Percorso di navigazione

Condividi su 
	Condividi su Facebook
  
	Invia come Tweet 
  
	Condividi su google+
  
	Condividi su linkedIn

Studenti

Aggiornamento : 16/10/2013

Familiari cittadini di paesi extra-UE

Coniuge / figli

Questa pagina è dedicata ai diritti dei familiari cittadini di paesi extra-UE che accompagnano o si ricongiungono a un cittadino dell'UE che si stabilisce in un altro paese dell'Unione.

Soggiorni all'estero fino a 3 mesi

Il tuo coniuge e i tuoi figli (o nipoti) a carico, cittadini di paesi extra-UE, possono soggiornare con te in un altro paese dell'Unione. Per soggiorni inferiori a 3 mesi, l'unico documento necessario è un passaporto in corso di validità e talvolta, a seconda del paese di origine, un visto d'ingresso.

Ulteriori informazioni su obblighi di visto/esenzioni.

Prima di partire, rivolgiti al consolato del paese in cui sei diretto per scoprire se i tuoi familiari necessitano di un visto d'ingresso e per informarti sui tempi di rilascio del documento.

Dichiarazione di presenza

In alcuni Stati membri, il tuo coniuge e i tuoi figli (o nipoti) cittadini di paesi extra-UE sono tenuti a dichiarare la loro presenza entro un periodo di tempo ragionevole in seguito al loro arrivo. In assenza di tale dichiarazione, è possibile che le autorità locali impongano il pagamento di una sanzione.

Prima che i tuoi familiari ti raggiungano nel paese ospitante, verifica le scadenze e le condizioni per effettuare la dichiarazione di presenza presso le autorità nazionali.

Il tuo coniuge e i tuoi figli (o nipoti) cittadini di paesi extra-UE devono sempre essere muniti di passaporto.

In alcuni paesi dell'UE, se lasciano i documenti a casa, rischiano una sanzione o di essere temporaneamente trattenuti, ma non possono essere espulsi soltanto per questa ragione.

Parità di trattamento

Durante il soggiorno, il tuo coniuge e i tuoi figli (o nipoti) hanno diritto allo stesso trattamento riservato ai cittadini nazionali, in particolare per quanto riguarda l'accesso all'occupazione, la retribuzione, le prestazioni volte ad agevolare l'accesso al lavoro, l'iscrizione presso istituti scolastici, ecc.

Anche in qualità di turisti, non dovrebbero pagare costi più elevati, per esempio per visitare musei o usufruire dei servizi di trasporto pubblico.

Eccezione: se sei un pensionato, alcuni paesi dell'UE potrebbero rifiutarsi di concedere a te e ai tuoi familiari un sostegno finanziario per i primi 3 mesi di soggiorno.

Espulsione

In casi eccezionali, le autorità del paese ospitante possono decidere di espellere il tuo coniuge o i tuoi figli (o nipoti) cittadini di paesi extra-UE per motivi di ordine pubblico, di pubblica sicurezza o di salute pubblica, ma unicamente se è dimostrato che rappresentano una grave minaccia.

La decisione di espulsione dev'essere comunicata loro per iscritto, precisando tutti i motivi del provvedimento e indicando le modalità per presentare ricorso e i relativi termini.

Soggiorni all'estero superiori a tre mesi

Il tuo coniuge e i figli (o nipoti) a tuo carico possono soggiornare con te nel paese dell'UE in cui studi a condizione che tu:

  • risulti iscritto presso un istituto scolastico riconosciuto
  • disponga di un reddito sufficiente per mantenere l'intera famiglia senza bisogno di sussidi
  • possieda un'assicurazione sanitaria completa nel paese ospitante per tutti i tuoi familiari.

Le autorità nazionali non possono esigere che il tuo reddito superi il livello al di sotto del quale la tua famiglia può beneficiare di un sussidio di base. Il reddito può provenire dalla famiglia, dal partner o da altra fonte.

Carta di soggiorno

Entro 3 mesi dall'arrivo il tuo coniuge e i tuoi figli (o nipoti) cittadini di paesi extra-UE devono presentarsi alle autorità del paese ospitante (in genere il comune o il commissariato di polizia) per chiedere il rilascio del permesso di soggiorno. Otterranno quindi la carta di soggiorno.

A tal fine sono necessari:

  • un passaporto in corso di validità
  • il tuo certificato d'iscrizione o un altro documento che attesti la tua residenza nel paese ospitante
  • un documento che comprovi l'esistenza di un vincolo familiare con te, come un certificato di nascita, di matrimonio o di unione registrata
  • per i figli: un documento attestante che sono a tuo carico.

Non possono essere richiesti altri documenti.

Di solito la carta di soggiorno è rilasciata gratuitamente (o dietro versamento della stessa somma prevista per le carte d'identità dei cittadini nazionali).

La carta rilasciata dovrà indicare chiaramente che il titolare è familiare di un cittadino dell'UE.

Le autorità locali devono decidere se concedere o meno la carta di soggiorno entro 6 mesi. In caso contrario, puoi rivolgerti ai nostri servizi di assistenza.

La carta di soggiorno ha una validità di 5 anni (o meno, in funzione della durata prevista del tuo soggiorno) e a volte occorre comunicare alle autorità locali eventuali cambi d'indirizzo.

In molti paesi il tuo coniuge e i tuoi figli (o nipoti) cittadini di paesi extra-UE devono sempre essere muniti di passaporto e carta di soggiorno. Se lasciano a casa i documenti rischiano una sanzione o di essere temporaneamente trattenuti, ma non possono essere espulsi soltanto per questa ragione.

Parità di trattamento

Durante il soggiorno nel nuovo paese ospitante, il tuo coniuge e tuoi figli (o nipoti) cittadini di paesi extra-UE hanno diritto allo stesso trattamento riservato ai cittadini nazionali, in particolare per quanto riguarda l'accesso all'occupazione, la retribuzione, le prestazioni volte ad agevolare l'accesso al lavoro, l'iscrizione presso istituti scolastici, ecc.

Alcuni paesi dell'UE potrebbero rifiutarsi di concedere una borsa di mantenimento agli studenti e alle loro famiglie finché non acquisiscono il diritto al soggiorno permanente.

Invito a lasciare il territorio / espulsione

Finché soddisfano le condizioni previste in materia di soggiorno, il tuo coniuge e i tuoi figli (o nipoti) cittadini di paesi extra-UE possono soggiornare con te in un altro paese dell'UE. In caso contrario, le autorità nazionali possono invitarli a lasciare il territorio, ma non espellerli.

In casi eccezionali, possono decidere di espellerli per motivi di ordine pubblico o di pubblica sicurezza, ma unicamente se è dimostrato che rappresentano una minaccia molto grave.

La decisione di espulsione o l'invito a lasciare il territorio devono essere comunicati per iscritto agli interessati, precisando tutti i motivi del provvedimento e indicando le modalità e i termini per presentare ricorso.

Decesso, divorzio

Se dovessi decedere o divorziare prima di aver acquisito il diritto al soggiorno permanente in un altro paese dell'UE (che si ottiene solitamente dopo 5 anni di soggiorno continuativo) e se vi avevi soggiornato legalmente, il tuo coniuge e i tuoi figli (o nipoti) cittadini di paesi extra-UE possono rimanere nel paese ospitante a condizione che:

  • vi abbiano soggiornato per almeno un anno prima del tuo decesso o
  • la procedura di divorzio sia stata avviata dopo almeno 3 anni di matrimonio, di cui almeno un anno nel paese membro ospitante.

Inoltre, affinché possano restare, è necessario che soddisfino le stesse condizioni dei cittadini dell'UE in materia di soggiorno.

Verifica quali sono i diritti, le condizioni e le formalità per:

Soggiorno permanente

Dopo aver soggiornato legalmente per 5 anni consecutivi nel paese ospitante, il tuo coniuge e tuoi figli (o nipoti) cittadini di paesi extra-UE acquisiscono automaticamente il diritto al soggiorno permanente senza dover soddisfare altre condizioni. Ciò consente loro di soggiornare nel paese in questione per tutto il tempo che desiderano, anche se non lavorano o necessitano di un sostegno al reddito.

La continuità del soggiorno non è pregiudicata da:

  • assenze temporanee (inferiori a 6 mesi all'anno)
  • assenze di durata superiore (per l'assolvimento degli obblighi militari)
  • un'assenza non superiore a 12 mesi consecutivi per giustificati motivi quali: gravidanza, maternità, malattia grave, lavoro, formazione professionale o distacco per motivi di lavoro in un altro paese.

Potranno beneficiare degli stessi diritti, sussidi e benefici dei cittadini nazionali.

L'assenza dal paese ospitante per oltre 2 anni consecutivi può comportare la perdita del diritto al soggiorno permanente.

Carta di soggiorno permanente

Scopri come ottenere il rilascio di una carta di soggiorno permanente per certificare il loro diritto a soggiornare incondizionatamente.

Invito a lasciare il territorio / espulsione

Finché soddisfano le condizioni previste in materia di soggiorno, il tuo coniuge e i tuoi figli (o nipoti) cittadini extra-UE possono soggiornare con te in un altro paese dell'Unione. In caso contrario, le autorità nazionali possono invitarli a lasciare il territorio, ma non espellerli.

In casi eccezionali, possono decidere di espellerli per motivi di ordine pubblico o di pubblica sicurezza, ma unicamente se è dimostrato che rappresentano una minaccia molto grave.

La decisione di espulsione o l'invito a lasciare il territorio devono essere comunicati per iscritto agli interessati, precisando tutti i motivi del provvedimento e indicando le modalità e i termini per presentare ricorso.

Ti serve ancora aiuto?

Ti serve ancora aiuto?

Non hai trovato le informazioni che cercavi? Hai un problema da risolvere?

Chiedi un consiglio sui tuoi diritti di cittadino dell'UE

Risolvi i problemi incontrati con un organismo pubblico

Footnote

In questo caso, i 27 Stati membri dell'UE + Islanda, Liechtenstein e Norvegia

Retour au texte en cours.

In questo caso, i 27 Stati membri dell'UE + Islanda, Liechtenstein e Norvegia

Retour au texte en cours.