EU PROTECTS > Il nostro ambiente > Una rete di sicurezza per le tartarughe marine: in che modo l’UE aiuta a salvaguardare i nostri ecosistemi marini

«La conservazione delle tartarughe marine punta a salvaguardare questa specie a rischio di estinzione e il ruolo fondamentale che svolge per la salute degli ecosistemi marini, da cui tutti noi dipendiamo».

ANDREAS DEMETROPOULOS

Nel Mediterraneo e nell’Adriatico, questi animali svolgono un ruolo chiave negli ecosistemi marini: contribuiscono a mantenere sane le praterie sottomarine e trasportano sostanze nutritive essenziali a riva. Queste maestose creature sono sempre state minacciate dai predatori, ma oggi la loro sopravvivenza è messa a rischio dalle reti da pesca, dalle eliche delle barche e dall’inquinamento. 

Ricercatori, ONG e volontari di tutta Europa lavorano alacremente per proteggere le tartarughe marine: insieme, monitorano le popolazioni di tartarughe marine e sensibilizzano alla loro tutela, intervenendo quando sono in pericolo. 

I finanziamenti dell’UE per la conservazione delle tartarughe marine puntano a salvaguardare il futuro dei nostri mari e del nostro pianeta. 

Una rete di sicurezza per le tartarughe marine: in che modo l’UE aiuta a salvaguardare i nostri ecosistemi marini

Le tartarughe marine abitano la Terra da circa 100 milioni di anni e sono fondamentali per la salute dei nostri mari. L’UE sta aiutando ricercatori di tutto il continente a monitorarne gli spostamenti e a proteggere queste creature la cui sopravvivenza è sempre più a rischio.

Scorri per continuare

Paolo Casale

Università di Pisa

Italia

«Monitoriamo le tartarughe marine nelle aree di alimentazione e di nidificazione sulle coste europee. Il sostegno finanziario dell’UE ci ha aiutato moltissimo nello studio di una specie essenziale per l’ecosistema marino».

«Nessun altro progetto relativo a questo tema unisce davvero in questo modo i ricercatori dei diversi Paesi europei».

«Non è possibile proteggere la popolazione di tartarughe senza comprenderne gli spostamenti».

- Paolo Casale

Dr. Draško Holcer

Museo Croato di Storia Naturale

Croazia

«L’Adriatico settentrionale è un’area fondamentale per l’alimentazione delle tartarughe marine. Con il supporto dell’UE, stiamo utilizzando le luci a LED come metodo per evitare che le tartarughe marine restino intrappolate nelle reti da pesca».

«Vogliamo promuovere questa tecnologia tra i pescatori, insieme ad altre misure di conservazione nell’area». 

 

 

«Molti pescatori si rendono conto che le tartarughe marine hanno bisogno del nostro aiuto».

 - Dott. Draško Holcer

Eirini Kasimati

ARCHELON – Associazione per la protezione della tartaruga marina in Grecia

Grecia

«Se qualcuno trova una tartaruga ferita, può chiamare un numero telefonico attivo 24 ore su 24, 7 giorni su 7». 

«La tartaruga viene portata qui al centro di soccorso in pulmino, in traghetto e, a volte, persino in aereo».

 

 

 

 

«A volte, le tartarughe restano con noi per un paio di mesi o addirittura un anno».

- Eirini Kasimati

Andreas Demetropoulos

Cyprus Wildlife Society

Cipro

«Ho iniziato a interessarmi alle tartarughe marine negli anni ‘70. È stato amore a prima vista! Il nostro progetto è cominciato con un piccolo team, il primo nel suo genere nel Mediterraneo. Penso che la conservazione delle tartarughe sia importante e rappresenti una parte fondamentale dell’impegno globale a tutela della biodiversità».

 

 

 

 

 

 

«Dal 2012, abbiamo assistito a un notevole aumento della nidificazione delle tartarughe a Cipro».

- Andreas Demetropoulos

Lo sapevi?

132.000

È il numero di tartarughe marine intrappolate ogni anno nelle reti da pesca nel Mediterraneo.

12.000

Sono i chilometri che una tartaruga femmina è in grado di percorrere ogni 2-3 anni per tornare sulla spiaggia dove è nata. Da adulta, deporrà le proprie uova esattamente sulla spiaggia che le ha dato i natali.

LIFE EUROTURTLES

Fedele al proprio nome, questo progetto dell'UE rappresenta un impegno comune per tutelare il futuro delle tartarughe marine nel Mediterraneo orientale (i Paesi coinvolti sono sei: Italia, Malta, Slovenia, Croazia, Grecia e Cipro), guidato dal Museo di storia naturale della Croazia e supportato da organizzazioni come ARCHELON.

Non disturbare

La rete Natura 2000 dell'UE individua e protegge aree marine in tutta Europa per garantire condizioni di vita ottimali a lungo termine alle specie europee più a rischio e ai loro habitat. La rete include le spiagge del Mediterraneo orientale che sono le aree di riproduzione delle tartarughe Caretta caretta.

L'ancora di salvezza dei nostri mari

L'UE ha cofinanziato 120 progetti, stanziando 320 milioni di euro per la salute dei nostri mari e oceani.

Protezione di specie rare

Grazie ai finanziamenti dell'UE, l'Unione internazionale per la conservazione della natura ha redatto una Lista rossa europea delle specie a rischio che vivono in Europa, allo scopo di intraprendere opportune misure di salvaguardia per migliorarne lo stato.

CHI SONO GLI ALTRI EROI CHE PROTEGGONO L'AMBIENTE?

Alcuni di loro possono addirittura venire dal tuo stesso Paese.

Grazie ai collegamenti stabiliti dall'UE, una rete di eroi della porta accanto collabora per proteggere i cittadini da minacce ambientali, inquinamento, estinzione delle specie a rischio e molto altro. Dagli ambientalisti ai funzionari doganali, dalle autorità per la sicurezza alimentare alle squadre di risposta alle inondazioni, scopri in che modo l'UE sostiene questi «eroi della porta accanto» nel tuo Paese.