Unione Europea

Storia e finalità dell'euro

Storia e finalità dell'euro

Perché una moneta comune?

Fin dalla fine degli anni Sessanta l'Unione economica e monetaria (UEM) era stata un'ambizione ricorrente dell'Unione europea. L'UEM comporta il coordinamento delle politiche economiche e finanziarie, una politica monetaria comune e una moneta unica, l'euro, che offre numerosi vantaggi: le imprese effettuano scambi transfrontalieri più facilmente, l’economia ottiene risultati migliori e i consumatori dispongono di una scelta più ampia e di maggiori opportunità.

La strada verso l'UEM è stata però irta di ostacoli politici ed economici: a turno, infatti, lo scarso impegno politico, le difformità di vedute riguardo alle priorità dell'economia e le turbolenze dei mercati internazionali hanno costituito altrettanti scogli da superare per garantire il progresso verso l'Unione economica e monetaria.

La strada verso l'euro

La stabilità monetaria internazionale dell'immediato dopoguerra non durò a lungo. I disordini dei mercati valutari internazionali minacciarono il regime di prezzi comuni instaurato nell'ambito della politica agricola comune, uno dei principali pilastri dell'allora Comunità economica europea. Successivi tentativi di conseguire una stabilità dei tassi di cambio furono scoraggiati dalle crisi del petrolio e da altri shock, fino a quando, nel 1979, venne avviato il Sistema monetario europeo (SME).

Lo SME si basava su un sistema di tassi di cambio usato per mantenere le oscillazioni delle valute partecipanti entro un intervallo ristretto. Questo approccio completamente nuovo rappresentò una forma di coordinamento delle politiche monetarie tra i paesi dell’UE senza precedenti e funzionò bene per oltre un decennio. Fu però sotto la presidenza di Jacques Delors che i governatori delle banche centrali dei paesi dell’UE redassero la "relazione Delors" sulle modalità per conseguire l'UEM.

Da Maastricht all'euro e all'area dell'euro, 1991-2002

La relazione Delors proponeva un periodo preparatorio suddiviso in tre fasi, compreso tra il 1990 e il 1999, per giungere a un’Unione economica e monetaria e all’area dell’euro. I leader europei accettarono le raccomandazioni contenute nella relazione Delors.

Il nuovo trattato sull'Unione europea, che conteneva le disposizioni necessarie per la creazione dell'Unione monetaria, fu approvato durante il Consiglio europeo di Maastricht, nei Paesi Bassi, nel dicembre 1991.

Dopo un decennio di preparativi l'euro venne introdotto il 1° gennaio 1999: durante i primi tre anni fu "invisibile", in quanto utilizzato solo a fini contabili e per i pagamenti elettronici. Le monete e le banconote entrarono in circolazione il 1° gennaio 2002 e in 12 paesi dell'UE si assistette al passaggio a una nuova valuta più rilevante della storia.

Back to top