Ultima verifica : 29/10/2018

Gente di mare e lavoratori del settore del trasporto per vie navigabili interne

Decisione del Regno Unito di invocare l'articolo 50 del TUE: Più informazioni

A partire dal 30 marzo 2019 tutto il diritto dell’UE cesserà di applicarsi al Regno Unito a meno che un accordo di recesso ratificato non stabilisca un’altra data, o il Consiglio europeo e il Regno Unito decidano di comune accordo di prorogare il periodo di due anni di negoziati. Per maggiori informazioni sulle conseguenze giuridiche per le imprese:

Gente di mare

Ore di lavoro e di riposo

Se impieghi personale a bordo di navi marittime, l' orario di lavoro standard è di 8 ore al giorno, con un giorno di riposo a settimana e periodi di riposo supplementari nei festivi.

In base alle norme nazionali, il datore di lavoro deve garantire che i membri dell'equipaggio rispettino il limite massimo di ore di lavoro e i tempi minimi di riposo:

  • massimo di ore lavorate: 14 ore nell'arco di 24 ore o 72 ore nell'arco di un periodo di 7 giorni
  • periodo minimo di riposo: 10 ore nell'arco di 24 ore o 77 ore nell'arco di un periodo di 7 giorni

È possibile suddividere le ore di riposo al massimo in due parti. In questo caso, uno dei due periodi di riposo deve durare almeno 6 ore e l'intervallo tra periodi di riposo consecutivi non può eccedere le 14 ore.

Il comandante di una nave ha il diritto di chiedere a un membro dell'equipaggio di svolgere ore supplementari se lo ritiene necessario, ad esempio per l'immediata messa in sicurezza della nave, delle persone a bordo o del carico, oppure per prestare soccorso ad altre navi o persone in pericolo in mare.

Ferie annuali retribuite

Il datore di lavoro deve garantire ai propri dipendenti un minimo di 2,5 giorni di calendario di ferie annuali retribuite per ogni mese, oppure la parte proporzionale per i mesi incompleti. Il periodo minimo di ferie annuali retribuite non può essere sostituito da un'indennità, salvo nel caso in cui si ponga fine al rapporto di lavoro.

Tenuta dei registri

Il datore di lavoro ha l'obbligo di registrare le ore giornaliere lavorate e i periodi di riposo dei membri dell'equipaggio. Ciascun membro dell'equipaggio deve ricevere una copia del registro che lo riguarda, firmata dal comandante della nave e dal membro stesso.

Valutazione dello stato di salute

Prima di iniziare a lavorare a bordo di una nave, i membri dell'equipaggio devono essere in possesso di un certificato medico valido attestante la loro idoneità al lavoro che dovranno svolgere.

A meno che siano richiesti per un periodo più breve, i certificati medici del personale hanno una validità massima di 2 anni. Per i membri dell'equipaggio di età inferiore a 18 anni, la validità massima è di un anno. Si noti che la certificazione della percezione dei colori può essere valido per un periodo massimo di 6 anni.

In casi urgenti l'autorità competente può consentire a un membro dell'equipaggio di lavorare senza un certificato medico valido (o con certificato scaduto durante il viaggio) fino al successivo porto di scalo in cui il membro dell'equipaggio possa ottenere un certificato emesso da un medico qualificato. Ciò è possibile nei seguenti casi:

  • il periodo in questione non è superiore a tre mesi
  • il membro dell'equipaggio ha un certificato medico scaduto di recente

Se assumete membri dell'equipaggio per operare a bordo di navi che effettuano regolarmente viaggi internazionali, assicuratevi che il certificato medico sia redatto almeno in inglese.

I membri dell'equipaggio devono sottoporsi a esami medici periodici. Se un addetto alla guardia di macchina soffre di problemi di salute connessi al lavoro notturno, il datore di lavoro è tenuto a trasferirlo, se possibile, a un lavoro diurno.

Limiti di età

È vietato assumere personale di età inferiore a 16 anni per lavorare a bordo di una nave.

Il personale di età inferiore a 18 anni non può lavorare di notte. Si considera notte un periodo di almeno 9 ore consecutive definito dalla normativa nazionale comprendenti il periodo tra mezzanotte e le 5 del mattino, ad esempio dalle 22 alle 7, oppure dalle 20 alle 5. Il personale di età compresa fra 16 e 18 anni può lavorare durante la notte solo se sta partecipando a un corso di formazione, purché l'autorità competente abbia accettato l'eccezione.

Non è consentito assumere membri dell'equipaggio al di sotto dei 18 anni se le loro attività o il loro impegno possono mettere a repentaglio la loro salute o la loro sicurezza. Per scoprire quali tipi di attività sono vietati, si rimanda a quanto stabilito dalle norme nazionali o dall'autorità competente.

Lavoratori del settore del trasporto per vie navigabili interne

Orario di lavoro, ferie annuali retribuite, turni di notte

Il personale (membri dell'equipaggio o altro personale di bordo) può lavorare 8 ore al giorno. Il datore di lavoro può chiedere ai dipendenti di lavorare più a lungo purché non superino una media di 48 ore di lavoro settimanali su un periodo di 12 mesi. Nell'arco di un periodo di 12 mesi, i dipendenti possono lavorare un massimo di 2 304 ore. Se sono assunti per meno di 12 mesi, occorrerà calcolare l'orario di lavoro massimo consentito in modo proporzionale.

I lavoratori non possono lavorare più di 14 ore nell'arco di 24 ore o 84 ore nell'arco di un periodo di 7 giorni. Prendendo come riferimento un periodo di 4 mesi, se il numero di giorni di lavoro è superiore a quello dei giorni di riposo in base al piano di servizio, i lavoratori devono rispettare l'orario di lavoro medio settimanale di 72 ore.

Il datore di lavoro è tenuto a garantire al personale almeno 4 settimane di ferie annuali retribuite, o una proporzione corrispondente al periodo di assunzione se inferiore a un anno. Il periodo minimo di ferie annuali retribuite non può essere sostituito da un'indennità, salvo nel caso in cui si ponga fine al rapporto di lavoro.

Sulla base di un periodo notturno di 7 ore, il personale può lavorare fino a un massimo di 42 ore notturne alla settimana, tra le 23 e le 6 di mattina.

Periodi di riposo

Il personale non può lavorare per più di 31 giorni consecutivi.

Se il piano di servizio indica che il numero di giorni di lavoro è inferiore a quello dei giorni di riposo, il datore di lavoro deve garantire che il personale goda di un numero di giorni di riposo consecutivi pari a quello dei giorni di lavoro consecutivi. Ad esempio, se il personale lavora 10 giorni consecutivi, il datore di lavoro è tenuto a garantire 10 giorni di riposo consecutivi. È possibile concedere meno giorni di riposo consecutivi, immediatamente dopo i giorni di lavoro consecutivi, purché:

  • sia rispettato il limite massimo di 31 giorni di lavoro consecutivi
  • sia rispettato il numero minimo di giorni di riposo consecutivi indicato nella tabella in basso
  • il periodo di giorni di lavoro prolungato o scambiato sia compensato nel corso del periodo di riferimento

Se in base al piano di servizio il personale ha più giorni di lavoro che giorni di riposo, il numero minimo di giorni di riposo consecutivi va calcolato in base alle indicazioni riportate nella tabella in basso:

Giorni di lavoro consecutivi Giorni di riposo
Da 1 a 10 0,2 giorni di riposo per ogni giorno di lavoro consecutivo
Da 11 a 20 0,3 giorni di riposo per ogni giorno di lavoro consecutivo
Da 21 a 31 0,4 giorni di riposo per ogni giorno di lavoro consecutivo

Come indicato sopra, i giorni parziali di riposo accumulati sono sommati e concessi al personale. I giorni di riposo possono essere presi solo come giorni interi. Per esempio, se un dipendente lavora 12 giorni consecutivi, ha diritto a 3,6 giorni di riposo. Può riposare 3 giorni interi e aggiungere 0,6 giorni al periodo di riposo successivo.

Il personale deve riposare almeno:

  • 10 ore per ogni periodo di 24 ore, almeno sei delle quali di riposo ininterrotto
  • 84 ore per ogni periodo di sette giorni

Lavoro stagionale

Per il personale assunto a bordo di una nave da passeggeri per una stagione (periodo massimo di 9 mesi consecutivi nell'arco di un periodo di 12 mesi) si devono rispettare i seguenti limiti di orario di lavoro:

  • 12 ore per ogni periodo di 24 ore
  • 72 ore per ogni periodo di sette giorni

È obbligatorio concedere al personale 0,2 giorni di riposo per ogni giorno di lavoro. Per ogni periodo di 31 giorni, il personale deve avere almeno 2 giorni di riposo.

Tenuta dei registri

Il datore di lavoro ha l'obbligo di tenere un registro dell'orario di lavoro giornaliero e dei periodi di riposo di ogni lavoratore.

Il registro deve includere almeno le informazioni seguenti:

  • nome della nave
  • nome del lavoratore
  • nome del conduttore della nave responsabile
  • data
  • se si tratta di un giorno di lavoro o di riposo
  • l'inizio e la fine dell'orario di lavoro o del periodo di riposo giornalieri

Questi registri devono essere conservati a bordo fino almeno alla fine del periodo di riferimento e controllati regolarmente insieme ai membri del personale. Occorre inoltre fornire al personale una copia dei registri che li riguardano. La copia dei registri deve essere conservata per almeno un anno.

Valutazione dello stato di salute

Tutti i dipendenti devono sottoporsi a un esame medico annuale gratuito, nel rispetto della confidenzialità. Se un lavoratore notturno soffre di problemi di salute connessi ai turni di notte, il datore di lavoro è tenuto a trasferirlo, se possibile, a un lavoro diurno.

Argomenti correlati

Legislazione dell'UE

Hai bisogno di aiuto?

Contatta i servizi di assistenza specializzati

Contatta un partner di sostegno alle imprese locali

Sostegno alle imprese locali - Hai domande su come svolgere un'attività transfrontaliera, ad esempio l'esportazione o l'espansione in un altro paese dell'UE? La rete Enterprise Europe può fornirvi una consulenza gratuita.

Condividi questa pagina: