Percorso di navigazione

Aggiornamento 11/2015

Aggiornamento 11/2015

Sostanze chimiche (REACH)

L'acronimo REACH (Registration, Evaluation, Authorisation and Restriction of Chemicals) si riferisce al regolamento concernente la registrazione, valutazione, autorizzazione e restrizione delle sostanze chimiche. Il regolamento introduce nuove norme per la commercializzazione delle sostanze chimiche, delle miscele e di altri articoli e conferisce alle imprese la responsabilità di gestire i rischi che le sostanze chimiche possono comportare per la salute e l'ambiente.

Non è possibile produrre, commercializzare, importare o utilizzare nell'UE una sostanza chimica che non sia stata registrata nella banca dati REACH.

In linea di massima, il regolamento REACH si applica a tutte le sostanze chimiche, vale a dire non soltanto a quelle utilizzate nei processi industriali, ma anche a quelle di uso quotidiano, presenti, ad esempio, nei detergenti, nelle pitture, nonché in articoli come vestiti, mobili ed elettrodomestici. Il regolamento ha quindi un impatto sulla maggior parte delle imprese europee.

Il regolamento REACH interessa:

  • i produttori che vendono direttamente o forniscono a terzi sostanze chimiche
  • gli importatori che comprano da paesi extra UE singole sostanze chimiche o miscele per rivenderle, oppure prodotti finiti, come vestiti, mobili o articoli di plastica
  • i distributori/dettaglianti che tengono in magazzino o collocano sul mercato sostanze chimiche o articoli contenenti sostanze pericolose, perché vengano ulteriormente lavorati o venduti direttamente ai consumatori
  • gli utilizzatori a valle che impiegano le sostanze nell'esercizio della loro attività industriale o professionale.

Per individuare i ruoli e gli obblighi previsti dal regolamento REACH, nonché le eventuali esenzioni che potrebbero applicarsi alla propria azienda, è possibile utilizzare il navigatore ECHA.

Come funziona REACH?

REACH conferisce alle imprese la maggior parte delle responsabilità per quanto riguarda la gestione dei rischi che le sostanze chimiche comportano e l'opportuna informazione degli utenti in materia di sicurezza lungo la catena di approvvigionamento. Al tempo stesso prevede che l'Unione europea possa adottare misure aggiuntive qualora fosse necessario rafforzare l'azione a livello europeo.

Il regolamento REACH ha anche istituito l'Agenzia europea per le sostanze chimiche (ECHA), che svolge un ruolo centrale di coordinamento e di assistenza per la messa in atto del regolamento.

La registrazione è obbligatoria per le sostanze prodotte o importate in quantitativi pari o superiori ad una tonnellata all'anno per società . Per le sostanze che sono da tempo sul mercato e debitamente preregistrate la registrazione è organizzata in tre fasi, con scadenza il 1° dicembre 2010, il 31 maggio 2013 e il 31 maggio 2018.

Durante la valutazione l'ECHA esamina la qualità delle informazioni fornite nel fascicolo di registrazione e tutte le proposte di test per evitare che vengano effettuati test non necessari, specie sugli animali. Gli Stati membri valutano le sostanze che destano preoccupazione e in grado di nuocere alla salute umana e all'ambiente.

L'autorizzazione è richiesta per certe sostanze che destano forte preoccupazione, in modo da garantire che i rischi che comportano siano adeguatamente controllati e che tali sostanze vengano progressivamente sostituite con altre più sicure quando sono economicamente e tecnicamente praticabili.

La restrizione consiste nel limitare o vietare la produzione, l'immissione sul mercato (commercializzazione) o l'uso di certe sostanze che comportano un rischio inaccettabile per la salute e l'ambiente.

Come conformarsi al regolamento REACH

Bisogna anzitutto definire il ruolo dell'impresa, vale a dire se produce, importa, fornisce o usa sostanze chimiche o articoli contenenti determinate sostanze. Per conformarsi al regolamento occorre individuare e gestire i rischi connessi alle sostanze prodotte e commercializzate nell'UE/SEE.

Quando un produttore o un importatore registrano una sostanza devono illustrare all'ECHA come questa può essere usata in modo sicuro e comunicare le misure di gestione del rischio adottate nella catena di approvvigionamento. Gli utilizzatori a valle non hanno l'obbligo di registrazione, ma ne hanno altri.

Molto importante è attuare le misure di gestione del rischio che figurano nelle schede con i dati sulla sicurezza, verificare che gli utenti figurano nel fascicolo di registrazione e comunicare con i fornitori e clienti della catena di approvvigionamento.

Quali sono i costi?

L'attuazione del regolamento REACH comporta il pagamento di tariffe e oneri. L'importo e le scadenze dipendono dal tipo di richiesta. Per le PMI sono previste tariffe e oneri ridotti. Occorre inoltre tener conto di tutti gli altri costi diretti e indiretti che il regolamento REACH comporta, come lo scambio  di dati, l'analisi socioeconomica, le valutazioni della sicurezza chimica e la ricerca di prodotti sostitutivi. Una buona collaborazione con gli altri operatori può ridurre notevolmente i costi. Ma ciò richiede una buona preparazione e tempo a sufficienza.

Riferimenti

Contatta un partner di sostegno alle imprese locali

La tua richiesta verrà inviata a un partner di sostegno della rete Enterprise Europe. Per aiutare il consulente a svolgere in modo corretto e tempestivo questo servizio gratuito si prega di fornire quante più informazioni possibile.

Sostegno alle imprese locali

Assistenza e consulenza

Contatta i servizi di assistenza specializzati

Assistenza e consulenza

Contatta un partner di sostegno alle imprese locali

La tua richiesta verrà inviata a un partner di sostegno della rete Enterprise Europe. Per aiutare il consulente a svolgere in modo corretto e tempestivo questo servizio gratuito si prega di fornire quante più informazioni possibile.

EEN-logo

Modulo di contatto

(tutti i campi sono obbligatori)
Grazie, il messaggio è stato inviato correttamente.
A causa di problemi tecnici non è stato possibile inviare il messaggio. Riprovare più tardi.
Inserire un indirizzo e-mail valido

Dati personali

Dati dell'impresa

Austria

Wien

Belgio

Brussel

Bruxelles

Namur

Bulgaria

Sofia

Cipro

Nicosia

Croazia

Zagreb

Danimarca

Copenhagen

Estonia

Tallinn

Finlandia

Helsinki

Francia

Blagnac Cedex

Caen

Dijon

Guadeloupe, Martinique

Lille

Lyon

Paca

Paris, Ile-de-France, Centre, Nouvelle-Calédonie, Polynésie

Rennes

Saint-Denis

Germania

Berlin

Bremen

Erfurt

Hannover

Kiel

Leipzig

Magdeburg

Mainz

Mülheim an der Ruhr

München

Rostock

Stuttgart

Wiesbaden

Grecia

Athens

Irlanda

Dublin

Islanda

Reykjavík

Italia

Firenze (Toscana, Umbria, Marche)

Milano (Lombardia, Emilia Romagna)

Napoli (Abruzzo, Calabria, Campania, Basilicata, Molise, Puglia, Sicilia)

Roma (Lazio, Sardegna)

Torino (Piemonte, Liguria, Valle d’Aosta)

Venezia (Veneto, Trentino Alto Adige, Friuli Venezia Giulia)

Lettonia

Riga

Lituania

Vilnius

Lussemburgo

Luxembourg

Malta

Pieta`

Norvegia

Oslo

Paesi Bassi

Den Haag

Polonia

Kielce

Lublin

Warsaw

Wroclaw

Portogallo

Lisboa

Regno Unito

Belfast (Northern Ireland)

Cardiff (Wales)

Edinburgh (Scotland)

London (England)

Repubblica ceca

Praha

Romania

Baciu Cluj

Bucuresti

Constanta

Timișoara

Slovacchia

Bratislava

Slovenia

Ljubljana

Spagna

Barcelona

Madrid

Oviedo

Palma

Santa Cruz de Tenerife

Sevilla

Valencia

Vitoria- Gazteiz

Zaragoza

Svezia

Stockholm

Ungheria

Budapest

3000/3000

Le informazioni inserite nel presente modulo vengono inviate direttamente a un partner della rete Enterprise Europe. I dati personali immessi nel modulo saranno usati solo per aiutare il consulente a rispondere alla tua richiesta; i dati non saranno conservati in seguito.

Assistenza e consulenza

Sportello Prodotti

Gli sportelli Prodotti danno informazioni sulle legislazioni nazionali relative ai prodotti e offrono aiuto per accedere al mercato di un altro paese dell'UE.

Helpdesk dell'ECHA

Helpdesk dell'ECHA