Percorso di navigazione

Condividi su 
	Condividi su Facebook
  
	Invia come Tweet 
  
	Condividi su google+
  
	Condividi su linkedIn

Servizi finanziari

Aggiornamento : 31/01/2012

shopping

Operazioni bancarie quotidiane

Pagamenti e bonifici

Per i pagamenti internazionali in euro all'interno dell'UE, le banche non devono addebitare un costo superiore rispetto a quello previsto per una transazione nazionale del medesimo valore in euro.

Questa norma si applica a tutti i pagamenti elettronici in euro, compresi:

  • bonifici fra conti bancari in diversi paesi dell'UE
  • prelievi da bancomat/sportelli automatici in paesi dell'UE
  • pagamenti eseguiti mediante carte di debito o di credito all'interno dell'UE
  • operazioni di addebito diretto
  • rimesse di denaro.

I pagamenti internazionali in valute diverse dall'euro  non sono  soggetti a tali disposizioni.

Inoltre, le banche dei paesi dell'UE che non utilizzano l'euro devono applicare le stesse commissioni previste per le transazioni eseguite all'interno dell'UE, qualora il pagamento o il bonifico avvenga in euro.

Esempio

Attenzione: le banche possono applicare commissioni "nazionali" per pagamenti internazionali

Lidia ha pagato commissioni elevate in Italia per un bonifico di 100 euro per la Germania. Per verificare che i diritti previsti dalla normativa europea fossero stati rispettati, ha contattato il centro dei consumatori English del suo paese.

È emerso che entrambe le banche avevano correttamente addebitato le commissioni previste per le operazioni di pagamento nazionali. La banca italiana le aveva applicato la stessa commissione prevista per i bonifici nazionali e la banca tedesca quella prevista per il ricevimento di un pagamento effettuato dalla Germania.

Le commissioni bancarie variano notevolmente a seconda delle banche e dei paesi.

Assegni

La normativa europea relativa alle commissioni bancarie per i pagamenti internazionali e nazionali in euro non si applica agli assegni.

Talvolta, l'incasso di un assegno da un altro paese dell'UE può comportare commissioni molto elevate.

Inoltre, in molti paesi dell'UE, gli assegni non sono più accettati  come metodo di pagamento. È altamente sconsigliato utilizzare assegni per effettuare pagamenti internazionali all'interno dell'UE.

Ti serve ancora aiuto?

Ti serve ancora aiuto?

Non hai trovato le informazioni che cercavi? Hai un problema da risolvere?

Footnote

In questo caso, i 27 Stati membri dell'UE + Islanda, Liechtenstein e Norvegia

Retour au texte en cours.