European Union website, the official EU website

Un’Europa senza frontiere

Un’Europa senza frontiere

1990 | 1991 | 1992 | 1993 | 1994 | 1995 | 1996 | 1997 | 1998 | 1999

Un’Europa senza frontiere

Con il crollo del comunismo nell’Europa centrale ed orientale i cittadini europei si sentono più vicini. Nel 1993 viene completato il mercato unico in virtù delle "quattro libertà" di circolazione di beni, servizi, persone e capitali. Gli anni Novanta sono inoltre il decennio di due importanti trattati: il trattato di Maastricht sull’Unione europea (1993) e il trattato di Amsterdam (1999). I cittadini europei si preoccupano di come proteggere l’ambiente e di come i paesi europei possano collaborare in materia di difesa e sicurezza. Nel 1995 aderiscono all’UE tre nuovi Stati membri: Austria, Finlandia e Svezia. Una piccola località del Lussemburgo dà il nome agli accordi di "Schengen" che, gradualmente, consentono ai cittadini di viaggiare liberamente senza controllo dei passaporti alle frontiere. Milioni di giovani studiano all’estero con il sostegno finanziario dell’UE. Viene semplificata anche la comunicazione, in quanto sempre più cittadini utilizzano il telefono cellulare ed Internet.

1991

Nei Balcani la Iugoslavia inizia a dissolversi. Il conflitto scoppia prima in Croazia e poi in Bosnia ed Erzegovina dove serbi, croati e musulmani si combattono in una sanguinosa guerra civile.

7 febbraio 1992

Il trattato sull'Unione europea viene firmato a Maastricht, nei Paesi Bassi. Si tratta di un importante traguardo per l’UE, che stabilisce norme chiare per quanto riguarda la futura moneta unica, la politica estera e di sicurezza e una cooperazione più stretta in materia di giustizia e affari interni. Ai sensi del trattato, la denominazione "Unione europea" sostituisce ufficialmente quella di "Comunità europea".

1° gennaio 1993

Il mercato unico e le sue quattro libertà sono sanciti: la libera circolazione delle merci, dei servizi, delle persone e dei capitali diventa una realtà. Sono oltre 200 gli atti legislativi approvati dal 1986 in campi che vanno dalla politica tributaria alla regolamentazione delle attività economiche, alle qualifiche professionali e ad altri ostacoli all'apertura delle frontiere. La libera circolazione di alcuni servizi viene rinviata.

1° gennaio 1995

L'Austria, la Finlandia e la Svezia aderiscono all'UE. I 15 Stati membri ora coprono quasi l’intero territorio dell’Europa occidentale.

Stati membri Stati membri: Germania, Francia, Italia, Paesi Bassi, Belgio, Lussemburgo, Danimarca, Irlanda, Regno Unito, Grecia, Spagna e Portogallo.

Nuovi Stati membri:Nuovi Stati membri: Austria, Finlandia e Svezia.

Mappa - Stati membri dell'UE 1995 © Unione europea 

Elenco di tutti gli Stati membri dell'UE e data di adesione

26 marzo 1995

L’accordo di Schengen prende effetto in sette paesi: Belgio, Francia, Germania, Lussemburgo, Paesi Bassi, Portogallo e Spagna. I viaggiatori di qualsiasi nazionalità possono viaggiare tra tutti questi paesi senza il controllo dei passaporti alle frontiere. Da allora altri paesi hanno aderito allo spazio Schengen, dove non è più necessario il passaporto.

17 giugno 1997

Firma del trattato di Amsterdam. Si basa sui risultati ottenuti con il Trattato di Maastricht, che delineava piani di riforma delle istituzioni dell’UE, per dare all’Europa una voce più forte nel mondo e destinare maggiori risorse all’occupazione e ai diritti dei cittadini.

13 dicembre 1997

I leader dell’UE convengono di avviare il processo dei negoziati di adesione con 10 paesi dell’Europa centrale e orientale: Bulgaria, Estonia, Lettonia, Lituania, Polonia, Repubblica ceca, Romania, Slovacchia, Slovenia e Ungheria. Sono incluse anche le isole mediterranee di Cipro e Malta. Nel 2000, le modifiche del trattato concordate a Nizza aprono la via all’allargamento cambiando le regole di voto nell'UE.

1° gennaio 1999

L’euro viene introdotto in 11 paesi (la Grecia si aggiunge nel 2001) solo per le transazioni commerciali e finanziarie. Banconote e monete metalliche arriveranno in seguito. I paesi dell’area dell’euro sono: Austria, Belgio, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Portogallo e Spagna. La Danimarca, la Svezia e il Regno Unito decidono di restarne fuori per il momento.

Fine anni ’90

Telefoni cellulari e Internet iniziano a cambiare il nostro modo di comunicare. La tecnologia alla base di entrambi è europea. I giovani viaggiano di più, e gli studenti si prendono spesso un anno di libertà per vedere il mondo, utilizzando la posta elettronica per tenersi in contatto.

1990 | 1991 | 1992 | 1993 | 1994 | 1995 | 1996 | 1997 | 1998 | 1999
Vedi anche: