Ultima verifica: 04/12/2018

Esenzioni IVA

Decisione del Regno Unito di invocare l'articolo 50 del TUE: Più informazioni

A partire dal 30 marzo 2019 tutto il diritto dell’UE cesserà di applicarsi al Regno Unito a meno che un accordo di recesso ratificato non stabilisca un’altra data, o il Consiglio europeo e il Regno Unito decidano di comune accordo di prorogare il periodo di due anni di negoziati. Per maggiori informazioni sulle conseguenze giuridiche per le imprese:

Alcune categorie di beni e servizi, come i servizi educativi, assistenziali e finanziari, sono per lo più esenti da IVA.

Le vendite esenti non prevedono il "diritto alla detrazione". Ciò significa che non è possibile detrarre l'IVA versata sugli acquisti direttamente connessi alla vendita.

Aprire una partita IVA

In linea di massima occorre aprire una partita IVA se le vendite fanno parte dell'attività dell'impresa. Al momento della registrazione viene rilasciato un numero di partita IVA.

Se le vendite di beni o servizi sono considerate esenti da IVA non è sempre necessario aprire una partita IVA.

Esenzioni dall'IVA per le piccole imprese

Nella maggior parte dei paesi dell'UE è possibile chiedere l'applicazione di un regime speciale che consente di commerciare a determinate condizioni senza dover imputare l'IVA. Le imprese le cui vendite imponibili di beni o servizi non superano una certa soglia annuale potrebbero essere esenti dal pagamento dell'IVA. Ciò significa che non sono tenute a versare l'IVA all'amministrazione fiscale, ma anche che non saranno poi in grado di detrarre l'imposta o di indicarla nelle fatture. Si può comunque scegliere di optare per il regime normale e quindi di pagare l'IVA, con la possibilità di detrarla.

Attenzione: i limiti o le soglie variano da un paese all'altro e in alcuni casi si applicano condizioni speciali. In alcuni paesi non è prevista l'esenzione dall'IVA per le piccole imprese, per cui si è tenuti ad aprire una partita IVA nel momento in cui si effettuano vendite imponibili.

Il regime non si applica a:

SOGLIE IVA - per paese

(Ultimo aggiornamento della tabella: maggio 2018)

Stato membro Esenzioni per le piccole imprese
  Valuta nazionale Equivalente in euro*
Austria

EUR 30 000

 
Belgio EUR 25 000  
Bulgaria BGN 50 000 EUR 25 565
Cipro EUR 15 600  
Cechia CZK 1 000 000 EUR 39 362
Germania EUR 17 500  
Danimarca DKK 50 000 EUR 6 713
Estonia EUR 40 000  
Grecia EUR 10 000  
Spagna Nessuna Nessuna
Finlandia EUR 10 000  
Francia EUR 82 800 o EUR 42 900 o EUR 33 200  
Croazia HRK 300 000 EUR 40 324
Ungheria HUF 8 000 000 EUR 25 567
Irlanda EUR 75 000 o EUR 37 500  
Italia EUR 65 000  
Lituania EUR 45 000  
Lussemburgo EUR 30 000  
Lettonia EUR 40 000  
Malta EUR 35 000 o EUR 24 000 o EUR 14 000  
Paesi Bassi Nessuna Nessuna
Polonia PLN 200 000 EUR 47 324
Portogallo EUR 10 000 o EUR 12 500  
Romania RON 220 000 EUR 47 180
Svezia SEK 30 000 EUR 2 943
Slovacchia EUR 49 790  
Slovenia EUR 50 000  
Regno Unito GBP 85 000 EUR 97 382
*Tassi di cambio di riferimento dell'euro pubblicati dalla Banca centrale europea il 23 marzo 2018 (ad eccezione della Romania, dove le soglie espresse in RON si basano sui valori in EUR per regimi speciali al tasso di cambio alla data di adesione, vale a dire al 1° gennaio 2007).

Riduzione dell'imposta (riduzione decrescente)

Le piccole imprese con un fatturato annuo inferiore a una determinata soglia possono beneficiare di una riduzione decrescente dell'imposta. Se si è ammessi a beneficiare del regime occorre aprire una partita IVA, ma si potrà beneficiare di una riduzione su parte del fatturato. La riduzione diminuisce gradualmente man mano che il fatturato aumenta fino al raggiungimento della soglia stabilita dal paese dell'UE in cui ha sede la società.

Tali soglie variano da un paese all'altro e in alcuni casi si applicano condizioni speciali. Attualmente solo pochi paesi dell'UE hanno attuato il regime di riduzione decrescente.

Il regime non si applica a:

Argomenti correlati

Legislazione dell'UE

Hai bisogno di aiuto?

Contatta i servizi di assistenza specializzati

Sostegno alle imprese locali - Hai domande su come svolgere un'attività transfrontaliera, ad esempio l'esportazione o l'espansione in un altro paese dell'UE? La rete Enterprise Europe può fornirvi una consulenza gratuita.

Condividi questa pagina: