investEU
Condividi

Salvaguardare la biodiversità del Mediterraneo

Medsealitter monitora e gestisce l'impatto dei rifiuti di plastica nel nostro mare

Il progetto

Il progetto Medsealitter, finanziato dall’Unione europea con oltre 2 milioni di €, ha l’obiettivo di dare vita a una rete di collaborazione tra aree marine protette – con il supporto di organizzazioni scientifiche e ONG – al fine di sviluppare e applicare protocolli condivisi per gestire l'impatto dei rifiuti di plastica in mare, considerati tra i più gravi inquinanti per la biodiversità del Mar Mediterraneo.

Proteggere il Mediterraneo dai rifiuti di plastica

Recenti studi hanno evidenziato come la plastica costituisca il 95% dei rifiuti che galleggiano nel Mediterraneo o che finiscono sulle nostre spiagge. I rifiuti marini provocano danni ambientali alla flora e fauna marina, con ripercussioni economiche su turismo, pesca e trasporti marittimi.

„Credo che la minaccia ambientale dei rifiuti marini sia paragonabile a quella del riscaldamento globale”, afferma Claudio Valerani, Tecnico Ambientale dell’Area Marina del Parco Nazionale delle Cinque Terre.

L'UE sta investendo nello sviluppo di tecniche per individuare e ridurre i rifiuti marini in modo efficace e integrato, al fine di proteggere gli ecosistemi e le persone. Infatti, tracce di micro-plastiche sono state trovate anche nel pesce destinato al consumo umano. Le possibili conseguenze per la salute derivanti dall’ingestione di microplastiche non sono ancora del tutto note, ed è quindi fondamentale impedire che entrino nella catena alimentare. La nuova direttiva UE proibisce anche l’uso di prodotti di plastica monouso e affronta il problema degli attrezzi da pesca abbandonati, che insieme rappresentano il 70% di tutti i rifiuti marini. Si stima che grazie a queste norme si potranno evitare danni ambientali per 22 miliardi di euro entro il 2030, consentendo di evitare emissioni pari a 3,4 milioni di tonnellate di CO2.

Fatti e cifre
  • A livello mondiale, entro il 2025 nel mare vi sarà 1 tonnellata di plastica ogni 3 tonnellate di pesci
  • Oltre 260 specie(soprattutto pesci, cetacei e tartarughe) ingeriscono rifiuti di plastica
  • L‘85% del bilancio totale del progetto Medsealitter è finanziato dal Fondo europeo di sviluppo regionale tramite il programma MED
  • Il progetto coinvolge 10 partner di 4 Paesi UE (Italia, Spagna, Francia e Grecia)
Coordinatore:
Parco Nazionale delle Cinque Terre (Italia)
Finanziamenti dell'UE:
EUR 2 000 000
Partner:
ISPRA (Italia), Legambiente (Italia), Università di Barcellona (Spagna), Università di Valencia (Spagna), Ass Medasset (Grecia), Hellenic Centre for Marine Research (Grecia), AMP Villasimius (Italia), Ecole Pratique des Haute Etudes (Francia)
Luogo:
Italia
Durata:
2016 - 2019
ECAS Login