Strumenti di servizio

Selettore lingua

Bandiera dell'UE

Percorso di navigazione

Menu

Ultima verifica : 06/07/2018

IVA – imposta sul valore aggiunto

Pagamento dell'IVA nel paese in cui avviene l'acquisto

Come privato cittadino che fa acquisti nell'UE, devi pagare l'IVA soltanto una volta, nel paese in cui effettui l'acquisto.

Puoi portare a casa qualunque prodotto acquistato in un altro paese dell'UE, senza fermarti alla frontiera o dover rilasciare una dichiarazione alla dogana. L'importante è che i prodotti acquistati siano destinati al tuo uso personale o a quello dei tuoi familiari e non alla rivendita.

Rimborsi IVA

I visitatori provenienti da paesi esterni all'Unione europea hanno diritto al rimborso dell'IVA sui beni acquistati durante il loro soggiorno nell'UE, presentandoli alla dogana al momento della partenza, entro tre mesi dall'acquisto, insieme ai documenti necessari per ottenere il rimborso. Tali documenti sono solitamente predisposti dal commerciante, anche se, trattandosi di un sistema su base volontaria, non tutti i commercianti vi aderiscono. Alcuni paesi fissano un valore minimo per gli acquistifrançaisDeutschEnglish che possono beneficiare del rimborso.

Acquisti online in un altro paese dell'UE

Norme particolari possono applicarsi quando acquisti beni in un altro paese dell'UE con consegna nel tuo paese di residenza. Se la società presso la quale effettui l'acquisto vende e consegna beni al di là di un certo importo nel tuo paese, non può applicare l'IVA del paese in cui effettui l'acquisto.

Deve invece applicare l'IVA del paese in cui la merce è consegnata, vale a dire l'IVA di destinazione. Il tetto massimo per le vendite oltre frontiera viene fissato da ciascun paese dell'UEpdfEnglish a 35 000 oppure 100 000 euro. Ciò significa che la maggior parte dei rivenditori online che consegnano all'interno dell'UE sono tenuti ad applicare la norma dell'IVA di destinazione.

Esempio

A volte occorre pagare un'aliquota IVA superiore

Lucie vive in Belgio e ordina un libro da un grosso rivenditore online del Regno Unito. Al momento di pagare l'ordine, dopo aver inserito il suo indirizzo, nota che il prezzo è improvvisamente aumentato. Guardando bene, scopre che la società le ha applicato l'IVA belga al 6% invece di quella britannica pari allo 0%.

In Belgio, il limite massimo per poter consegnare beni senza pagare l'IVA belga è fissato a 35 000 euro. Di conseguenza, una società che nel precedente esercizio ha venduto merci per oltre 35 000 euro in Belgio è tenuta ad applicare l'aliquota del paese di destinazione. La società alla quale Lucie si è rivolta effettua numerose consegne in Belgio e quindi deve applicarle l'IVA belga, anche se il suo libro le viene spedito dal Regno Unito.

Questa regola non si applica a beni di seconda mano, oggetti d'arte, d'antiquariato o da collezione.

Imposta sui consumi (accisa)

Se acquisti prodotti del tabacco o bevande alcoliche online in un altro paese dell'UE, il prezzo comprenderà le accise, indipendentemente dalla quantità acquistata e anche se si tratta di un regalo.

Il commerciante è responsabile del pagamento delle accise dovute nello Stato membro di destinazione.

Devi pertanto aspettarti che il prezzo per questi tipi di prodotti rifletta il costo delle accise. Se il prezzo è molto basso, verifica con il venditore che le accise siano state pagate prima di procedere all'acquisto. Se il venditore non ha pagato le accise, i beni possono essere sequestrati dalle dogane all'arrivo o può essere chiesto a te di pagarle. Assicurati sempre che il venditore pagherà le accise dovute nel paese dell'UE di destinazione.

Se acquisti online beni provenienti da paesi non UE, il pagamento di IVA, imposte doganali e accise è sempre dovuto.

Eccezione per i servizi di telecomunicazione e di teleradiodiffusione e i servizi elettronici

L'IVA sui servizi di telecomunicazione e di teleradiodiffusione e i servizi elettronici va pagata nel paese in cui vivi (in cui ti sei stabilito, dove hai il tuo indirizzo permanente o risiedi abitualmente) e non nel paese nel quale acquisti il servizio. Questa regola si applica ai servizi acquistati sia all'interno che all'esterno dell'UE.

Esempio

L'IVA sui contenuti digitali è dovuta nel paese di residenza

Senta vive in Svezia e acquista dei libri elettronici (eBook) da un venditore online finlandese. Il fornitore finlandese le deve applicare l'IVA svedese, non quella finlandese.

Eccezioni per altri servizi acquistati online

Quando acquisti online servizi da un operatore commerciale con sede nell'UE, devi pagare l'aliquota IVA del paese in cui ha sede l'operatore. Questa regola si applica anche se vivi in un paese dell'UE diverso da quello dell'operatore.

Esempio

Pagamento dell'IVA nel paese in cui è stabilito l'operatore commerciale

Joao ha una società di consulenza con sede a Lisbona. Fornisce servizi di consulenza a un privato che vive a Copenaghen. Poiché la società di Joao è registrata in Portogallo, è tenuto ad applicare al proprio cliente danese l'aliquota IVA portoghese.

Tuttavia, vi sono diverse eccezioni alla regola. Alcune delle più comuni sono:

  • Servizi forniti da un intermediario: l'IVA viene applicata nel paese in cui avviene l'operazione principale con l'intermediario. Ad esempio, se il proprietario di una residenza secondaria in Francia vuole trasferire alcuni mobili nella propria abitazione in Svezia e chiede a un intermediario di trovare una società che si occupi del trasloco, alla commissione dell'intermediario si applicherà l'IVA francese, in quanto la prestazione principale (vale a dire il trasporto dei beni tra i due paesi dell'UE) avviene presso il punto di partenza.
  • I servizi connessi a proprietà immobiliari sono tassati nel paese in cui è situata la proprietà. Ad esempio, se un architetto stabilito in Francia è incaricato di progettare una casa in Spagna il suo onorario sarà soggetto all'IVA spagnola.
  • Il trasporto passeggeri è tassato in funzione della distanza percorsa. Ad esempio, il prezzo di un biglietto per un viaggio in autobus dalla Polonia alla Francia attraverso la Germania comprenderà l'IVA polacca, tedesca e francese proporzionalmente alla distanza percorsa in ciascun paese. Se l'autobus attraversa anche la Svizzera, quella parte del viaggio non sarà soggetta a IVA dell'UE, in quanto la Svizzera non è uno Stato membro dell'Unione europea.
  • I servizi di ristorazione e catering (esclusi quelli a bordo di navi, aerei o treni) sono tassati nel paese in cui vengono fisicamente svolti. Ad esempio, se una società con sede a Lussemburgo fornisce i prodotti alimentari e le bevande per un evento a Firenze, è tenuta ad applicare l'IVA italiana.

Si prega di notare che tale elenco non è esaustivo.

Eccezione per le automobili

Se acquisti un'automobile nuova all'estero, in un altro paese dell'UE, il pagamento dell'IVA avviene nel paese nel quale importi e immatricoli il veicolo (il tuo paese di residenza). Questo regime IVA si applica anche ad altri mezzi di trasporto nuovi, come le moto di grossa cilindrata, le barche e gli aerei.

Per saperne di più sul pagamento dell'IVA in caso di acquisto di un'automobile in un altro paese dell'UE.

Consultazioni pubbliche
    Hai bisogno di aiuto?
    Ottieni assistenza e consulenza

    Ottieni assistenza e consulenza

    Chiedi un aiuto o una consulenza al Centro europeo dei consumatori del tuo paeseEnglish