Ultima verifica : 15/03/2018

Sostanze chimiche (REACH)

Decisione del Regno Unito di invocare l'articolo 50 del TUE: Più informazioni

A partire dal 30 marzo 2019 tutto il diritto dell’UE cesserà di applicarsi al Regno Unito a meno che un accordo di recesso ratificato non stabilisca un’altra data, o il Consiglio europeo e il Regno Unito decidano di comune accordo di prorogare il periodo di due anni di negoziati. Per maggiori informazioni sulle conseguenze giuridiche per le imprese:

Chi produce o importa una tonnellata o più all'anno di una sostanza chimica nello Spazio economico europeo (Unione europea + Islanda, Liechtenstein e Norvegia) ha l'obbligo di registrarla nella banca dati REACH. L'acronimo REACH (Registration, Evaluation, Authorisation and Restriction of Chemicals) si riferisce al regolamento concernente la registrazione, valutazione, autorizzazione e restrizione delle sostanze chimiche.

Il regolamento REACH si applica a tutte le sostanze chimiche, sia quelle necessarie per i processi industriali sia quelle che utilizziamo nella nostra vita quotidiana, presenti ad esempio in vernici, prodotti per la pulizia, vestiti, mobili ed elettrodomestici. Riguarda quindi la maggior parte delle imprese dello Spazio economico europeo (SEE).

Le sostanze non registrate non possono essere commercializzato o utilizzate.

Il regolamento REACH interessa:

Per conformarsi al regolamento occorre individuare e gestire i rischi associati alle sostanze prodotte e commercializzate nell'UE/SEE.

I produttori e gli importatori che registrano queste sostanze devono illustrare all' Agenzia europea per le sostanze chimiche (ECHA) come vanno utilizzate in condizioni di sicurezza e compilare una scheda contenente i dati sulla sicurezza per informare coloro che potrebbero impiegarle nella catena di approvvigionamento delle eventuali misure di gestione del rischio da adottare.

Gli utilizzatori a valle devono rispettare altri obblighi, il più importante dei quali è adottare le misure di gestione del rischio indicate nelle schede con i dati sulla sicurezza. Occorre verificare che gli usi figurino nel fascicolo di registrazione e contattare i fornitori e i clienti della catena di approvvigionamento.

Per individuare i ruoli e gli obblighi previsti dal regolamento REACH, nonché le eventuali esenzioni che potrebbero applicarsi alla propria azienda, è possibile utilizzare il navigatore ECHA .

Il libretto " La sicurezza chimica nelle imprese" propone un'utile sintesi degli aspetti rilevanti per le piccole aziende.

Come funziona REACH

REACH introduce nuove norme per la commercializzazione delle sostanze isolate, delle miscele e delle sostanze utilizzate nei prodotti. Conferisce alle imprese la responsabilità di:

Inoltre consente all'Unione europea di adottare ulteriori misure se un'azione complementare a livello dell'UE è necessaria. L' Agenzia europea per le sostanze chimiche (ECHA) , con sede a Helsinki (Finlandia), contribuisce al coordinamento e alla messa in atto di tutte le fasi necessarie.

Tariffe e oneri

L'attuazione del regolamento REACH comporta il pagamento di tariffe e oneri. L'importo e le scadenze dipendono dal tipo di richiesta. Per le piccole e medie imprese sono previste tariffe e oneri ridotti. Occorre inoltre tener conto di tutti gli altri costi che il regolamento REACH comporta, tra cui:

È possibile ridurre i costi in modo significativo collaborando con le altre parti interessate e preparandosi per tempo.

Vedi anche:

Argomenti correlati

Legislazione dell'UE

Consultazioni pubbliche

Hai bisogno di aiuto?

Contatta i servizi di assistenza specializzati

Sportello Prodotti

Gli sportelli Prodotti danno informazioni sulle legislazioni nazionali relative ai prodotti e offrono aiuto per accedere al mercato di un altro paese dell'UE.

Helpdesk nazionali per le sostanze chimiche

Gli helpdesk nazionali sono il primo interlocutore per domande riguardanti gli obblighi previsti dai regolamenti CLP e REACH.

Sostegno alle imprese locali - Hai domande su come svolgere un'attività transfrontaliera, ad esempio l'esportazione o l'espansione in un altro paese dell'UE? La rete Enterprise Europe può fornirvi una consulenza gratuita.

Condividi questa pagina: