportazioni in paesi extra UE. In questo caso viene pagata nel paese di importazione. Bisogna però fornire la prova che i beni sono stati effettivamente esportati al di fuori dell'UE.

Per saperne di più sulla normativa IVA a livello nazionale, selezionare un paese dall'elenco seguente.

Scegli un paese:

  • Portogallo*pt
  • Regno Unitouken
  • Romaniaroen
  • Slovacchiasksken
  • Sloveniasislen
  • Spagnaesesen
  • Sveziaseen
  • Ungheriahuen

Le imprese registrate possono presentare la dichiarazione IVA online (nella maggior parte delle regioni) dei seguenti paesi dell'UE:

Scegli un paese:

  • Austriaatdeen
  • Belgiobedefrnlen
  • Bulgariabgen
  • Ciprocyit
  • Finanziamenti per scambi internazionali di personale nel settore della ricercacrit
  • Danimarcadkdadeen
  • Estoniaeeeten
  • Finlandiafifien
  • Franciafrfr
  • Grecia*gr
  • Irlandaieen
  • Italiaiten
  • Lituanialtlten
  • Maltamten
  • Paesi Bassinlen
  • Polonia*pl
  • Portogallo*pt
  • Regno Unitouken
  • Repubblica ceca*cz
  • Romaniaroen
  • Slovacchiasken
  • Slovenia*si
  • Sveziaseen
  • Ungheria*hu

    Sebbene l'IVA venga imposta in tutta l'UE, ogni Stato membro fissa le proprie aliquote. La seguente tabella riporta le aliquote vigenti, anche se si consiglia di verificare sempre le ultime correzioni presso l'ufficio IVA locale.

    Aliquote IVA in vigore nei paesi membri dell'UE

    Elenco delle aliquote IVA in vigore negli Stati membri (aggiornato due volte all'anno: a gennaio e a luglio)
    Stato membro Codice paese Aliquota normale Aliquota ridotta Aliquota minima Aliquota speciale
    Austria AT 20 10/13 - 13
    Belgio BE 21 6/12 - 12
    Bulgaria BG 20 9 - -
    Cipro CY 19 5/9 - -
    Repubblica ceca CZ 21 10/15 - -
    Germania DE 19 7 - -
    Danimarca DK 25 - - -
    Estonia EE 20 9 - -
    Grecia EL 24 6/13 - -
    Spagna ES 21 10 4 -
    Finlandia FI 24 10/14 - -
    Francia FR 20 5,5/10 2,1 -
    Croazia HR 25 5/13 - -
    Ungheria HU 27 5/18 - -
    Irlanda IE 23 9/13,5 4,8 13,5
    Italia IT 22 5/10 4 -
    Lituania LT 21 5/9 - -
    Lussemburgo LU 17 8 3 14
    Lettonia LV 21 12 - -
    Malta MT 18 5/7 - -
    Paesi Bassi NL 21 6 - -
    Polonia PL 23 5/8 - -
    Portogallo PT 23 6/13 - 13
    Romania RO 19 5/9 - -
    Svezia SE 25 6/12 - -
    Slovenia SI 22 9,5 - -
    Slovacchia SK 20 10 - -
    Regno Unito UK 20 5 - -

    Per maggiori informazioni sulle aliquote IVA, consultare il sito della direzione generale della Fiscalità e dell'unione doganaledefren (TAXUD).

    Esistono diversi tipi di aliquota a seconda del prodotto o servizio oggetto dell'operazione commerciale.

    Aliquota normale

    Ogni paese ha un' aliquota normale, che si applica alla maggior parte delle forniture. Questa non può essere inferiore al 15%.

    Aliquota ridotta

    Le aliquote ridotte (massimo 2) possono essere applicate ad un tipo limitato di vendite e normalmente non possono essere inferiori al 5%.

    Aliquote speciali

    Alcuni paesi sono autorizzati ad applicare aliquote specifiche su determinate vendite.

    Aliquota minima

    Alcuni paesi applicano un'aliquota inferiore al 5% chiamata aliquota minima su alcune vendite. Ad esempio, in Spagna un'aliquota del 4% viene applicata a certi servizi, come la manutenzione e l'adattamento dei mezzi di trasporto per le persone con disabilità.

    Aliquota zero

    Alcuni paesi prevedono un'aliquota zero per determinate vendite. In questo caso, il consumatore non deve pagare l'IVA, ma conserva il diritto di detrarre l'IVA versata sugli acquisti direttamente connessi alla vendita, ad esempio le esportazioni e alcuni servizi finanziari per clienti extra UE.

    Aliquota speciale (o intermedia)

    Si applica a certi beni e servizi che non possono beneficiare di un'aliquota ridotta, ma ai quali alcuni paesi dell'UE applicavano già aliquote ridotte il 1° gennaio 1991. Questi paesi sono autorizzati a continuare ad applicare aliquote ridotte, a condizione che non siano inferiori al 12%.

    Le aliquote speciali intendevano essere una misura transitoria per agevolare il passaggio dalle deroghe alle norme generali introdotte con l'entrata in vigore del mercato interno il 1° gennaio 1993: andavano abolite gradualmente.

    Legislazione dell'UE

    Hai bisogno di aiuto?

    Contatta i servizi di assistenza specializzati

    Sostegno alle imprese locali - Hai domande su come svolgere un'attività transfrontaliera, ad esempio l'esportazione o l'espansione in un altro paese dell'UE? La rete Enterprise Europe può fornirvi una consulenza gratuita.

    Condividi questa pagina: