Versione da stampa | Avviso legale | Ultime novità | Ricerca | Per contattarci | Indice | Glossario | A proposito di questo sito
I risultati della Convenzione europea Ignorare la scelta della lingua e passare direttamente all'elenco dei trattati (tasto d'accesso=1)
EUROPA > Sintesi della legislazione > Le istituzioni dell'Unione

LA COSTRUZIONE EUROPEA ATTRAVERSO I TRATTATI >

Archivi   Archivi   Archivi   Archivi

Le istituzioni dell'Unione


Il ministro degli Affari esteri


Introduzione
Procedura di nomina
Attribuzioni
Servizio europeo per la rappresentanza esterna
Tabella riassuntiva

INTRODUZIONE

L'istituzione della carica di ministro degli Affari esteri rappresenta una delle principali innovazioni introdotte dal progetto di Costituzione. Grazie a questa nuova figura, l'azione esterna dell'Unione europea (UE) dovrebbe acquisire maggiore efficacia e coerenza, in quanto il ministro degli Affari esteri è destinato a diventare, di fatto, la voce della politica estera e della sicurezza comune (PESC) dell'Unione.

Questa innovazione istituzionale deriva dalla fusione delle funzioni dell'Alto rappresentante per la PESC e del Commissario per le relazioni esterne. La creazione della figura di ministro degli Affari esteri è contemplata dall'articolo xI-27 del progetto di trattato costituzionale. Egli avrà il ruolo di garantire che l'Unione europea attui una politica estera coerente ricorrendo a tutti gli strumenti di cui dispone.

Tuttavia, il ministro degli Affari esteri non sarà il solo ad assicurare la rappresentanza esterna dell'Unione. Infatti, l'articolo I-21 del progetto costituzionale prevede che il Presidente del Consiglio europeo , oltre a preparare e presiedere i lavori del Consiglio europeo, ha anche il compito di assicurare al suo livello e in tale veste la rappresentanza esterna dell'Unione per le materie relative alla PESC, fatte salve le responsabilità del ministro degli Affari esteri. Ora, il progetto di Costituzione non specifica la modalità di divisione delle competenze tra il presidente del Consiglio e il ministro degli Affari esteri, demandando alla pratica istituzionale la definizione dei rispettivi ruoli.

[ Inizio pagina ]

PROCEDURA DI NOMINA

Il ministro degli Affari esteri viene nominato dal Consiglio europeo mediante delibera a maggioranza qualificata, con l'accordo del presidente della Commissione e previa approvazione del Parlamento europeo . In tale veste, egli guida la politica estera e di sicurezza comune dell'Unione. Il Consiglio europeo può mettere fine alla sua permanenza in carica applicando la medesima procedura utilizzata per la sua nomina.

Il ministro degli Affari esteri ricopre anche la carica di vicepresidente dalla Commissione. Nell'esercizio di queste responsabilità in seno alla Commissione e limitatamente alle stesse, il ministro degli Affari esteri è soggetto alle procedure che regolano il funzionamento della Commissione.

[ Inizio pagina ]

ATTRIBUZIONI

Secondo quanto stabilito durante i lavori della Convenzione, il ministro degli Affari esteri rivestirà un «doppio incarico»: sarà nel contempo mandatario del Consiglio dei ministri per la politica estera e di sicurezza comune e uno dei vice presidenti della Commissione.

Da una parte, il ministro degli Affari esteri dirige la politica estera e di sicurezza comune dell'Unione. A tale scopo, egli dispone del diritto di iniziativa in materia di politica estera ed è chiamato ad attuare tale politica in qualità di mandatario del Consiglio dei ministri . Egli agisce in modo analogo per la politica di sicurezza e di difesa comune . Quando opera nell'ambito di tale mandato, il ministro non deve sottostare al principio di collegialità che disciplina la Commissione.

Il progetto di trattato costituzionale prevede che, oltre a presiedere il Consiglio degli Affari esteri, il ministro degli Affari esteri contribuisca con le sue proposte all'elaborazione della politica estera e di sicurezza comune, garantendo altresì l'applicazione delle decisioni adottate dal Consiglio europeo e dal Consiglio dei ministri. Insieme al Consiglio dei ministri, egli deve anche vigilare al rispetto dei principi che sottendono alla PESC (articolo III-195).

Il ministro degli Affari esteri rappresenta l'UE nelle questioni attinenti alla politica estera e di sicurezza comune, conduce il dialogo politico a nome dell'Unione ed esprime la posizione dell'Unione nelle organizzazioni internazionali e in occasione di conferenze internazionali. Egli è altresì tenuto a garantire il coordinamento delle azioni degli Stati membri dell'Unione nelle organizzazioni internazionali (articolo III-206). Di conseguenza, può essere chiamato a presentare la posizione dell'Unione in merito a un determinato argomento davanti al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite su richiesta degli Stati membri che ne fanno parte, qualora l'Unione abbia stabilito una determinata posizione su tale argomento (articolo III-206).

Inoltre, i rappresentanti speciali dell'Unione (nominati e incaricati dal Consiglio dei ministri di trattare questioni politiche particolari) esercitano il proprio mandato sotto l'autorità del ministro degli Affari esteri dell'Unione (articolo III-203).

D'altra parte, il ministro degli Affari esteri dell'Unione è anche uno dei vicepresidenti della Commissione europea. Nell'ambito di tale istituzione, egli ha l'incarico di gestire le relazioni esterne e di coordinare gli altri aspetti dell'azione esterna dell'Unione. In effetti, l'UE deve assicurare la coerenza tra i vari settori della sua azione esterna e tra questi e le altre politiche. Il Consiglio dei ministri e la Commissione, assistiti dal ministro degli Affari esteri dell'Unione, garantiscono tale coerenza e cooperano a questo fine (articolo III-193).

[ Inizio pagina ]

SERVIZIO EUROPEO PER L'AZIONE ESTERNA

Per concludere, il ministro degli Affari esteri avrà l'incarico di dirigere un servizio diplomatico costituito da delegazioni presenti in quasi 125 paesi. Il progetto di Costituzione contempla la creazione di un servizio europeo per l'azione esterna che affiancherà il ministro nell'esercizio delle sue funzioni.

Tale servizio congiunto viene istituito mediante un accordo tra il Consiglio dei ministri e la Commissione, (fatti salvi i diritti del Parlamento europeo) e posto sotto l'autorità del ministro degli Affari esteri. Esso è costituito da funzionari provenienti da servizi competenti del segretariato generale del Consiglio dei ministri e della Commissione, oltre che personale distaccato dai servizi diplomatici nazionali distaccati, e agisce in collaborazione con i servizi diplomatici degli Stati membri.

Da tale servizio comune proviene anche il personale da destinare alle delegazioni dell'UE operanti nei paesi terzi e presso le organizzazioni internazionali.

La Dichiarazione sulla creazione di un servizio europeo per l'azione esterna stabilisce che le modalità d'istituzione del servizio comune debbano essere definite entro il primo anno dall'entrata in vigore del trattato che istituisce una Costituzione per l'Europa.

[ Inizio pagina ]

TABELLA RIASSUNTIVA

Articoli Argomento Osservazioni
Articolo I-27 Nomina, ruolo e responsabilità del ministro degli Affari esteri. Nuove disposizioni
Articolo I-21 Ruolo del presidente del Consiglio europeo. Nuove disposizioni
Articoli da III-193 a III-231 (Titolo V) Azione esterna dell'Unione Modifiche importanti
Dichiarazione sulla creazione di un servizio europeo per l'azione esterna - Nuove disposizioni

[ Inizio pagina ] [ Scheda precedente ] [ Scheda successiva ] [ Sommario ]


Queste schede non vincolano giuridicamente la Commissione Europea, sono esclusivamente informative e non intendono fornire un'interpretazione autentica del testo della Convenzione.


Versione da stampa | Avviso legale | Ultime novità | Ricerca | Per contattarci | Indice | Glossario | A proposito di questo sito | Inizio pagina