Ultima verifica : 06/08/2018

Lavoratori distaccati all'estero

Decisione del Regno Unito di invocare l'articolo 50 del TUE: Più informazioni

A partire dal 30 marzo 2019 tutto il diritto dell’UE cesserà di applicarsi al Regno Unito a meno che un accordo di recesso ratificato non stabilisca un’altra data, o il Consiglio europeo e il Regno Unito decidano di comune accordo di prorogare il periodo di due anni di negoziati. Per maggiori informazioni sulle conseguenze giuridiche per le imprese:

Se la vostra azienda ha concluso un contratto con un partner commerciale di un altro paese dell'UE e dovete inviare in tale paese alcuni vostri dipendenti per un periodo di tempo limitato a fini contrattuali, siete tenuti a rispettare le norme sul distacco. Tali norme si applicano anche se trasferite un dipendente presso una vostra azienda con sede in un altro paese dell'UE. In entrambi i casi deve esistere un rapporto di lavoro tra voi e il personale distaccato.

Le norme sul distacco valgono anche per le agenzie di lavoro temporaneo o interinale che assumono, per conto vostro, persone provenienti da un altro paese dell'UE rispetto al paese in cui è registrata la vostra impresa. In tal caso deve esistere un rapporto di lavoro tra il lavoratore e l'agenzia di lavoro temporaneo o interinale che lavora per conto vostro.

Condizioni di lavoro nel paese ospitante

Per la durata del distacco occorre garantire al personale le condizioni di lavoro vigenti – per legge o contratto collettivo – nel paese ospitante per quanto riguarda:

Se le condizioni di lavoro sono più favorevoli nel proprio paese rispetto a quelle del paese ospitante, è naturalmente possibile mantenerle anche durante il distacco.

Se l'installazione e/o assemblaggio iniziali di determinati prodotti sono parte integrante del contratto e vanno fatte eseguire dal proprio personale qualificato, i requisiti in materia di retribuzione minima e ferie annuali non sono obbligatori se il distacco complessivo è inferiore a 8 giorni.

I paesi dell'UE possono decidere, previa consultazione dei rappresentanti dei datori di lavoro e dei lavoratori, che i requisiti minimi in materia di retribuzione e ferie annuali del paese ospitante possono non applicarsi se il distacco complessivo ha una durata inferiore a 1 mese. Tale eccezione non si applica ai lavoratori distaccati mediante agenzie di lavoro temporaneo.

Sportelli nazionali e siti web

Ogni paese dell'UE dispone di almeno uno sportello nazionale che può fornire informazioni dettagliate in materia di distacco di lavoratori all'estero. Inoltre, gli sportelli collaborano tra loro e si scambiano informazioni, controllano le condizioni di lavoro durante il distacco e le presunte violazioni della normativa.

Per ulteriori informazioni, si prega di consultare il sito web nazionale del paese ospitante.

Scegliere un paese:


Norme previdenziali per i lavoratori distaccati

Mentre lavora temporaneamente in un altro paese dell'UE, il lavoratore distaccato può mantenere la copertura previdenziale del paese in cui lavorava prima di essere distaccato.

Le norme previdenziali durante il distacco all'estero non sono le stesse per i lavoratori dipendenti e i lavoratori autonomi.

Si veda anche:

Futuri regolamenti UE

Hai bisogno di aiuto?

Contatta i servizi di assistenza specializzati

Il vostro consulente EURES

I consulenti EURES offrono informazioni sulle condizioni di lavoro e aiutano nelle procedure di assunzione di personale nel proprio paese o in una regione transfrontaliera.

Sostegno alle imprese locali - Hai domande su come svolgere un'attività transfrontaliera, ad esempio l'esportazione o l'espansione in un altro paese dell'UE? La rete Enterprise Europe può fornirvi una consulenza gratuita.

Condividi questa pagina: