Passa ai contenuti principali
Forum dell’iniziativa dei cittadini europei

L'iniziativa dei cittadini europei a partire dal 2020: Calendario flessibile, registrazione semplificata, raccolta delle firme nello stretto e un nuovo forum a misura di utente

Updated on: 15/01/2020

L'iniziativa dei cittadini europei a partire dal 2020: Calendario flessibile, registrazione semplificata, raccolta delle firme nello stretto e un nuovo forum a misura di utente

I miglioramenti apportati alle norme dell'iniziativa dei cittadini europei semplificano il processo dall'inizio alla fine e forniscono un migliore sostegno agli organizzatori e ai cittadini interessati a utilizzare questo importante strumento di democrazia partecipativa nell'UE. Il nuovo regolamento, che ha iniziato ad applicarsi nel 2020, apporta una serie di miglioramenti strutturali e tecnici per rendere l'iniziativa dei cittadini europei più facile da usare e accessibile per facilitare una maggiore partecipazione dei cittadini europei al processo democratico dell'Unione. I principali cambiamenti comprendono: 

Calendario flessibile della procedura relativa all'iniziativa dei cittadini europei

Il nuovo regolamento conferisce maggiore flessibilità al calendario della procedura. Gli organizzatori hanno ora la possibilità di scegliere la data di inizio del periodo di raccolta delle firme necessarie per il sostegno entro sei mesi dalla registrazione dell'iniziativa, dando loro più tempo per preparare le loro campagne anziché iniziare immediatamente il giorno in cui l'iniziativa è stata registrata, come hanno dovuto fare in passato. Essi possono inoltre utilizzare un periodo di tre mesi dopo il periodo di raccolta per preparare la presentazione delle firme alle autorità degli Stati membri ai fini della verifica. Allo stesso modo, dispongono di tre mesi dopo la fine della verifica per presentare la loro iniziativa positiva alla Commissione. Anche la fase di esame da parte della Commissione europea è estesa a sei mesi. Tali miglioramenti sono intesi a rendere l'iniziativa dei cittadini europei più favorevole alle campagne, flessibile e a garantire una migliore preparazione durante l'intero processo.

Raccolta semplificata delle dichiarazioni di sostegno

La sfida principale per gli organizzatori è che dispongono di un anno per raccogliere almeno un milione di firme in almeno sette Stati membri, seguendo un sistema di quote specifico per paese. Il nuovo regolamento semplifica sostanzialmente questo processo. In primo luogo, i dati personali da raccogliere presso i firmatari sono più armonizzati: Gli Stati membri si limitano ora a scegliere tra due moduli diversi, invece dei 13 modelli utilizzati in precedenza. In secondo luogo, il nuovo regolamento mira a promuovere la partecipazione consentendo agli Stati membri di abbassare a 16 anni l'età minima per sostenere un'iniziativa e consente a tutti i cittadini dell'UE di firmare, indipendentemente dal loro luogo di residenza. Infine, la Commissione europea ha introdotto un nuovo sistema di raccolta elettronica, gratuito e centralizzato. Questo nuovo sistema presenta una serie di elementi volti a semplificare la raccolta delle firme. I sistemi individuali di raccolta online resteranno una possibilità per gli organizzatori di scegliere tra, ma solo fino alla fine del 2022.

Eliminazione degli ostacoli all'immatricolazione

La rigorosa applicazione delle norme di ammissibilità giuridica da parte della Commissione europea ha reso per molto tempo difficile la registrazione delle iniziative dei cittadini europei per gli organizzatori, sebbene negli ultimi anni la Commissione abbia adottato un approccio più flessibile, compresa la registrazione parziale delle iniziative. Il nuovo regolamento prevede ora questa possibilità di "registrazione parziale" e offre agli organizzatori la possibilità di rivedere la loro proposta. Questi elementi confermano la volontà dell'UE di eliminare gli ostacoli eccessivi all'avvio di iniziative autentiche da parte dei suoi cittadini, consentendo una maggiore flessibilità nella registrazione delle parti ammissibili di un'iniziativa, almeno invece di respingerla del tutto.

Maggiore sostegno agli organizzatori — lancio del nuovo forum dell'iniziativa dei cittadini europei

Infine, le nuove norme offrono un migliore sostegno agli organizzatori di iniziative dei cittadini europei. Ogni Stato membro è ora tenuto a istituire almeno un punto di contatto per fornire gratuitamente informazioni e assistenza ai gruppi di organizzatori. La Commissione europea ha inoltre aggiornato le sue infrastrutture di sostegno per gli organizzatori lanciando un nuovo sito web dell'iniziativa dei cittadini europei che comprende account rinnovati per gli organizzatori in cui possono registrarsi e gestire tutte le loro iniziative in un unico luogo. Soprattutto, il Forum dell'iniziativa dei cittadini europei, una piattaforma collaborativa online lanciata nel 2018 come progetto pilota, è diventato parte ufficiale del nuovo regolamento. Il forum è un'infrastruttura di sostegno essenziale in quanto offre ai cittadini e agli organizzatori l'accesso a materiale didattico, l'opportunità di discutere e condividere le loro opinioni su idee specifiche per iniziative e argomenti connessi all'iniziativa dei cittadini europei come strumento, di connettersi con altri utenti per futuri partenariati e di ricevere consulenze giuridiche, di campagne elettorali e di raccolta fondi su misura.

Il nuovo forum è stato lanciato il 7 gennaio 2020 ed è gestito dal Servizio d'azione per i cittadini europei (ECAS) a nome della Commissione europea e in base a un contratto con essa. L'ECAS vanta una solida esperienza nella gestione delle piattaforme di collaborazione online per l'impegno dei cittadini e dispone di competenze specifiche e di lunga data nel sostegno ai cittadini nell'utilizzo dell'iniziativa dei cittadini europei come strumento di democrazia partecipativa transnazionale.

 

Elisa Lironi

Partecipanti

ELISA Lironi

ELISA Lironi è il direttore senior per la democrazia europea, che lavora presso il Servizio d'azione per i cittadini europei (ECAS) dal 2015. Sviluppa e guida l'area di interesse per la democrazia europea dell'ECAS attuando progetti e studi di ricerca dell'UE relativi alla democrazia digitale, alla disinformazione online e al populismo. È l' "esperto ICE" del gruppo che lavora per lo sviluppo e l'attuazione del forum dell'iniziativa dei cittadini europei dal 2018.

 

ELISA è anche un utente attivo del Forum dell'iniziativa dei cittadini europei. Contatti con lei!

 

Lascia un commento

Per poter aggiungere un commento, occorre autenticarsi o registrarsi.

Commenti

Inactive user | 18/05/2020

Ciao! 
Sono interessato a presentare una ECI per quanto riguarda la criminalità organizzata. In particolare volevo sapere se fosse possibile provare a far diventare il reato di associazione mafiosa ai vari paesi europei.
La mia idea riposa sul fatto che l'art. Articolo 83 del Trattato sul Funzionamento dell'Unione Europea [Ex Articolo 31 del Trattato sull'Unione Europea] dice:
"1. Il Parlamento europeo e il Consiglio, deliberando mediante direttive secondo la procedura legislativa ordinaria, possono stabilire norme minime relative alla definizione dei reati e delle sanzioni in sfere di criminalità particolarmente grave che presentano una dimensione transnazionale derivante dal carattere o dalle implicazioni di tali reati o da una particolare necessità di combatterli su basi comuni. Dette sfere di criminalità sono le seguenti: terrorismo, tratta degli esseri umani e sfruttamento sessuale delle donne e dei minori, traffico illecito di stupefacenti, traffico illecito di armi, riciclaggio di denaro, corruzione, contraffazione di mezzi di pagamento, criminalità informatica e criminalità organizzata. In funzione dell'evoluzione della criminalità, il Consiglio può adottare una decisione che individua altre sfere di criminalità che rispondono ai criteri di cui al presente paragrafo. Esso delibera all'unanimità previa approvazione del Parlamento europeo."
Potrebbe esserci lo spazio per una ECI sul tema?

Per poter aggiungere un commento, occorre autenticarsi o registrarsi.
Clausola di esclusione della responsabilità: Le opinioni espresse nell'ambito del forum ICE rispecchiano esclusivamente il punto di vista dei loro autori e non possono in alcun modo essere interpretate come una posizione della Commissione europea o dell'Unione europea.
Pronto per registrare l'iniziativa? Desideri sostenere un'iniziativa? Vuoi saperne di più sulle iniziative passate e in corso?