Percorso di navigazione

Aggiornamento 04/2016

Aggiornamento 04/2016

Licenziamenti

Licenziamenti collettivi

Se l'azienda si trova in difficoltà economiche e pensa di licenziare del personale, è tenuta a conoscere i suoi obblighi in materia di licenziamenti collettivi.

Cosa viene considerato un licenziamento collettivo?

Il fatto che un licenziamento venga considerato collettivo o meno dipende dal numero di persone che si intendono licenziare rispetto al numero complessivo di dipendenti.

Numero complessivo di dipendenti

Esuberi

Durata

20-100

Minimo 10

30 giorni

100-300

Minimo 10%

30 giorni

300 o più

Minimo 30

30 giorni

 

In alcuni paesi dell'UE la normativa sui licenziamenti collettivi tutela maggiormente i lavoratori e prevede soglie minori.

Obbligo di informazione e consultazione

Chi prevede di effettuare un licenziamento collettivo è tenuto ad iniziare per tempo le consultazioni con i rappresentanti del personale comunicando loro per iscritto:

  • le ragioni del progetto di licenziamento
  • il numero dei lavoratori da licenziare
  • il numero dei lavoratori impiegati
  • il periodo in cui si prevede di effettuare i licenziamenti
  • i criteri previsti per la selezione dei lavoratori da licenziare.

Occorre inoltre notificare quanto sopra per iscritto all'autorità pubblica competente.

In quali casi la normativa non si applica

L'informazione e la consultazione prima di un licenziamento collettivo non è obbligatoria per:

  • i dipendenti con un contratto a tempo determinato - a meno che il licenziamento abbia luogo prima della fine del contratto
  • i dipendenti della pubblica amministrazione.

Durante la consultazione con i rappresentanti del personale vanno esaminate le varie opzioni per evitare i licenziamenti collettivi, o qualora non fosse possibile, per ridurre il numero delle persone interessate. Vanno inoltre negoziate misure sociali per la riqualificazione o riconversione dei lavoratori in esubero.

Preavviso

Se, a seguito della consultazione con i rappresentanti del personale, l'azienda decide di procedere ai licenziamenti, è tenuta a notificarlo per iscritto all'autorità pubblica competente del proprio paese.

La legislazione nazionale potrebbe derogare a tale obbligo se il licenziamento collettivo è determinato dalla cessazione delle attività commerciali a seguito di una decisione giudiziaria.

I licenziamenti collettivi hanno effetto non prima di 30 giorni dalla notifica scritta all'autorità competente, la quale si avvale di questo termine per cercare soluzioni ai problemi posti dai licenziamenti prospettati. In alcuni casi i paesi dell'UE possono ridurlo o prorogarlo fino a 60 giorni.

Diritti dei lavoratori in caso di rilevamento di un'azienda

Chi rileva un'azienda assume gli obblighi nei confronti del personale interessato. La normativa europea fissa i requisiti minimi, mentre in alcuni paesi dell'UE le norme potrebbero essere più favorevoli ai dipendenti.

Nessun diritto automatico di licenziare

Rilevando in tutto o in parte un'azienda non si acquisisce automaticamente il diritto di licenziare i suoi dipendenti. Tutti i diritti e doveri previsti dai contratti di lavoro esistenti al momento del rilevamento vengono trasferiti al nuovo proprietario.

Occorre inoltre continuare ad osservare le disposizioni di un eventuale accordo collettivo già in vigore fino alla sua risoluzione o scadenza, oppure fino all'entrata in vigore di un accordo nuovo. Il periodo durante il quale occorre osservare il contratto esistente può essere ridotto in alcuni paesi europei, ma deve essere di almeno 1 anno.

Tuttavia, se circostanze economiche, tecniche o organizzative richiedono mutamenti della forza lavoro, i licenziamenti sono consentiti.

Eccezioni

A meno che la legislazione nazionale non disponga diversamente, i nuovi titolari non sono tenuti ad assumere gli obblighi del precedente datore di lavoro per quanto riguarda le prestazioni di vecchiaia, di invalidità o per i superstiti dei regimi complementari di previdenza aziendali o interaziendali esistenti al di fuori dei regimi previdenziali legali.

Chi rileva un'impresa oggetto di una procedura fallimentare o di insolvenza, sotto il controllo di un'autorità pubblica competente, per liquidarne i beni, non è tenuto a osservare le suddette norme, a meno che la legislazione nazionale non disponga diversamente.

Diritti collettivi a seguito di un rilevamento

Rappresentanti dei lavoratori

Se dopo essere stata rilevata, un'azienda conserva la sua autonomia, lo status e la funzione dei rappresentanti del personale restano immutati. Se invece l'azienda non conserva la sua autonomia, i dipendenti devono continuare ad essere adeguatamente rappresentati fino alla costituzione o designazione della nuova rappresentanza dei lavoratori.

Obbligo di informazione e consultazione

Ai rappresentanti dei lavoratori, e in alcuni casi ai dipendenti stessi, vanno comunicate:

  • la data e le motivazioni del trasferimento
  • le conseguenze giuridiche, economiche e sociali del trasferimento per i lavoratori
  • le misure previste nei confronti dei lavoratori.

Occorre inoltre consultare per tempo i rappresentanti in merito a qualsiasi provvedimento che si intende adottare nei confronti dei dipendenti.

Contatta un partner di sostegno alle imprese locali

La tua richiesta verrà inviata a un partner di sostegno della rete Enterprise Europe. Per aiutare il consulente a svolgere in modo corretto e tempestivo questo servizio gratuito si prega di fornire quante più informazioni possibile.

Sostegno alle imprese locali

Assistenza e consulenza

Contatta i servizi di assistenza specializzati

Assistenza e consulenza

Contatta un partner di sostegno alle imprese locali

La tua richiesta verrà inviata a un partner di sostegno della rete Enterprise Europe. Per aiutare il consulente a svolgere in modo corretto e tempestivo questo servizio gratuito si prega di fornire quante più informazioni possibile.

EEN-logo

Modulo di contatto

(tutti i campi sono obbligatori)
Grazie, il messaggio è stato inviato correttamente.
A causa di problemi tecnici non è stato possibile inviare il messaggio. Riprovare più tardi.
Inserire un indirizzo e-mail valido

Dati personali

Dati dell'impresa

Austria

Wien

Belgio

Brussel

Bruxelles

Namur

Bulgaria

Sofia

Cipro

Nicosia

Croazia

Zagreb

Danimarca

Copenhagen

Estonia

Tallinn

Finlandia

Helsinki

Francia

Blagnac Cedex

Caen

Dijon

Guadeloupe, Martinique

Lille

Lyon

Paca

Paris, Ile-de-France, Centre, Nouvelle-Calédonie, Polynésie

Rennes

Saint-Denis

Germania

Berlin

Bremen

Erfurt

Hannover

Kiel

Leipzig

Magdeburg

Mainz

Mülheim an der Ruhr

München

Rostock

Stuttgart

Wiesbaden

Grecia

Athens

Irlanda

Dublin

Islanda

Reykjavík

Italia

Firenze (Toscana, Umbria, Marche)

Milano (Lombardia, Emilia Romagna)

Napoli (Abruzzo, Calabria, Campania, Basilicata, Molise, Puglia, Sicilia)

Roma (Lazio, Sardegna)

Torino (Piemonte, Liguria, Valle d’Aosta)

Venezia (Veneto, Trentino Alto Adige, Friuli Venezia Giulia)

Lettonia

Riga

Lituania

Vilnius

Lussemburgo

Luxembourg

Malta

Pieta`

Norvegia

Oslo

Paesi Bassi

Den Haag

Polonia

Kielce

Lublin

Warsaw

Wroclaw

Portogallo

Lisboa

Regno Unito

Belfast (Northern Ireland)

Cardiff (Wales)

Edinburgh (Scotland)

London (England)

Repubblica ceca

Praha

Romania

Baciu Cluj

Bucuresti

Constanta

Timișoara

Slovacchia

Bratislava

Slovenia

Ljubljana

Spagna

Barcelona

Madrid

Oviedo

Palma

Santa Cruz de Tenerife

Sevilla

Valencia

Vitoria- Gazteiz

Zaragoza

Svezia

Stockholm

Ungheria

Budapest

3000/3000

Le informazioni inserite nel presente modulo vengono inviate direttamente a un partner della rete Enterprise Europe. I dati personali immessi nel modulo saranno usati solo per aiutare il consulente a rispondere alla tua richiesta; i dati non saranno conservati in seguito.

Assistenza e consulenza