Percorso di navigazione

Altri strumenti

  • Versione stampabile
  • Riduci carattere
  • Ingrandisci carattere

Come spostarsi

Che viaggiate in auto, aereo, treno o nave, questa sezione contiene informazioni pratiche su patente di guida, assicurazione degli autoveicoli, sicurezza stradale, pedaggi, diritti dei passeggeri aerei, sicurezza degli aeroporti e diritti dei passeggeri ferroviari.

In auto

Patente di guida

La patente di guida in corso di validità rilasciata in un paese UE è valida in tutto il territorio dell’Unione europea. In alcuni paesi, oltre alla patente di guida valida, è necessario portare con sé il libretto d'immatricolazione del proprio veicolo.

Si ricorda che nella maggior parte dei paesi l'età minima richiesta per guidare è 18 anni. Il limite di età per il noleggio di un'automobile non è fissato a livello europeo e generalmente va dai 20 ai 23 anni.

Assicurazione degli autoveicoli

In qualsiasi paese dell'UE viaggiate, la polizza di assicurazione della vostra auto fornirà automaticamente la copertura minima richiesta dalla legge (assicurazione della responsabilità civile). Ciò vale anche per l'Islanda, il Liechtenstein e la Norvegia. Se avete una polizza casco nel vostro paese verificate che la copertura sia estesa anche agli spostamenti in altri paesi.

Presso le compagnie di assicurazione ci si può procurare un modulo europeo di denuncia di sinistro, documento standard che rende più semplice fare la denuncia di un sinistro sul posto, qualora questo avvenga in un altro paese.

Benché non sia obbligatorio avere una carta verde per viaggiare nell'UE, essa serve come documento di prova, riconosciuto a livello internazionale, del possesso di una copertura assicurativa e rende più facile la liquidazione del danno in caso di incidente. Se non avete con voi la carta verde, portate almeno il certificato di assicurazione. Il sistema della carta verde copre attualmente 45 paesi ed è gestito da un'associazione di assicuratori. Il relativo sito Internet fornisce ulteriori informazioni sul sistema della carta verde Englishfrançais e sui suoi obiettivi.

Per saperne di più su come comportarsi in caso di incidente all'estero

Sicurezza stradale

In tutti i paesi dell’UE l'uso delle cinture di sicurezza è obbligatorio in tutti i veicoli, compresi i pullman turistici e i minibus. Inoltre, i bambini devono disporre di idonei sistemi di ritenuta sulle auto, sui camion e, ove possibile, sugli altri veicoli.

L'uso dei telefoni cellulari durante la guida aumenta notevolmente il rischio di incidenti ed è vietato, esplicitamente o implicitamente, in tutti i paesi dell'UE.

Nella maggior parte dei paesi il tasso massimo autorizzato di alcool nel sangue è di 0,5 mg/ml, ma in altri va da 0,2 mg/ml a 0,8 mg/ml; alcuni paesi infine non ammettono affatto la presenza di alcool nel sangue durante la guida. La Commissione europea ha raccomandato l'adozione da parte di tutti i paesi di un tasso consentito standard non superiore a 0,5 mg/ml.

Ricordate che a Cipro, in Irlanda, a Malta e nel Regno Unito la guida è a sinistra e che in alcuni paesi - come il Belgio, la Francia, i Paesi Bassi e il Portogallo - di norma si dà la precedenza ai veicoli provenienti da destra. Il limite di velocità sulle autostrade è generalmente di 110, 120 o 130 km/h e il limite nelle zone urbane è generalmente di 50 km/h. Accertatevi del limite esatto e di eventuali condizioni particolari.

Ulteriori informazioni sulla normativa per la sicurezza stradale nell'UE, inclusi i limiti di velocità, le luci diurne, le attrezzature di sicurezza di cui devono essere dotate le automobili, i limiti di alcolemia, le gomme da neve e le attrezzature di sicurezza per i ciclisti.

Pedaggi

Vi sono strade a pagamento in Austria, Francia, Grecia, Irlanda, Italia, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Repubblica ceca, Slovacchia, Slovenia, Spagna e Ungheria. In alcuni paesi (Austria, Repubblica ceca, Slovacchia, Slovenia e Ungheria) occorre acquistare una "vignette", un bollo che va incollato sul parabrezza.

Autobus e corriere

Dal 1° marzo 2013 i passeggeri di autobus e corriere che viaggiano nell'UE avranno maggiori diritti. Tutti i passeggerei avranno il diritto di ottenere informazioni adeguate. Per i viaggi superiori ai 250 km sono previsti diritti aggiuntivi, come l'assistenza, il rimborso o il percorso alternativo in caso di ritardo o cancellazione. I passeggeri disabili o a mobilità ridotta avranno diritto ad un'assistenza gratuita alle stazioni e a bordo.

In aereo

La creazione di un mercato unico europeo dei trasporti aerei ha dato luogo a tariffe più basse e ad una maggior scelta di tratte e servizi per i passeggeri. Dal 2000 il numero dei passeggeri è aumentato di circa il 35% e quindi si fa sentire sempre di più l'esigenza di riconoscere ai passeggeri aerei una serie di diritti.

Diritti dei passeggeri aerei

I passeggeri aerei possono far valere certi diritti in caso di ritardo, cancellazione o negato imbarco. Questi diritti si applicano ai voli di linea e ai voli charter, nazionali ed internazionali, in partenza da aeroporti dell’UE (o da Islanda, Liechtenstein, Norvegia e Svizzera). Per i voli provenienti da aeroporti non europei, si applicano soltanto per le compagnie aeree autorizzate nell'UE (o Islanda, Liechtenstein, Norvegia e Svizzera).

Le compagnie aeree sono responsabili in caso di incidente e di danneggiamento o perdita di bagaglio. Certi diritti si applicano anche alle vacanze "tutto compreso". I passeggeri disabili o a mobilità ridotta hanno ora la possibilità di richiedere un'assistenza gratuita a bordo e negli aeroporti, per poter viaggiare come chiunque altro. È, tuttavia, necessario avvisare la compagnia aerea con almeno 48 ore di anticipo.

Inoltre, l'UE tiene un elenco delle compagnie cui è vietato operare nel suo spazio aereo o utilizzare i suoi aeroporti. La normativa europea consente ai viaggiatori di confrontare i prezzi dei voli aerei: le compagnie aeree sono infatti tenute ad indicare i prezzi includendo, oltre alla tariffa, tutte le tasse e spese aggiuntive.

Per eventuali reclami, occorre contattare innanzitutto la compagnia aerea o l'organizzatore del pacchetto. Nel caso questi vengano meno ai loro obblighi, potete rivolgervi:

  • nei casi di negato imbarco, cancellazione del volo o ritardo prolungato, all'ente nazionale competente del paese in cui si è verificato il problema, oppure, per i voli in partenza da un paese extra UE, nel paese di prima destinazione nell'UE
  • per reclami riguardanti i vostri diritti di passeggeri disabili o a mobilità ridotta, all'ente nazionale competente del paese in cui si è verificato il problema, oppure, per i voli in partenza da un paese extra UE, nel paese di prima destinazione nell'UE
  • per altri problemi, come la perdita del bagaglio, al centro europeo dei consumatori del vostro paese.
  • Modello di reclamopdf Scegli le traduzioni del link precedente  scaricabile

Sicurezza

Per garantire un elevato livello di sicurezza in tutta l'Unione europea, sono state fissate norme comuni su aspetti quali il controllo dei passeggeri e del loro bagaglio a mano e da stiva nei voli in partenza da aeroporti dell'UE.

I passeggeri non possono portare a bordo alcuni prodotti. Esiste un elenco concordato a livello UEpdf di articoli che è vietato portare in cabina, come pure un elenco di articoli che non si possono trasportare nel proprio bagaglio da stiva.

Le restrizioni sul trasporto di liquidi, aerosol e gel nel bagaglio a mano a bordo di un velivolo continuano ad applicarsi. Tuttavia, saranno gradualmente tolte una volta che potranno essere sostituite dallo screening degli esplosivi liquidi. Tutti gli aeroporti dovranno essere in grado di operare lo screening di liquidi, aerosol e gel entro il mese di aprile 2013. I liquidi possono ancora essere trasportati nel bagaglio a mano, a condizione che siano presentati separatamente al controllo di sicurezza, contenuti in recipienti individuali della capacità massima di 100 ml e riposti in una busta di plastica trasparente richiudibile, della capacità non superiore a 1 litro. Sono previste eccezioni per i farmaci e gli alimenti per bambini necessari durante il viaggio. I passeggeri possono trasportare liquidi anche nel bagaglio da stiva.

I limiti riguardanti le dimensioni del bagaglio a mano vengono fissati dalle singole compagnie aeree. Occorre pertanto controllarli presso il proprio vettore prima della partenza.

In treno

L'Unione europea dispone di una rete ferroviaria di oltre 212 000 km con servizi passeggeri internazionali su vasta scala. In diversi paesi esistono inoltre linee ad alta velocità (per un totale di più di 6 000 km), con treni che raggiungono i 350 km/h; la rete è in corso di ampliamento, con la costruzione di nuove linee in Austria, Belgio, Francia, Germania, Grecia, Italia, Paesi Bassi, Portogallo, Spagna e Regno Unito. Un ingente sostegno finanziario è attualmente destinato a progetti transeuropei, come migliori collegamenti ferroviari tra Rotterdam e Genova, Lione e la frontiera ungherese con l’Ucraina, tra Stoccolma e Palermo, tra Dresda e Bucarest e tra Varsavia e Tallinn.

I servizi ferroviari internazionali stanno diventando più competitivi e ciò si traduce in servizi migliori e a prezzi inferiori. Ogni società ferroviaria autorizzata e abilitata con sede nell'UE ha la possibilità di offrire servizi internazionali, con il diritto di far salire e scendere i passeggeri in qualsiasi stazione della tratta internazionale.

I diritti dei passeggeri ferroviari sono stati rafforzati dalla legislazione dell'UE con l'accesso ad una migliore informazione e risarcimenti in caso di ritardi, coincidenze perse e annullamenti. I passeggeri disabili e a mobilità ridotta hanno diritto ad un'assistenza gratuita nelle stazioni e sulle vetture se comunicano per tempo le loro esigenze specifiche. In caso di violazione dei vostri diritti, rivolgetevi prima alla compagnia ferroviaria o al capostazione. Se non siete soddisfatti della risposta ricevuta, potete inviare un reclamo all'ente nazionale competente English. Alcuni Stati membri prevedono deroghe per i servizi nazionali, regionali, locali e urbani. Per ulteriori informazioni è possibile chiamare il servizio Europe Direct al seguente numero verde: 00 800 6 7 8 9 10 11.

Un modo per esplorare l'Europa in treno consiste nell'acquistare una tessera ferroviaria internazionale e partire alla scoperta delle località e dei paesi che vi attirano. Sette operatori europei di linee ad alta velocità hanno dato vita all'alleanza Railteam deutschenglishfrancaisnederlands, per agevolare il più possibile i viaggi sulla rete ferroviaria europea.

In nave

Esistono diverse rotte marittime che collegano i paesi europei e che offrono un servizio regolare e di qualità, in alternativa o in combinazione con l'automobile, l'aereo o il treno. Ci sono inoltre 41 000 km di vie navigabili interne in 20 dei 27 paesi europei. Lasciatevi tentare da una crociera marittima o fluviale, oppure pensate all'acqua come mezzo pratico e piacevole per spostarsi.

L'UE è attivamente impegnata a migliorare la sicurezza marittima e a promuovere standard di elevata qualità, con norme a tutela dei passeggeri e degli equipaggi dei traghetti che partono o arrivano nei porti europei, nonché delle navi passeggeri che operano all'interno dell'UE. Dal 18 dicembre 2012 anche questi passeggeri potranno far valere nuovi diritti. Tra questi figurano il rimborso, il percorso alternativo, il risarcimento e l'assistenza in caso di ritardo o cancellazione, come pure il diritto di ottenere informazioni. I passeggeri disabili o a mobilità ridotta avranno anche diritto ad un'assistenza gratuita al momento dell'imbarco e a bordo. Salvo alcune eccezioni, questi diritti si applicano a coloro che viaggiano con servizi passeggeri che partono o arrivano in un porto dell'UE o che fanno una crociera con porto d'imbarco situato nell'UE.

Metropolitana

Se pensate di utilizzare questo mezzo, cominciate a familiarizzarvi con le piantine della metropolitana delle città europee english.

A piedi e in bicicletta

Molte città europee, tra cui Parigi, Bruxelles, Barcellona, Copenaghen, Londra, Milano e Roma, per citarne soltanto alcune delle maggiori, hanno attivato un servizio noleggio bici. In alcune località, come ad Aalborg in Danimarca, Cracovia in Polonia e Burgos in Spagna, tali servizi sono stati cofinanziati dall'UE.

Per gli appassionati della bicicletta EuroVelo english, una rete gestita dalla Federazione ciclistica europea, sta allestendo 14 percorsi ciclabili di lunga distanza attraverso l’Europa di una lunghezza complessiva di oltre 70 000 km. È inoltre appena stato pubblicato lo European Cycling Lexicon englishfrancais (dizionario europeo del ciclista), un opuscolo illustrato non più grande di un passaporto che contiene i termini che ogni ciclista dovrebbe conoscere, in 27 lingue, incluse le 23 lingue ufficiali dell'UE, e che potrebbe rivelarsi uno strumento molto utile per quanti percorrono l'Europa in bicicletta. Per riceverne una copia gratuita rivolgersi a: ten@eesc.europa.eu. Se preferite camminare, la Federazione europea escursionismo deutschenglishfrancais (European Ramblers' Association) fornisce invece informazioni sull'escursionismo pedestre e propone 12 itinerari escursionistici di lunga distanza attraverso l'Europa.

Right navigation