Percorso di navigazione

Aggiornamento : 18/06/2012

shopping

Aprire un conto in banca

Diritti fondamentali

Un consumatore può avere l'intenzione o la necessità di aprire un conto in banca in un altro paese dell'UE. In tal caso la banca è libera di scegliere se accettare o meno la richiesta del cliente. Si tratta di una decisione commerciale privata della banca. Prima di aprire un conto, la banca deve acquisire informazioni sui potenziali clienti. Se si tratta di non residenti, può decidere di valutare le richieste con maggiore accuratezza. La politica di alcune banche potrebbe quindi imporre di non accettare clienti non residenti.

Problemi legati alla residenza

Spesso le banche negano l'apertura di conti bancari a persone  che non vivono nel paese in cui ha sede la banca. Esistono tuttavia anche banche che offrono prodotti specifici per non residenti ed emigrati. Trova la banca a te più vicina che offre la possibilità di aprire conti ai non residenti.

Il rifiuto è accettabile solo alla luce di valide ragioni commerciali. Le banche non possono discriminare i cittadini dell'UE in base alla loro nazionalità.

Caso personale

Le banche possono rifiutarsi di aprirti un conto all'estero

Pur continuando a vivere in Ungheria, Sándor ha iniziato a lavorare per una società con sede nella Repubblica ceca. La società gli ha chiesto di aprire un conto bancario nella Repubblica ceca sul quale potergli accreditare lo stipendio.

Le banche ceche non gli hanno concesso l'apertura del conto, perché non risultava residente, mentre la società si è rifiutata di accreditargli lo stipendio sul conto bancario ungherese.

Sándor ha sporto reclamo contro la banca interessata. Se l'esito del ricorso non lo soddisfa, può rivolgersi alla rete extragiudiziale europea per la gestione dei reclami relativi ai servizi finanziari Deutsch English français.

Anche chi ha un permesso di soggiorno temporaneo in un paese può avere difficoltà ad aprire un conto, dato che alcune banche richiedono il permesso di soggiorno permanente.

Caso personale

Verifica se il rifiuto è giustificato da motivi commerciali

Rosa, cittadina portoghese, si è trasferita per lavoro nel Regno Unito, dove ha tentato di aprire un conto in banca. La banca le ha chiesto un documento in grado di attestare che risiede nel Regno Unito da almeno tre anni.

Benché spetti alla banca decidere se concedere o meno l'apertura di un conto, Rosa, in qualità di cittadina di un paese dell'UE, ha diritto a ricevere lo stesso trattamento dei cittadini britannici.

Dovrebbe quindi chiedere alla banca una dichiarazione scritta che chiarisca i motivi del rifiuto.

Se crede che si tratti di una discriminazione basata sulla nazionalità e che la decisione della banca non sia giustificata da motivi commerciali, può presentare reclamo a un'organizzazione per la tutela dei consumatori, come la rete extragiudiziale europea per la gestione dei reclami relativi ai servizi finanziari Deutsch English français.

Proteggi il tuo denaro

Attualmente, il denaro versato sul vostro conto bancario è protetto nell'UE (fino a 100 000 euro, ma anche di più in molti paesi) in caso di fallimento della banca.

Assistenza e consulenza

Assistenza e consulenza

Non hai trovato le informazioni che cercavi? Hai un problema da risolvere?

Footnote

In questo caso, i 27 Stati membri dell'UE + Islanda, Liechtenstein e Norvegia

Retour au texte en cours.