Percorso di navigazione

Aggiornamento : 17/03/2017

Lavoratori distaccati

Il datore di lavoro può inviarti in un altro paese dell'UE per svolgere un servizio temporaneo. Durante questo periodo acquisisci lo status di "lavoratore distaccato" e puoi beneficiare di condizioni di lavoro e diritti particolari.

Condizioni di lavoro

Quando sei distaccato in un altro paese dell'UE devi sottostare alle condizioni di lavoro del paese ospitante, riguardanti:

  • le tariffe salariali minime: la tua retribuzione non può essere inferiore al salario minimo locale o a quello fissato dai contratti collettivi vincolanti del settore in cui lavori, se sono in vigore nel paese ospitante
  • i periodi massimi di lavoro e i periodi minimi di riposo
  • la salute e sicurezza sul lavoro
  • le condizioni di assunzione tramite agenzie interinali
  • le condizioni di lavoro per le gestanti e i giovani
  • la parità di trattamento tra uomo e donna e altre norme per prevenire le discriminazioni.

Il datore di lavoro può anche rimborsarti le spese di viaggio, vitto e alloggio nel paese dell'UE in cui sei distaccato, se ciò è previsto dalla legislazione del tuo paese di provenienza. Tali indennità vanno ad aggiungersi alla normale retribuzione.

Siti nazionali dedicati al distacco dei lavoratori

Per scoprire le condizioni di lavoro per i lavoratori distaccati nel paese ospitante e i recapiti delle autorità locali competenti, consulta i rispettivi siti nazionali.

Scegli un paese:

Altri diritti

Se vieni distaccato in un paese dell'UE diverso dal tuo:

  • non hai bisogno di un permesso di lavoro - a meno che tu non sia un dipendente distaccato dalla Croazia in Austria, dove per alcuni settori si applicano delle restrizioni
  • non dovrai ottenere il riconoscimento delle tue qualifiche; tuttavia, per alcune professioni occorre rilasciare una dichiarazione scritta: scopri di più sul riconoscimento delle qualifiche professionali
  • quando andrai in pensione, non dovrai contattare gli enti previdenziali di diversi paesi: quello del tuo paese ospitante non sarà chiamato in gioco.

Imposta sul reddito

Se sei distaccato per meno di sei mesi, non dovresti essere soggetto all'imposta sul reddito nel paese di destinazione.

Tuttavia, non esiste una normativa a livello europeo che stabilisca quale paese possa tassare il tuo reddito durante un distacco. Questo aspetto può essere disciplinato da leggi nazionali e accordi fiscali tra i paesi dell'UE: scopri di più sull' imposta sul reddito.

Copertura previdenziale all'estero

Come lavoratore distaccato, continuerai ad essere coperto dal sistema previdenziale del tuo paese di origine per un massimo di 2 anni. Scopri le formalità amministrative da espletare.

Se lavori all'estero per più di 2 anni, dovrai passare al sistema previdenziale del paese in cui svolgi la tua attività professionale. In alcuni casi puoi prolungare la copertura previdenziale ad oltre 2 anni.

Dichiarazione preventiva

Il datore di lavoro potrebbe essere chiamato a compilare una dichiarazione preventiva per le autorità dei paese di destinazione, in cui specifica il luogo di lavoro, la durata del distacco, i recapiti, ecc.

Accertati che provveda a farlo per evitare di incorrere in sanzioni nell'altro paese.

Per ulteriori informazioni, contatta l' ufficio di collegamento per lavoratori distaccati o lo sportello unico del paese di destinazione.

Consultazioni pubbliche
    Hai bisogno di aiuto?
    Ottieni assistenza e consulenza