European Union website, the official EU website

Una comunità in crescita – il primo allargamento

Una comunità in crescita – il primo allargamento


1970 | 1971 | 1972 | 1973 | 1974 | 1975 | 1976 | 1977 | 1978 | 1979

Una comunità in crescita – il primo allargamento

Con l’adesione della Danimarca, dell’Irlanda e del Regno Unito il 1° gennaio 1973, il numero degli Stati membri dell’Unione europea sale a nove. Il breve ma cruento conflitto arabo-israeliano dell’ottobre 1973 scatena una crisi energetica e problemi economici in Europa. La caduta del regime di Salazar in Portogallo nel 1974 e la morte del generale Franco in Spagna nel 1975 decretano la fine delle ultime dittature di destra al potere in Europa. La politica regionale comunitaria comincia a destinare ingenti somme al finanziamento di nuovi posti di lavoro e di infrastrutture nelle aree più povere. Il Parlamento europeo accresce la propria influenza nelle attività dell’UE e, nel 1979, viene eletto per la prima volta a suffragio universale.

24 aprile 1972

Il primo progetto dell’UE di una moneta unica risale al 1970. Per preservare la stabilità economica, i paesi dell’UE decidono di tollerare oscillazioni nei cambi delle rispettive monete soltanto entro limiti ridotti. Questo meccanismo di cambio, creato nel 1972, è un primo passo verso l’introduzione dell’euro, che avverrà 30 anni più tardi.

La lotta all’inquinamento si intensifica negli anni Settanta. L’UE adotta una normativa a tutela dell’ambiente, introducendo per la prima volta il principio " chi inquina paga ". Vengono fondati gruppi di pressione, tra cui Greenpeace.

1º gennaio 1973

I sei paesi fondatori diventano ufficialmente nove con l’adesione all’UE di Danimarca, Irlanda e Regno Unito.

Stati membri  Stati membri: Belgio, Francia, Germania, Italia, Lussemburgo e Paesi Bassi.

Stati membri Nuovi Stati membri: Danimarca, Irlanda e Regno Unito.

Mappa – Gli Stati membri dell’UE 1973 © Stefan Chabluk

Elenco dei paesi membri dell'UE in ordine cronologico

A seguito della guerra arabo-israeliana dell’ottobre 1973, i paesi produttori di petrolio del Medio Oriente impongono ingenti aumenti e limitano le esportazioni verso alcuni paesi europei, causando problemi economici in tutta l’UE.

10 dicembre 1974

Per dimostrare la loro solidarietà, i leader dell’UE creano il Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR), avente per obiettivo il trasferimento di denaro dalle regioni ricche a quelle povere per migliorare le strade e le comunicazioni, favorire gli investimenti e creare posti di lavoro. Successivamente, questo tipo di attività rappresenterà un terzo di tutta la spesa dell’UE.

7-10 giugno 1979

Per la prima volta i cittadini dell’UE eleggono direttamente i membri del Parlamento europeo, che in precedenza venivano designati dai parlamenti nazionali. Gli europarlamentari fanno parte di gruppi politici paneuropei (socialisti, conservatori, liberali, verdi ecc.), non di delegazioni nazionali. L’influenza del Parlamento è in costante aumento.

La caduta del regime di Salazar in Portogallo nel 1974 e la morte del generale Franco in Spagna nel 1975 rappresentano la fine delle ultime dittature di destra al potere in Europa. Entrambi i paesi dichiarano la loro intenzione di introdurre un governo democratico: un importante passo avanti che li porterà alla successiva adesione all’UE.

Nel 1978 l’uccisione di Aldo Moro, ex presidente del Consiglio, costituisce uno dei tanti atti di terrorismo dei gruppi estremisti negli anni Settanta. Fra le vittime del terrorismo vi sono avvocati, uomini d’affari e politici, nonché 11 atleti israeliani dei Giochi olimpici di Monaco del 1972.

1970 | 1971 | 1972 | 1973 | 1974 | 1975 | 1976 | 1977 | 1978 | 1979
Vedi anche: