Fare impresa
Ultima verifica: 19/12/2022

Immatricolazione dell'automobile in un altro paese dell'UE

Se ti trasferisci in un altro paese dell'UE portandoti dietro l'automobile, l'immatricolazione è soggetta a norme specifiche che variano a seconda che tu ti trasferisca in via temporanea o permanente, della durata del soggiorno e del paese nel quale ti trasferisci.

Attenzione

La maggior parte delle norme che si applicano alle automobili valgono anche per i rimorchi.

Trasferimento permanente

Se ti trasferisci in via permanente in un altro paese dell'UE e ti porti dietro l'automobile, dovresti immatricolarla e pagare le tasse automobilistiche nel tuo nuovo paese.

Non esistono norme comuni dell'UE in materia di immatricolazione dei veicoli e relative tasse. Alcuni paesi prevedono norme di esenzione fiscale per l'immatricolazione dei veicoli quando i proprietari si trasferiscono in modo permanente da un paese all'altro.

Per beneficiare di un'esenzione fiscale, devi verificare le scadenze e le condizioni applicabili nel paese in cui desideri trasferirti.

Rivolgiti alle autorità nazionali per verificare le norme e le scadenze esatte:

Scegli un paese

Caso personale

Se conosci le regole, eviti le multe

Cristina, spagnola, si è trasferita in modo permanente a Bordeaux, in Francia, per motivi di lavoro. Si è iscritta all'anagrafe comunale come residente a Bordeaux. Nel giro di pochi mesi ha deciso di portare in Francia la sua automobile immatricolata in Spagna, senza però immatricolarla nel suo nuovo paese. Otto mesi dopo il suo trasferimento è stata fermata dalla polizia stradale durante un controllo di routine. Visto che circolava con una targa spagnola, le hanno fatto una multa salata perché doveva re-immatricolare l'auto entro un mese dopo il trasferimento della residenza principale in Francia. Dal momento che aveva spostato la residenza a Bordeaux, si presumeva che la sua residenza normale fosse in Francia e quindi, secondo le norme nazionali, doveva immatricolare la sua automobile in Francia e pagare le tasse di immatricolazione in questo paese.

 

Trasferimento temporaneo (senza cambiare la residenza normale)

Se ti trasferisci temporaneamente in un altro paese dell'UE senza cambiare la residenza normale, non devi immatricolare l'automobile o pagare le tasse di immatricolazione in tale paese. L'automobile può restare immatricolata nel tuo paese di residenza normale.

Per "residenza normale" si intende il luogo in cui solitamente vivi o lavori o dove vive la tua famiglia (per più di 185 giorni in un anno civile).

Se non lavori, la residenza normale è considerata il luogo in cui hai legami personali che dimostrano uno stretto legame con il luogo in cui ti trovi.

Se i tuoi legami personali si trovano in un paese dell'UE diverso da quello in cui lavori, si considera che tu abbia la residenza normale nel paese dell'UE in cui hai legami personali, a condizione che vi ritorni regolarmente.

Se la polizia del paese in cui soggiorni temporaneamente ti ferma, dovrai dimostrare di non risiedervi in modo permanente. A volte può essere difficile. Quando ti sposti in automobile, è buona abitudine avere con te il certificato di immatricolazione, il certificato di proprietà e una prova della residenza normale (generalmente una carta d'identità o un documento attestante che sei registrato come residente in un altro paese dell'UE).

Caso personale

Se conosci le regole, eviti le multe

Massimo, cittadino italiano, ha trovato lavoro in Romania e ha deciso di trasferirsi in modo permanente. Conformemente alle norme italiane e rumene, ha cancellato la sua residenza in Italia, ha registrato la sua residenza in Romania ed è stato iscritto nel registro italiano degli italiani residenti all'estero. Ha inoltre immatricolato la sua automobile in Romania. Dopo diversi mesi trascorsi in Romania, Massimo ha fatto ritorno in Italia con la sua automobile immatricolata in Romania. Quando è passato con il rosso, la polizia lo ha fermato e gli ha chiesto tutti i documenti. Massimo ha consegnato la sua carta d'identità italiana, che non è stata ancora aggiornata con il nuovo indirizzo. Non essendo riuscito a dimostrare alla polizia di essere attualmente residente in Romania, la polizia ha inflitto una multa salata.

Se guidi temporaneamente nel tuo nuovo paese dell'UE, non devi prestare o noleggiare la tua automobile (ancora immatricolata in un altro paese dell'UE) a un residente del tuo nuovo paese dell'UE. La persona in questione potrebbe essere multata. Puoi comunque prestarla ai tuoi familiari o agli amici quando vengono a farti visita, a condizione che non abbiano la residenza nel tuo nuovo paese dell'UE.

Punti di penalità e multe

Puoi essere multato:

Puoi controllare le regole precise che si applicano all'immatricolazione di un'automobile nel paese in cui ti trasferisci sui siti web delle autorità nazionali:

Scegli un paese

Norme specifiche per studenti e lavoratori transfrontalieri

Gli studenti che risiedono in un altro Stato membro al solo scopo di proseguire gli studi e i lavoratori transfrontalieri di solito non sono tenuti a pagare le tasse di immatricolazione e di circolazione.

Verifica le regole esatte sulle tasse sulle automobili in un altro paese dell'UEApre un link esterno che si applicano agli studenti e ai lavoratori transfrontalieri.

Studenti

Se sei uno studente e ti trasferisci in un altro paese dell'UE con l'unico scopo di proseguire gli studi, puoi guidare l'automobile immatricolata nel tuo paese senza doverla immatricolare o dover pagare le tasse nel tuo nuovo paese. Per essere considerato uno studente devi essere iscritto a un istituto di istruzione nel paese in cui soggiorni e devi poter produrre un certificato d'iscrizione valido. Tuttavia, se inizi a lavorare durante gli studi, devi immatricolare l'automobile nel tuo nuovo paese.

Prima di lasciare il tuo paese d'origine, verifica le norme applicabili nel paese in cui intendi studiare. Potrebbe essere necessario adempiere alcune formalità amministrative o rispettare determinate condizioni per evitare problemi durante i controlli di polizia.

Attenzione

Danimarca, Estonia, Germania e Svezia non esentano gli studenti dall'immatricolazione delle auto e dal pagamento delle tasse corrispondenti.

Caso personale

Mathieu è francese e si è trasferito in Belgio, dove segue un corso biennale post-laurea. Dopo aver subito un danno alla macchina, si è recato alla polizia per denunciare l'accaduto. Quando la polizia ha scoperto che viveva in Belgio da più di un anno e che non aveva immatricolato l'auto, gli ha detto che era in posizione irregolare e che avrebbe dovuto pagare una multa.

Mathieu è però riuscito a dimostrare che era iscritto all'Università di Anversa e che, in quanto studente di un altro paese dell'UE, non era tenuto a pagare le tasse di immatricolazione e circolazione in Belgio.

Lavoratori frontalieri

In qualità di lavoratore transfrontaliero (nel senso che lavori in un paese e vivi in un altro) potresti aver bisogno di guidare un'automobile immatricolata solo in uno dei due paesi.

Se guidi un'auto aziendale immatricolata nel paese in cui lavori, puoi usarla anche nel paese in cui vivi, senza doverla immatricolare in tale paese. Verifica le condizioni che si applicano all' uso delle automobili aziendali nell'UE: le regole possono infatti variare notevolmente.

Se utilizzi la tua auto per fare il pendolare tra il paese in cui vivi e quello in cui lavori, devi immatricolarla e pagare le relative tasse in quello in cui vivi, non in quello in cui lavori.

Per maggiori informazioni sull'immatricolazione dei veicoli e le relative tasse e per i link ai siti web delle autorità nazionali:

Scegli un paese

Attenzione

Le informazioni di questa pagina non si applicano ai cittadini del Regno Unito residenti nell'UE e ai cittadini dell'UE che risiedono nel Regno Unito. In questi casi si applicano le norme nazionali.

FAQ

Legislazione dell'UE

Hai bisogno di aiuto?

Contatta i servizi di assistenza specializzati

Condividi questa pagina: