You are here

flag

Pubblicato: 23/04/2013 10:30

Tirocini presso la Commissione europea

Vi sarebbe sempre piaciuto sapere come funziona realmente la Commissione europea? Facendo un tirocinio potrete scoprirlo dall’interno.

© fotolia.com - FotolEdhar

La Commissione europea organizza due volte l'anno tirocini amministrativi o di traduzione. I tirocini sono destinati in primo luogo a giovani laureati e durano da 3 a 5 mesi.

La maggior parte dei tirocinanti sono cittadini di un paese membro dell’UE o di un paese candidato. Tuttavia, esiste anche un numero limitato di posti vacanti per i cittadini di paesi extra-UE.

 

Come candidarsi

Per candidarsi occorre aver conseguito un diploma di laurea (o equivalente) e avere un'ottima conoscenza del francese, dell'inglese o del tedesco. Se siete cittadini di un paese dell'UE, vi sarà richiesta anche una buona conoscenza di una seconda lingua ufficiale dell’Unione.

Se avete partecipato a un tirocinio in un'altra istituzione o un altro organismo dell'UE, non potete accedere ai tirocini presso la Commissione.

Perché la domanda sia ritenuta valida, occorre compilare e presentare il modulo di candidatura online e inviarlo entro la scadenza prevista.

 

Scadenze

Il tirocini iniziano solitamente il 1° marzo e il 1° ottobre, ma per la traduzione la data di inizio può essere diversa.

Per i tirocini di marzo il termine per la presentazione delle domande è il 31 agosto dell'anno precedente.

Per i tirocini di ottobre è il 31 gennaio dello stesso anno.

 

Avviato nel 1960, questo è il programma più lungo di questo tipo. I tirocini presso la Commissione europea vi aiuteranno a conoscere nella pratica il funzionamento dei servizi della Commissione e ad acquisire un’esperienza personale tramite i contatti che avrete nel corso del vostro lavoro quotidiano. Potrete inoltre approfondire e mettere in pratica le conoscenze acquisite durante gli studi. Solitamente i tirocinanti ricevono una borsa di formazione, mentre per i tirocinanti disabili è previsto in alcuni casi un contributo supplementare.