Ultima verifica: 23/06/2021

Parità di trattamento sul lavoro

La Brexit ti riguarda?

Le norme e le condizioni illustrate in questa pagina si applicano almeno fino al 31 dicembre 2020:

  • In quanto cittadino dell'UE, hai ancora pieno accesso al mercato del lavoro del Regno Unito e conservi tutti i tuoi diritti di lavoratore sanciti dal diritto dell'UE;
  • In quanto cittadino del Regno Unito, hai ancora pieno accesso al mercato del lavoro dell'UE e conservi tutti i tuoi diritti di lavoratore sanciti dal diritto dell'UE.

Se hai problemi a far valere i tuoi diritti, contatta i nostri servizi di assistenza.

Come cittadino dell'UE hai diritto alla parità di trattamento in materia di assunzione, condizioni di lavoro, promozione, retribuzione, accesso alla formazione professionale, pensioni professionali e licenziamento. Le discriminazioni sul luogo di lavoro per motivi di età, sesso, disabilità, origine etnica o razziale, religione o convinzioni personali, oppure orientamento sessuale sono vietate in tutta l'UE, sia nel settore pubblico che in quello privato.

Come cittadino dell'UE, devi anche essere trattato esattamente allo stesso modo dei tuoi colleghi locali, cittadini del paese in cui ti trovi, per quanto riguarda il diritto al lavoro, le prestazioni sociali e l'accesso ai servizi pubblici per l'impiego. Tuttavia, il tuo paese di accoglienza può decidere di congelare di tuo diritto al sostegno al reddito (o ad altre prestazioni) per i primi 3 mesi del tuo soggiorno (ad esempio, se sei giunto nel paese come lavoratore stagionale, hai lavorato per un mese e poi chiesto i sussidi) o anche per un periodo più lungo se sei ancora in cerca di lavoro.

Da quali tipi di discriminazione sei protetto?

Verifica i tipi di discriminazione

Soluzioni ragionevoli

Se hai una disabilità, potresti aver bisogno di adattamenti delle tue mansioni o del tuo contesto lavorativo per consentirti di svolgere le tue funzioni professionali e compiere progressi nel loro esercizio, o seguire una formazione. In tal caso, puoi chiedere al tuo datore di lavoro di adottare soluzioni ragionevoli per tener conto delle tue condizioni. Tali soluzioni possono applicarsi a tutte le attività professionali, dal processo di candidatura fino alla cessazione del rapporto di lavoro, alle condizioni di lavoro e alle prestazioni integrative.

Come far valere i tuoi diritti

Se ritieni di essere oggetto di discriminazione, puoi rivolgerti ad un organismo nazionale per la parità di trattamentoen. Alcuni si limitano a fornire informazioni utili per la tua situazione, mentre altri possono aiutarti a presentare una denuncia. Possono anche, se sei d'accordo, avviare un procedimento dinanzi ai giudici competenti.

A seconda della legislazione nazionale, potresti aver diritto a un risarcimento, alla reintegrazione nel posto di lavoro o alla condanna del datore di lavoro a porre rimedio alla discriminazione e a predisporre una soluzione ragionevole.

Per ottenere un aiuto e una consulenza, puoi anche rivolgerti ai sindacati, alle ONG attive in questo campo o a un avvocato.

Accedi alle informazioni nazionali qui sotto.

Hai domande su un paese in particolare?

Vedi anche:

Come mettere in pratica soluzioni ragionevoli – guida alle prassi promettentiApre un link esterno

FAQ

Legislazione dell'UE

Hai bisogno di maggiori informazioni sulle norme vigenti in un determinato paese?

Hai bisogno di aiuto?

Contatta i servizi di assistenza specializzati

Condividi questa pagina: