Portale Europeo per i Giovani
Informazioni e opportunità per i giovani in Europa.

Abusi online: è successo anche a te?

Molti di noi trascorrono una parte della loro vita quotidiana in rete, sui social media, inviando messaggi agli amici, guardando la TV o alla ricerca di informazioni per la scuola o il lavoro. Ma che cosa succede se diventi il bersaglio di un abuso online?

Il movimento "No Hate Speech" è una campagna indirizzata ai giovani per incoraggiarli a difendere i diritti umani e a combattere l'incitamento all'odio in rete (ad esempio il razzismo, l'omofobia, il sessismo e altre modalità di bullismo online).

 

L'iniziativa, ideata dal Consiglio d'Europa, è quella di utilizzare il web stesso per combattere gli abusi online. Il movimento intende sensibilizzare l'opinione pubblica circa l'incitazione all'odio tra i giovani, insegnando loro come riconoscere i casi di violazione dei diritti umani e aiutarli a difendere i diritti umani propri e altrui.

 

Una relazione dell'Agenzia dell'UE per i diritti fondamentali indica che le minoranze (tra cui i rom, la comunità LGTBI e i migranti) sono i bersagli più frequenti di tutti i tipi di crimini motivati dall'odio, compresi gli abusi online. Gli autori degli abusi approfittano dell'apparente anonimato offerto dalla comunicazione online.

 

Guarda il video ufficiale della campagna:

https://www.youtube.com/watch?v=l_0K08RLw_c

 

Video of No Hate Speech Movement reaction video

 

 

In che modi puoi aiutare?

Ecco cinque modi in cui puoi contribuire al movimento No Hate Speech:

 

  1. Carica messaggi, foto, video e altri contenuti di tua creazione contro l'incitamento all'odio.

 

  1. Sei stato testimone o vittima di un abuso online? Segnalalo inviando il link a Hate Speech Watch, una piattaforma creata per rilevare l'incitamento all'odio online.

 

  1. Leggi il blog nohatespeech. Troverai informazioni sugli eventi futuri e sui modi in cui puoi partecipare. Puoi seguire nohatespeech anche su Facebook o Twitter.

 

  1. Firma la petizione per istituire una giornata europea delle vittime dei crimini motivati dall'odio il 22 luglio.

 

  1. Organizza un evento di sensibilizzazione a sostegno della giornata europea delle vittime dei crimini motivati dall'odio il 22 luglio 2016 presso una scuola, un gruppo giovanile o un luogo pubblico, incentrato su crimini motivati dall'odio che hanno interessato la tua comunità o il tuo paese.

 

Link correlato:

Rilevamento dei progetti di lotta contro l'incitamento all'odio online

 

Pubblicato: gio, 03/12/2015 - 09:26


Tweet Button: 

New!


Info for young people in the western balkans

Hai bisogno di aiuto o consulenza da parte di un esperto?

Chiedilo a noi!