Percorso di navigazione

FAQs Immatricolazione dell'auto e tasse automobilistiche

  • Vivo in Francia. Ho acquistato un'auto da un concessionario in Belgio, dove ho pagato l'IVA. Ora mi chiedono di ripagarla, perché la immatricolo in Francia. Possono farlo?

    SÌ / NO — Non possono chiederti di pagare l'IVA in più di un paese. Inoltre, l'IVA sulle auto si paga nel paese di immatricolazione, ossia in questo caso la Francia (e non nel paese di acquisto, come avviene per la maggior parte degli altri prodotti).

    Per evitare di pagare l'IVA in Belgio avresti dovuto dire al concessionario che l'auto sarebbe stata immatricolata in Francia.

    Poiché hai già pagato l'IVA in Belgio, dovresti chiedere un rimborso alle autorità fiscali belghe, dimostrando che hai immatricolato la tua auto in Francia entro sei mesi dalla messa in circolazione e che ha percorso meno di 6 000 km.

  • Vorrei acquistare un'auto in Germania e portarla in Francia, dove risiedo. Dove devo immatricolarla?  

    L'auto verrà immatricolata nel tuo paese, ma dovrai ottenere una targa tedesca per guidarla dalla Germania in Francia. Se l'auto è nuova, dovresti chiedere una targa di transito: così eviterai di pagare l'IVA in Germania. Se l'auto è usata, dovrai probabilmente eseguire una normale immatricolazione in Germania, anche se per un periodo breve. Potresti, in alternativa, farti spedire l'auto in Francia. Eviterai in tal modo di immatricolarla in Germania. Verifica qual è la soluzione più economica.

  • Sono un pensionato britannico e mi sono trasferito a Malta. Ho portato la mia auto con me, ma quando l'ho immatricolata a Malta, ho dovuto pagare delle tasse d'importazione molto elevate. Si applicano ancora i dazi all'importazione nel mercato unico europeo?

    I dazi all'importazione sono stati aboliti all'interno dell'UE. Forse si trattava di tasse d'immatricolazione e di circolazione, applicabili a tutti gli autoveicoli immatricolati in un determinato paese, a prescindere dal paese di provenienza. Queste tasse non sono regolamentate dalla legislazione europea e sei tenuto a pagarle — a meno che non introducano una discriminazione nei confronti delle auto importate. Ad esempio, la tassa di immatricolazione non dovrebbe superare il valore fiscale di un'auto analoga immatricolata a Malta.

  • Mi trasferisco dal Belgio al Portogallo con la mia auto.  In Portogallo la tassa di immatricolazione è molto alta. Perché devo ripagarla, se l'ho già versata in Belgio? I residenti portoghesi la pagano solo una volta sulla stessa auto, o sbaglio?

    La tassa di immatricolazione per le autovetture non è armonizzata a livello dell'UE. I singoli paesi membri possono pertanto applicarla se l'auto viene immatricolata sul loro territorio per la prima volta. A causa dello svantaggio che ciò crea per le persone che sono nella tua situazione, sta ai singoli paesi decidere se concedere un esonero per le auto importate nell'ambito di un trasferimento di residenza del proprietario. Contatta le autorità portoghesi per verificare se hai diritto a un esonero e, se sì, a quali condizioni.

  • Vorrei acquistare un'automobile in Germania, ma desidero riportarla nel mio paese, l'Olanda, per immatricolarla. Dovrò pagare l'IVA due volte e poi richiedere il rimborso?

    NO   - È sufficiente informare il rivenditore tedesco della tua intenzione di immatricolare l'auto in un altro paese e pagare l'IVA soltanto in Olanda.

Assistenza e consulenza