Euroopa Noorteportaal
Teave ja võimalused noortele kogu Euroopas.

Come gestire le conseguenze di un rapporto sessuale non protetto?

Se avessi una brutta sorpresa in seguito ad un rapporto sessuale non protetto? A quali rischi sei esposto? A chi rivolgersi per ottenere assistenza sanitaria nel caso di malattie sessualmente trasmissibili o una gravidanza indesiderata?

Nel 2015, sono stati rilevati in Europa 153.000 nuovi casi di HIV, registrando il più alto tasso di crescita (7%) dagli anni 80. Nel 2013, sono stati resi noti nell’Unione europea 385.000 casi di clamidia e 52.995 di gonorrea. Questa tabella mostra il tasso di sifilide registrato nel 2015 nel territorio europeo. I rapporti sessuali non protetti sono molto più frequenti di ciò che pensiamo.  

 

A quali malattie trasmissibili sessualmente sei esposto?

Potresti contrarre una STD attraverso rapporti sessuali, sesso orale, sesso anale o attraverso contatto con liquidi corporei quali sperma, saliva, sangue, e perdite vaginali. Molte delle STD possono essere trasmesse anche attraverso il semplice contatto con la pelle. Le malattie più comuni sono: Clamidia/Gonorrea, Tricomoniasi, Eurostat B, Pidocchi al pube, Herpes genitale, Sifilide, Verruche genitali e anali e HIV/AIDS. 

Le STD possono causare i seguenti sintomi: dolore durante la minzione o minzione scarsa, irritabilità e prurito alla vagina o al pene, dolore durante il rapporto sessuale, anomala perdita di sangue tra un ciclo mestruale e l’altro o dopo il rapporto sessuale, insolite perdite vaginali, dolori al basso ventre e febbre, ulcere, verruche, vescicole alla vulva o alla vagina, all’ano o alla bocca o dolore alla gola (dopo aver praticato sesso orale).

Anche in caso di assenza di sintomi, se dovessi avere il timore di essere stato contagiato dovresti consultare un medico. La maggior parte dei nuovi contagi sono causati da persone ignare di avere un’infezione.

 

HIV/AIDS un problema attuale

Alla fine del 2015, il numero complessivo di persone a cui è stato diagnosticato l’HIV nel territorio europeo è aumentato di oltre 2 milioni secondo l’Organizzazione mondiale della sanità e sono stati rilevati in tutto 153.000 nuovi casi.

L’HIV e l’AIDS sono trasmissibili attraverso lo scambio di liquidi corporei. Entro poche settimane dal contagio molte persone manifestano sintomi di tipo influenzale ma è possibile sottoporsi al test dell’HIV e quindi, riscontrare il contagio del virus, dopo un periodo che va dalle sei settimane ai sei mesi rispetto all’ultimo rapporto sessuale non protetto. Attualmente non esiste ancora una cura definitiva per l’HIV o l’AIDS ma solo un trattamento medico che può ritardare la comparsa dell’AIDS. Secondo l’ultimo bollettino dell’Eurostat, nel 2013 il tasso di mortalità nell’Unione europea, si aggirava intorno allo 0.74% su 100.000 abitanti. La Commissione europea ha implementato, attraverso il Programma di sanità pubblica dell’Ue, le sue politiche d’intervento a riguardo.

 

Cosa fare per la prevenzione?

Semplice, usa il preservativo. Il preservativo maschile in lattice è l’unico metodo contraccettivo ritenuto altamente efficace nel ridurre il rischio di malattie sessualmente trasmissibili (STD). La pillola anticoncezionale e altri metodi contraccettivi possono proteggerti da una gravidanza indesiderata, ma non dal contagio di una infezione STD. 

 

Consulta un medico!

Se temi di aver contratto una STI, chiedi al tuo medico di sottoporti a delle analisi del sangue o delle urine, anche nel caso in cui non si manifesti alcun sintomo.

Se ti dovessi trovare all’estero, la Carta europea d’assicurazione per la salute è gratuita e ti offre la possibilità di accedere gratuitamente alle prestazioni mediche necessarie, attraverso l’assistenza sanitaria pubblica nel caso di un soggiorno temporaneo in uno qualsiasi dei 28 Paesi Ue, Islanda, Lichtenstein, Norvegia, Svizzera e alle stesse condizioni e allo stesso costo (gratuito in alcuni paesi) previsto nel proprio paese di origine. Clicca qui per sapere come richiedere la Carta europea d’assicurazione. Ogni paese ha un sistema di previdenza sociale differente, controlla qui quali sono i tuoi diritti in ognuno dei Paesi membri Ue.

Oltre il sistema di assistenza sanitaria pubblica, esistono anche delle organizzazioni dove è possibile sottoporsi al test per le STD (alcune gratuitamente, altre a pagamento):

 

Interrompere una gravidanza indesiderata

Nel caso tu volessi interrompere una gravidanza indesiderata, nella maggior parte degli Stati membri dell’Unione europea, l’aborto è legale nella fase iniziale della gravidanza. Puoi usufruire dell’assistenza sanitaria pubblica per verificare il tuo caso specifico. Invece, in altri paesi come Irlanda, Malta, Cipro, Polonia, Andorra, San Marino, Liechtenstein e il Vaticano, l’aborto è illegale.

Nella maggioranza dei paesi Ue, puoi acquistare la “pillola del giorno dopo” (Mifepristone e Misoprostol) nelle farmacie, ma se nel tuo paese non fosse disponibile, puoi contattare l’associazione Women on Waves. Puoi trovare informazioni dettagliate riguardo la regolamentazione della pillola del giorno dopo nei vari paesi Ue su questa cartina fornita dal Pew Research Centre o in alternativa su questa fornita da Women on Waves.

Nei link indicati a seguire, potrai trovare le informazioni di contatto dei Family Planning Centres, dove potrai informarti riguardo la contraccezione gratuita e l’aborto: Spagna, Belgio, Francia, Regno Unito, Svezia, Portogallo, Olanda, Lussemburgo, Irlanda, Danimarca, Austria or Germania. Inoltre, puoi anche consultare la Federazione internazionale per la pianificazione familiare.

 

 

 

Avaldatud: Neljap, 18/05/2017 - 12:37


Tweet Button: 


Info for young people in the western balkans

Vajad eksperdi abi või nõuannet?

Küsi meilt!