Percorso di navigazione

Aggiornamento : 20/06/2014

work

Pendolari transfrontalieri

Se lavori in un paese dell'UE e vivi in un altro paese e ci torni ogni giorno, o almeno una volta a settimana, vieni considerato un pendolare transfrontaliero in base alla normativa europea (o lavoratore transfrontaliero o frontaliero) .

Verifica quanto segue:

Vedi anche:

Il tuo diritto a vivere in un altro paese dell'UE

Immatricolazione dell'auto per i pendolari transfrontalieri

Quale normativa nazionale si applica?

Nella vita quotidiana sarai soggetto alle normative di entrambi i paesi.

Le leggi del paese in cui lavori riguardano:

Le leggi del paese in cui vivi riguardano:

  • le imposte sugli immobili e la maggior parte delle altre tasse
  • le formalità in materia di residenza.

Esempio

Fai attenzione a non rimetterci se hai lavorato in un altro paese

Evelien, olandese, ha lavorato per 10 anni in Germania come pendolare transfrontaliera. Nel frattempo, ha sottoscritto una pensione privata in Germania e ricevuto un premio previdenziale integrativo dalle autorità tedesche.

Quando è andata in pensione, le autorità tedesche le hanno chiesto di restituire la totalità dei premi ricevuti nel corso dei 10 anni precedenti, poiché non pagava più le tasse in Germania. Tuttavia, appena ha smesso di lavorare in Germania, Evelien ha dovuto pagare le tasse nel suo paese di residenza, i Paesi Bassi.

Evelien ha quindi deciso di presentare ricorso in Germania. Il tribunale tedesco ha riconosciuto che, in quanto lavoratore pendolare transfrontaliero, aveva diritto al premio, che equivale ad una prestazione supplementare. Evelien non ha quindi dovuto rimborsarlo.

Se ti viene negata una prestazione supplementare concessa ai lavoratori del paese in cui lavori, rivolgiti a un consulente europeo per l'impiego o ai nostri servizi di informazione e assistenza.

Esempio

Prestazioni alle quali hai diritto nel paese in cui lavori

Rosita vive in Italia con il marito e i loro tre figli, ma lavora in Francia. Ha chiesto un abbonamento ferroviario a prezzo ridotto per le famiglie numerose, ma le è stato negato perché né lei né i suoi figli vivono in Francia.

In questo caso dovrebbe insistere e, se necessario, far ricorso ai servizi di assistenza dell'UE. Tutti i lavoratori cittadini dell'UE con famiglie numerose (tre o più bambini in molti paesi) hanno infatti il diritto di viaggiare in treno a prezzo ridotto nel paese in cui lavorano e dal primo giorno di lavoro, se tali riduzioni esistono e sono previste per i cittadini del paese in questione.

Conto bancario per il versamento dello stipendio

Può accadere che il tuo datore di lavoro ti chieda di aprire un conto bancario nel tuo paese di impiego per versarti lo stipendio.

  • All'interno dell'eurozona: il conto nel tuo paese di origine dovrebbe essere sufficiente e il datore di lavoro non può obbligarti ad aprire un nuovo conto — a condizione che il tuo paese di residenza e il tuo paese di impiego si trovino entrambi nell'area dell'euro.

    Per accreditarti lo stipendio (senza costi aggiuntivi) il datore di lavoro ha unicamente bisogno dei codici IBAN e BIC del tuo conto bancario. Le banche non possono applicare per i bonifici internazionali in euro commissioni più alte rispetto ai bonifici nazionali. Possono farlo solo se l'importo del bonifico transfrontaliero supera i 50 000 euro.

  • Se vivi o lavori in un paese esterno all'eurozona: il tuo datore di lavoro può chiederti di aprire un contro presso una banca locale qualora sia in grado di dimostrare che gli costerebbe di più trasferire il tuo stipendio all'estero.
Assistenza e consulenza

Footnote

In questo caso, i 28 paesi membri dell'UE + Islanda, Norvegia, Liechtenstein e Svizzera

Retour au texte en cours.