Percorso di navigazione

Aggiornamento 12/2015

Aggiornamento 12/2015

Ritardi di pagamento

Secondo la legislazione europea, qualsiasi ritardo nei pagamenti di un cliente autorizza il creditore ad applicare interessi di mora.

Ciò vale per tutte le operazioni commerciali effettuate con altre imprese (incluse le ditte individuali, purché rientrino nella definizione di impresa di cui all'articolo 2, paragrafo 3 ) e con le amministrazioni pubbliche.

Condizioni:

  • il creditore deve aver adempiuto ai suoi obblighi contrattuali e di legge
  • il cliente è responsabile del ritardo (nel senso che questo non è dovuto a circostanze che sono al di fuori del suo controllo).

Gli interessi di mora non sono dovuti:

  • in caso di transazioni realizzate con i consumatori
  • in caso di risarcimento danni (ad esempio da parte di compagnie di assicurazione).

Nei paesi UE gli interessi di mora non si applicano se il cliente è soggetto a procedura d'insolvenza.

Quando scattano gli interessi di mora?

Pagamenti con scadenza fissa

Gli interessi possono applicarsi dal 1° giorno successivo alla scadenza.

  • Se il cliente è un'amministrazione pubblica, il pagamento è dovuto entro 30 giorni di calendario.
  • Se il cliente è un'altra impresa, il termine per il pagamento fissato nel contratto non può eccedere i 60 giorni di calendario, se non diversamente convenuto tra le parti e se il termine non è gravemente iniquo per il creditore.

Termine di pagamento non fissato dal contratto

Gli interessi scattano automaticamente 30 giorni di calendario dopo il ricevimento della fattura o della richiesta di pagamento.

Se non conosce la data di ricevimento della fattura, il creditore può chiedere gli interessi di mora 30 giorni di calendario dopo la fornitura dei servizi o prodotti.

Se la fattura è stata inviata prima della fornitura dei servizi o prodotti, gli interessi scattano soltanto dopo la fornitura.

Interessi di mora

Gli interessi di mora sono la somma del tasso di riferimento e di un tasso aggiuntivo stabilito dai singoli paesi (minimo 8%). Le amministrazioni pubbliche non sono autorizzate a fissare tassi d'interesse più bassi. Per quanto riguarda i contratti B2B - in assenza di un accordo - in caso di ritardo nel pagamento si applica il tasso d'interesse legale.

 

Tasso di interesse legale (%/anno)

 

Stato membro 1º luglio 2014 - 31 dicembre 2014
Austria 9,08
Belgio 8,50
Bulgaria 10,02
Cipro 8,05
Croazia 8,14
Danimarca 8,05
Estonia 8,05
Finlandia 8,05
Francia 8,05
Germania 8,17
Grecia 8,05
Irlanda 8,05
Italia 8,05
Lettonia 8,05
Lituania 8,05
Lussemburgo 8,05
Malta 8,05
Paesi Bassi 8,05
Polonia 8,00
Portogallo 8,05
Regno Unito 8,50
Repubblica ceca 8,05
Romania 9,75
Slovacchia 8,05
Slovenia 8,05
Spagna 8,05
Svezia 8,00
Ungheria 9,35

 

  • Il tasso di riferimento per la zona euro è quello che la Banca centrale europea applica alle sue principali operazioni di rifinanziamento English.
  • Nei paesi dell'UE che non usano l'euro, il tasso di riferimento, vale a dire il tasso d'interesse che le banche sono chiamate a pagare quando prendono in prestito denaro dalle loro banche centrali, è fissato dalle banche centrali nazionali.

In entrambi i casi, i tassi di riferimento pubblicati il 1° gennaio e il 1° luglio di ogni anno si applicano a tutte le operazioni eseguite nei 6 mesi successivi alla pubblicazione. Ad esempio, se la scadenza di una fattura non pagata è il 15 marzo, il tasso di riferimento da applicare è quello fissato il 1° gennaio.

 

Calcolatrice degli interessi

Scegliere un paese
Importo dovuto
Giorni trascorsi dal termine di pagamento
Importo totale da pagare (compresi gli interessi):   

 

Per contribuire a tutelare le PMI e le imprese nelle loro operazioni commerciali con imprese più grandi o con le amministrazioni pubbliche, ora è più facile contestare le clausole e le pratiche gravemente inique dinanzi ai giudici nazionali.

Risarcimento delle spese di recupero

Oltre agli interessi dovuti, il creditore ha anche diritto ad un importo forfettario per il risarcimento dei costi di recupero (minimo 40 euro). Può inoltre richiedere un risarcimento di tutti i restanti costi di recupero - fino ad un importo ragionevole.

E-helpdesk per i ritardi di pagamento

per ulteriori informazioni sui pagamenti in ritardo è possibile contattare l'E-Helpdesk: GROW-LATE-PAY-E-DESK@ec.europa.euEnglish

La Commissione invita inoltre le imprese e i cittadini a condividere le informazioni relative all'attuazione della direttiva nei rispettivi paesi e a segnalare eventuali problemi incontrati nel far valere i nuovi diritti sanciti dalla stessa.

Riferimenti

Contatta un partner di sostegno alle imprese locali

La tua richiesta verrà inviata a un partner di sostegno della rete Enterprise Europe. Per aiutare il consulente a svolgere in modo corretto e tempestivo questo servizio gratuito si prega di fornire quante più informazioni possibile.

Sostegno alle imprese locali

Assistenza e consulenza

Contatta i servizi di assistenza specializzati

Assistenza e consulenza

Contatta un partner di sostegno alle imprese locali

La tua richiesta verrà inviata a un partner di sostegno della rete Enterprise Europe. Per aiutare il consulente a svolgere in modo corretto e tempestivo questo servizio gratuito si prega di fornire quante più informazioni possibile.

EEN-logo

Modulo di contatto

(tutti i campi sono obbligatori)
Grazie, il messaggio è stato inviato correttamente.
A causa di problemi tecnici non è stato possibile inviare il messaggio. Riprovare più tardi.
Inserire un indirizzo e-mail valido

Dati personali

Dati dell'impresa

Austria

Wien

Belgio

Brussel

Bruxelles

Namur

Bulgaria

Sofia

Cipro

Nicosia

Croazia

Zagreb

Danimarca

Copenhagen

Estonia

Tallinn

Finlandia

Helsinki

Francia

Blagnac Cedex

Caen

Dijon

Guadeloupe, Martinique

Lille

Lyon

Paca

Paris, Ile-de-France, Centre, Nouvelle-Calédonie, Polynésie

Rennes

Saint-Denis

Germania

Berlin

Bremen

Erfurt

Hannover

Kiel

Leipzig

Magdeburg

Mainz

Mülheim an der Ruhr

München

Rostock

Stuttgart

Wiesbaden

Grecia

Athens

Irlanda

Dublin

Islanda

Reykjavík

Italia

Firenze (Toscana, Umbria, Marche)

Milano (Lombardia, Emilia Romagna)

Napoli (Abruzzo, Calabria, Campania, Basilicata, Molise, Puglia, Sicilia)

Roma (Lazio, Sardegna)

Torino (Piemonte, Liguria, Valle d’Aosta)

Venezia (Veneto, Trentino Alto Adige, Friuli Venezia Giulia)

Lettonia

Riga

Lituania

Vilnius

Lussemburgo

Luxembourg

Malta

Pieta`

Norvegia

Oslo

Paesi Bassi

Den Haag

Polonia

Kielce

Lublin

Warsaw

Wroclaw

Portogallo

Lisboa

Regno Unito

Belfast (Northern Ireland)

Cardiff (Wales)

Edinburgh (Scotland)

London (England)

Repubblica ceca

Praha

Romania

Baciu Cluj

Bucuresti

Constanta

Timișoara

Slovacchia

Bratislava

Slovenia

Ljubljana

Spagna

Barcelona

Madrid

Oviedo

Palma

Santa Cruz de Tenerife

Sevilla

Valencia

Vitoria- Gazteiz

Zaragoza

Svezia

Stockholm

Ungheria

Budapest

3000/3000

Le informazioni inserite nel presente modulo vengono inviate direttamente a un partner della rete Enterprise Europe. I dati personali immessi nel modulo saranno usati solo per aiutare il consulente a rispondere alla tua richiesta; i dati non saranno conservati in seguito.

Assistenza e consulenza

Procedimento europeo per controversie di modesta entità

In caso di controversia commerciale con un fornitore o un cliente di un altro paese dell'UE Per le controversie fino a 2000 euro è possibile far ricorso al procedimento europeo per controversie di modesta entità English per recuperare i propri soldi in maniera semplice.