Navigation path

Left navigation

Additional tools

Other available languages: EN FR

SPEECH/01/451

Discorso del Presidente Romano Prodi

Presidente della Commissione europea

L'Europa a un mese dall'11 settembre: Sfide e risposte

dinanzi al Comitato esecutivo della Confederazione europea dei sindacati

Bruxelles, 11 ottobre 2001

Signore e signori,

Grazie per il vostro invito. Il nostro incontro era previsto da lungo tempo, ed io mi rallegravo all'idea di venire a discutere con voi. Voi sapete quanto è importante per me dialogare con dei sindacati che rappresentano milioni di lavoratori in tutta Europa. Sapete quanto mi stia a cuore la costruzione di un'Europa solidale. Per me, questa espressione significa la ricerca di una crescita sostenibile, vale a dire rispettosa al tempo stesso delle regole sociali ed ambientali e produttiva sul piano economico. Le nostre società hanno bisogno di coesione non meno che di produttività.

Esattamente un mese fa, l'11 settembre, dei terroristi hanno attaccato gli Stati Uniti. Questa settimana sono iniziate le missioni militari sull'Afghanistan. Questi tragici avvenimenti mi spingono, col vostro permesso, a fare qualche riflessione che esula dall'ambito dei vostri lavori. Le immagini di morte giunte da New York e da Washington hanno profondamente toccato qualsiasi essere umano dotato di cuore e di ragione. Ciascuno di noi, ciascuno dei lavoratori che voi rappresentate, ogni uomo e ogni donna che aspira a vivere in pace si è chiesto: "Com'è possibile un simile orrore? Come siamo potuti arrivare a questo punto?"

Molte certezze sono andate in frantumi, molte polemiche suonano ormai vuote.

È a voi, e tramite voi a tutti i cittadini europei, che vorrei indirizzarmi. Per cercare di dissipare la paura, che è sempre cattiva consigliera, per ridarvi un po' di speranza, mostrandovi come la realizzazione del progetto europeo può aiutarci a costruire un mondo più giusto.

Vorrei a tal fine esaminare i cinque principi che devono guidare l'azione degli Europei in questa crisi:

  • dobbiamo evitare di cadere nella trappola dello scontro tra civiltà;

  • dobbiamo renderci conto di quanto le nostre affinità superano le nostre diversità;

  • dobbiamo manifestare una solidarietà assoluta nei confronti degli Stati Uniti;

  • dobbiamo fare la scelta dell'integrazione europea;

  • dobbiamo promuovere la nostra concezione, multilaterale e solidale, della politica.

Evitare di cadere nella trappola dello scontro tra civiltà

I crimini commessi negli Stati Uniti riguardano tutta l'umanità. Non è una guerra tra civiltà, non è uno scontro tra religioni. I nostri aggressori vogliono attirarci in una trappola. Come già ho voluto ricordare il giorno di Yom Kippur, parlando alla moschea di Bruxelles, attentati sono il frutto del fanatismo e dell'odio di un piccolo gruppo.

L'Europa, che è stata teatro di tante e tante persecuzioni religiose e che ha prodotto la Shoah non può certo pretendere di dare lezioni a nessuno; essa è però portatrice di un messaggio universale. Nel secolo dei Lumi, dei filosofi europei si sono battuti, nei loro stessi paesi, contro le pratiche dei monarchi assoluti, contro le atrocità commesse, anche allora, nel nome di Dio. Hanno rischiato la vita, scontrandosi con l'atteggiamento dominante, per promuovere la tolleranza.

In quegli stessi anni, gli Americani proclamavano la loro indipendenza in termini altrettanto universali, che vorrei oggi ricordare: "tutti gli uomini sono creati eguali … dotati di certi inalienabili diritti, [e] tra questi diritti sono la Vita, la Libertà, e la ricerca della Felicità."

Io faccio appello oggi a tutti gli uomini, credenti o atei. Che ciascuno, nell'ambito della propria sfera culturale o religiosa, promuova la tolleranza e la moderazione.

Renderci conto di quanto le nostre affinità superano le nostre diversità

Noi Europei abbiamo molto discusso, in questi ultimi anni, di quali sono i nostri "valori". L'anno scorso abbiamo proclamato una Carta dei diritti fondamentali.

In questo documento si afferma che "I popoli dell'Europa … hanno deciso di condividere un futuro di pace fondato su valori comuni." Tra tali valori figurano naturalmente la libertà, la sicurezza, ma anche come ben sapete, dato che i sindacati hanno partecipato attivamente all'opera di redazione la solidarietà.

Ho già espresso il mio rammarico per il fatto che alla Carta non sia riconosciuto valore vincolante, e ribadisco oggi solennemente il mio appello agli Stati membri affinché le diano rapidamente forza giuridica. Non è questo un campo in cui possiamo certo accontentarci di dichiarazioni politiche.

Al tempo stesso, la globalizzazione ha suscitato numerosi dibattiti e controversie, per non parlare degli scontri violenti di Göteborg e di Genova.

Gli avvenimenti dell'11 dicembre ci costringono brutalmente a fare i conti con la realtà.

Ci dimostrano che noi viviamo già in un mondo globalizzato. Questa d'altronde è una certezza che io nutro da tempo. Ecco perché la Commissione ha difeso una posizione ambiziosa a proposito del Protocollo di Kyoto sulla lotta all'effetto serra. Ecco perché la Commissione intende contribuire al successo del prossimo round di negoziati dell'Organizzazione mondiale del commercio a Doha e si batte perché all'ordine del giorno di tale riunione figurino i temi sociali e ambientali.

Le aggressioni dell'11 settembre hanno dato una dimostrazione sin troppo tangibile della globalizzazione: sfruttando le innovazioni tecnologiche e facendo leva sull'apertura di un paese democratico, un nemico nascosto nel suo rifugio tra montagne lontane e inaccessibili ha potuto uccidere migliaia di civili, sul loro posto di lavoro, a Manhattan. La minaccia è mondiale, gli strumenti dei terroristi sono globali.

Dobbiamo dunque porci delle domande fondamentali. La nostra risposta dev'essere adeguata al mondo globalizzato. Dobbiamo trovare risposte comuni a problemi comuni.

Io mi auguro di tutto cuore che il dibattito un po' astratto che è stato lanciato sul futuro dell'Europa affronti queste problematiche. Non si tratta più di faccende riservate ai tecnocrati o agli specialisti di questioni istituzionali. Si tratta di interrogativi fondamentali. Eccoli.

Siamo pronti, nell'Unione europea, a dare la precedenza a quello che ci avvicina gli uni agli altri i valori essenziali e a scordarci di quello che ci divide su questo o quell'aspetto secondario?

Vogliamo difendere assieme, in maniera decisa, i nostri interessi comuni e in primo luogo quella formidabile apertura agli altri popoli e questa promessa di prosperità che è anche, e soprattutto, la mondializzazione?

Non abbiamo forse dimenticato che ai diritti si accompagnano dei doveri?

Che politica dobbiamo attuare nei confronti dei paesi più poveri per sradicare la miseria, terreno di cultura dell'oscurantismo? O per integrare nelle nostre società dei giovani che, disorientati, rischiano di cadere in preda al fanatismo?

Siamo pronti a farci delle reciproche concessioni per costruire un'Europa solidale al suo interno e abbastanza solida rispetto all'esterno, per difendere le sue idee?

Certo, non dobbiamo rispondere in modo precipitoso. Le conseguenze di queste azioni terroristiche richiedono delle soluzioni destinate a durare nel tempo. Ci tenevo però a sollevare queste questioni, estremamente politiche, a lungo trascurate nella costruzione europea. In questi ultimi giorni numerosi Capi di Stato e di Governo europei hanno ricordato che l'Europa diventava sempre più "necessaria".

Le questioni iscritte all'ordine del giorno sono questioni politiche. Tentare di rispondervi con dei cavilli significherebbe tagliare definitivamente i ponti con i nostri concittadini.

Ecco perché, subito dopo gli attentati dell'11 settembre, ho chiesto a tutti i Commissari di farmi delle proposte nei rispettivi settori di competenza. La Commissione sta esaminando le iniziative che potrebbe prendere nelle prossime settimane, serenamente, dopo attenta riflessione.

Manifestare una solidarietà assoluta nei confronti degli Stati Uniti

L'Unione europea ha reagito in modo rapido e coerente agli attacchi contro gli Stati Uniti.

I Ministri dei trasporti e della giustizia dei Quindici hanno tenuto delle riunioni straordinarie sulla sicurezza aerea e sulla lotta contro il terrorismo. Un Consiglio "Affari generali" ha assicurato il coordinamento delle posizioni nazionali.

Già il 21 settembre grazie all'impegno della Presidenza belga si è tenuto un Consiglio europeo straordinario vale a dire una riunione di Capi di Stato e di Governo per affrontare tutte le questioni economiche, diplomatiche e giuridiche legate agli attentati. In quella occasione si è deciso di creare un mandato d'arresto europeo e di facilitare le estradizioni.

Al tempo stesso, sia pure in maniera meno visibile, l'euro ha protetto le nostre economie.

Gli Stati membri alleati degli Stati Uniti, infine, hanno dichiarato applicabile l'articolo 5 del trattato dell'Atlantico settentrionale, per la prima volta nella storia della NATO. Vari Stati membri dell'Unione hanno offerto l'appoggio delle loro truppe. Questi impegni faciliteranno la reazione americana, cui le Nazioni Unite hanno riconosciuto il carattere di legittima difesa.

L'Unione e i suoi Stati membri hanno dunque agito utilizzando tutto l'armamentario degli strumenti a loro disposizione. L'Europa si è dimostrata efficace in questa crisi avendo reagito rapidamente e correttamente, ma soprattutto perché le questioni di procedura o di metodologia (comunitaria o intergovernativa) sono passate in secondo piano.

In quanto Presidente della Commissione, mi felicito dell'unità raggiunta nell'azione. Mi auguro che queste tragedie servano almeno a farci concentrare stabilmente sui risultati. Dobbiamo ottenere dei risultati concreti, ora e nel lungo termine.

Una volta passata l'emozione, non potrebbe esserci nulla di peggio che tornare a manifestare le nostre divergenze (ad esempio sulla maniera di ricostruire l'Afghanistan) o tornare alle nostre controversie istituzionali, così lontane dalle preoccupazioni dei cittadini.

Fare la scelta dell'integrazione

Data questa situazione, dobbiamo renderci conto che l'Europa si trova ad un bivio.

Questi avvenimenti si verificano infatti in un momento cruciale della costruzione europea: come dimostrano tutti i discorsi fatti a partire dalla primavera del 2000, tutti sono d'accordo sulla necessità delle riforme. L'imminente ingresso di una dozzina di nuovi Stati membri, così come i grandi cambiamenti provocati dalla globalizzazione impongono una rifondazione dell'Unione. È venuto inoltre il momento di coinvolgere di più i cittadini nell'integrazione.

I recenti avvenimenti non fanno che confermare questa necessità. Tuttavia non è certo che, lasciata a se stessa, l'evoluzione sia positiva.

La crisi attuale può favorire l'integrazione accentuando la necessità di agire a un livello più alto. Una maggiore convergenza nella politica estera, un ravvicinamento nel campo della giustizia e degli affari interni possono contribuire a relativizzare le divergenze e favorire una soluzione delle questioni istituzionali ancora aperte.

Ma le cose potrebbero anche andare nel senso opposto. La paura, la percezione di una minaccia fisica (in caso di attentati in Europa, ad esempio, o di rischi biologici o chimici su grande scala) potrebbero approfondire i contrasti: potrebbero insorgere gravi divergenze politiche tra Stati membri sulle iniziative da prendere (contro il terrorismo o nel campo della politica estera, o addirittura in materia di difesa). Il clima di guerra è generalmente favorevole al ripiegamento sul piano nazionale. L'Unione, che dispone di scarsi strumenti d'azione in campo diplomatico o per le azioni di polizia, per non parlare della difesa, può rischiare molto.

Al Vertice di Laeken del prossimo dicembre si dovrebbe dar vita a una Convenzione composta di parlamentari nazionale ed europei, di rappresentanti dei Governi e della Commissione per preparare le future riforme dell'Unione. I suoi lavori saranno accompagnati da un grande dibattito in modo da ampliare l'ambito tradizionale delle discussioni europee.

Nell'ipotesi di una evoluzione favorevole alla integrazione, la Convenzione preparerebbe adeguatamente il terreno e arriverebbe a formulare delle proposte praticabili; la Conferenza intergovernativa porterebbe così alle riforme.

Nell'ipotesi di un ripiegamento sulla dimensione nazionale, la Convenzione sarebbe marginalizzata e i grandi problemi sarebbero dibattuti altrove.

Io invito voi, e con voi tutti i cittadini, a partecipare attivamente a questo dibattito perché possa prevalere la prima ipotesi.

La Convenzione, inoltre, dovrà lavorare a stretto contatto con le parti sociali e con tutta la società civile. In questo dibattito, i sindacati devono svolgere sino in fondo il loro ruolo. La legittimazione e la rappresentatività delle parti sociali sono un patrimonio storicamente acquisito. Scordarlo sarebbe scordare il nocciolo stesso della società.

L'integrazione è una conquista fragile e preziosa, è il nostro patrimonio comune; abbiamo appena potuto constatare come la pace e la stabilità non sono mai acquisite una volta per tutte, neppure nei paesi apparentemente più potenti.

Io sono profondamente convinto che dobbiamo accelerare il processo di integrazione già in corso: l'11 settembre ci impone di agire, senza precipitazione ma con rapidità e decisione, seguendo la direzione già imboccata dall'Unione europea. Abbiamo già in gran parte realizzato l'integrazione economica e monetaria. Ora dobbiamo affrontare assieme le questioni sociali, il problema dello sviluppo sostenibile, della giustizia e della sicurezza.

Ma come fare, in pratica?

A Laeken bisogna decidere di mettere in atto la riforma sempre rinviata in occasione delle precedenti conferenze intergovernative (in particolare ad Amsterdam e a Nizza).

Per riuscirci, dovremo procedere in un altro modo, parlando dei nostri obiettivi prima di passare agli aspetti tecnici.

Il mandato della Convenzione dovrà porre in modo chiaro gli interrogativi centrali per il futuro dell'Unione:

  • Come definire gli obiettivi interni dell'Unione europea e il ruolo che essa intende svolgere nel mondo?

  • Come semplificare l'architettura europea e i trattati, in particolare nella prospettiva dell'allargamento?

  • Come chiarire le responsabilità ed associare alle decisioni europee gli eletti nazionali e più in generale tutta la società?

  • Come rendere l'Unione più efficace?

Quando conosceremo le risposte a queste domande, potremo immaginare le procedure giuridiche e gli strumenti necessari per raggiungere i nostri obiettivi. Il mio obiettivo per il 2004 si può sintetizzare così: un'Unione allargata, efficace e democratica.

Multilateralismo e solidarietà

L'Unione europea può contare su alcuni importanti punti di forza per affrontare le sfide attuali.

Si tratta, come ho detto, di un progetto basato su alcuni valori supremi: il rifiuto della guerra, il rispetto delle differenze culturali, la libertà e la solidarietà.

L'Unione europea combina inoltre il liberalismo economico (mercato unico, quattro libertà) con un'organizzazione adeguata a questo mercato. Le norme esistenti in materia di concorrenza o di controllo degli aiuti evitano le distorsioni.

L'Unione poi è riuscita a realizzare l'integrazione monetaria. Tale situazione comporta numerosi vantaggi, che si possono sintetizzare in un'unica parola: stabilità. Dal lancio dell'euro, nel gennaio del 1999, l'Europa ha goduto una situazione di stabilità dei tassi di cambio, di stabilità dei prezzi, di stabilità finanziaria e fiscale.

Questa stabilità, ci tengo a ripeterlo davanti a voi, non è fine a se stessa, ma è uno strumento: lo scopo ultimo dell'unione economica e monetaria è permettere l'ammodernamento dell'Unione europea, portarla ad una maggiore crescita e a una maggiore occupazione.

Tutti questi anni di politica strutturale sono stati anni duri. I lavoratori e le loro organizzazioni sindacali sono stati tra gli artefici di questo "patto europeo" che ha permesso il risanamento e la stabilizzazione delle nostre economie.

Ciononostante, il livello di organizzazione politica dell'Unione è ancora inferiore al livello di integrazione economica.

Questa situazione non è soddisfacente, in particolare in quanto impedisce all'Unione di avere una politica abbastanza attiva a favore della parte più vulnerabile e più svantaggiata della società.

Abbiamo varato delle procedure innovative a Lisbona, in particolare il metodo aperto di coordinamento delle politiche sociali.

Temi quali l'accesso di tutti all'occupazione, la prevenzione dei rischi di esclusione, l'azione a favore dei più deboli figurano ormai all'ordine del giorno delle Istituzioni europee.

Poco a poco si vanno affinando degli indicatori relativi alla povertà e alla lotta contro l'esclusione, ciò che permetterà di intervenire in modo più efficace. Gli Stati membri si sono impegnati a presentare dei piani d'azione nazionali.

A Nizza, nel dicembre scorso, è stata adottata l'"Agenda sociale europea", un documento che stabilisce i grandi orientamenti dell'azione europea in campo sociale per i prossimi cinque anni. A Stoccolma, nel giugno scorso, l'Unione si è dimostrata intenzionata a proseguire sulla stessa strada.

Molto resta ancora da fare, ma questi primi passi sono motivo di speranza per le categorie interessate, un importante riconoscimento della necessità di attuare delle politiche sociali accanto a quelle economiche.

Non posso oggi entrare nei dettagli di questo argomento, ma la Commissaria Diamantopoulou ha pubblicato ieri una relazione che fa il punto in maniera esauriente sulla questione dell'inclusione sociale.

Le conseguenze indirette dell'11 settembre potrebbero essere notevoli anche in campo economico e sociale.

Anzitutto, ed è una cosa positiva, non potrà più imporsi come dottrina una certa forme di "pensiero unico" che difende un liberismo sfrenato. Abbiamo visto i danni spaventosi provocati dai movimenti di capitali che finanziano il terrorismo, abbiamo visto i limiti del segreto bancario, abbiamo visto i pericoli dei santuari utilizzati per il riciclaggio del denaro sporco.

In secondo luogo, e questo è preoccupante, il rallentamento dell'economia potrebbe essere superiore al previsto. La Commissione e gli Stati membri si sono impegnati a vigilare sulle conseguenze di questa situazione, in particolare per quanto riguarda l'occupazione.

Mi preoccupa la prospettiva di una recrudescenza dei licenziamenti. Quando i lavoratori perdono il lavoro, inizia un dramma umano, e il tessuto sociale si lacera.

Un rafforzamento della coesione interna dell'Europa è essenziale per permetterle di conservare la sua posizione, accanto agli Stati Uniti, nel mondo del dopo 11 settembre 2001.

Nel complesso, io sono convinto che l'Europa può proporre la speranza di un mondo più giusto; di un mondo concepito per l'uomo e non contro di lui.

Un mondo in cui la riconciliazione tra vecchi nemici è una realtà.

Un mondo in cui esistono procedure giuridiche per la soluzione delle controversie.

Un mondo in cui gli Stati e i popoli grandi e piccoli collaborano, a volte con difficoltà, ma con la volontà di riuscire, nel reciproco rispetto.

Un mondo fondato su un modello solidale di società, in cui esistono delle politiche di ridistribuzione, in cui si tiene conto dei più vulnerabili.

Un mondo in cui la competitività procede di pari passo con la consapevolezza sociale e l'eccellenza delle politiche sociali.

Signore e signori, spero che capirete perché mi sembrava particolarmente importante, a un mese dagli attentati in America, ad ampliare il campo delle mie riflessioni.

Vi ringrazio dell'attenzione.


Side Bar