Portale Europeo per i Giovani

Informazioni e opportunità per i giovani in Europa.

A picture
© fotolia.com - zaretskaya

Festival olimpico della gioventù europea: piccole Olimpiadi dei futuri campioni

Il Festival olimpico della gioventù europea, organizzato d’inverno e d’estate negli anni dispari, è l’evento immancabile per i giovani atleti europei che desiderano fare un’esperienza internazionale e vivere concretamente le Olimpiadi in tutti i loro aspetti.

Lanciato inizialmente nel 1990 con il nome "Giornate olimpiche della gioventù europea", il Festival olimpico della gioventù europea (EYOF) è l’unico evento polisportivo in Europa ed è promosso dall’Associazione dei comitati olimpici europei (EOC). Il festival si ispira alla tradizione di altri continenti, come l'Asia, che già da tempo ha i suoi Giochi.

 

Chi partecipa?

Ai Festival olimpici estivi ed invernali prendono parte atleti di tutta Europa di età compresa tra 14 e 18 anni. L’edizione estiva raccoglie circa 2 500 partecipanti, quella invernale circa 1 300.

Le nove discipline olimpiche praticate sono: atletica, pallacanestro, ciclismo, ginnastica, pallamano, judo, nuoto, tennis e pallavolo.

Anche voi potete partecipare all’EYOF in veste di volontari.

 

“Questo Festival offre una grande motivazione ai giovani atleti europei, poiché dà un senso alla loro carriera sin dall’inizio.”
Jacques Rogge, presidente del Comitato olimpico internazionale e fondatore dell’EYOF

 

Di cosa si tratta?

I principi dell’EYOF si basano sulla Carta olimpica di Pierre de Coubertin. L'evento vuole contribuire a migliorare il mondo e promuovere la pace attraverso l’educazione dei giovani mediante lo sport. Secondo l’ideale olimpico, i giochi contribuiscono alla comprensione reciproca, senza alcuna forma di discriminazione e mediante l'amicizia, la solidarietà e il fair play.

Il Festival si ispira ai Giochi olimpici: vi è la cerimonia di apertura e di chiusura, la fiamma olimpica arde durante tutto il Festival, in onore di ciascun vincitore viene suonato l’inno nazionale e vengono issate le bandiere di tutti i vincitori di medaglie.