Versione da stampa | Avviso legale | Ultime novità | Ricerca | Per contattarci | Indice | Glossario | A proposito di questo sito
Una Costituzione per l'Europa Ignorare la scelta della lingua e passare direttamente all'elenco dei trattati (tasto d'accesso=1)
EUROPA > Sintesi della legislazione > I principi fondatori dell'Unione

LA COSTRUZIONE EUROPEA ATTRAVERSO I TRATTATI >

I principi fondatori dell'Unione


Valori e obiettivi dell'Unione


Introduzione
Istituzione dell'Unione
Valori dell'Unione
Obiettivi dell'Unione
Principi fondamentali
Simboli dell'Unione
Diritti fondamentali
Tabella riassuntiva

INTRODUZIONE

Il trattato che adotta una Costituzione per l'Europa è preceduto da un preambolo che ricorda, tra l'altro, le eredità culturali, religiose e umanistiche dell'Europa e si appella alla volontà dei popoli europei di superare le antiche divisioni per forgiare il loro comune destino, pur restando fieri della loro identità e della loro storia nazionali.

Il preambolo riprende gran parte dei temi già affrontati nei preamboli dei trattati esistenti, aggiungendovi nuovi temi, come l'umanesimo, ma anche la ragione e l'identità nazionale dei popoli. Esso fa riferimento all'opera compiuta nel quadro dei trattati che istituiscono la Comunità europea (trattato CE) e del trattato sull'Unione europea (trattato UE) e ringrazia i membri della Convenzione europea per aver elaborato il progetto di trattato costituzionale a nome delle cittadine, dei cittadini e degli Stati d'Europa.

Benché il titolo I della prima parte del trattato costituzionale s'intitoli "Definizione e obiettivi dell'Unione", il cittadino non vi troverà una definizione precisa dell'Unione europea che ne enumeri i tratti caratteristici. La definizione viene data indirettamente nei primi otto articoli che riguardano l'istituzione dell'Unione, i valori e obiettivi, le libertà fondamentali e la non discriminazione, le relazioni tra l'Unione e gli Stati membri, il diritto dell'Unione, la personalità giuridica e i simboli dell'Unione.

Il titolo II di questa prima parte comprende le disposizioni relative ai diritti fondamentali (articolo I-9) e alla cittadinanza (articolo I-10). Inoltre, la Carta dei diritti fondamentali, finora senza valore giuridico, viene integrata nella Costituzione e ripresa nella seconda parte del testo costituzionale. Quest'ultimo aspetto rappresenta un notevole passo avanti.

[ Inizio pagina ]

ISTITUZIONE DELL'UNIONE

Nell'articolo I-1, la Costituzione istituisce l'Unione europea, ispirata dalla volontà dei cittadini e degli Stati d'Europa di costruire un futuro comune. Gli Stati membri attribuiscono competenze all'Unione per conseguire i loro obiettivi comuni; l'Unione coordina le politiche degli Stati membri dirette al conseguimento di tali obiettivi ed esercita sulla base del modello comunitario le competenze attribuitele dalla Costituzione.

La formula utilizzata nell'articolo 1 è di natura costituzionale poiché «la Costituzione istituisce l'Unione europea» mentre, nei trattati attuali, sono le «Alte Parti contraenti» a istituire tra loro l'Unione e la Comunità. Il linguaggio proprio dei trattati internazionali viene sostituito da una nuova formula che mette in risalto il carattere costituzionale del nuovo trattato.

[ Inizio pagina ]

VALORI DELL'UNIONE

L'Unione si fonda sui valori del rispetto della dignità umana, della libertà, della democrazia, dell'uguaglianza, dello Stato di diritto e del rispetto dei diritti umani, compresi i diritti delle persone appartenenti a minoranze. Questi valori, enunciati nell'articolo I-2, sono comuni agli Stati membri. Inoltre, le società degli Stati membri si caratterizzano per il pluralismo, la non discriminazione, la tolleranza, la giustizia, la solidarietà e la parità tra uomini e donne. Tali valori svolgono un ruolo importante, e soprattutto in due casi concreti. In primo luogo, il rispetto di questi valori è una condizione preliminare per qualsiasi adesione di un nuovo Stato membro all'Unione secondo la procedura enunciata all'articolo I-58. In secondo luogo, la violazione di tali valori può comportare la sospensione dei diritti di appartenenza di uno Stato membro all'Unione (articolo I-59).

Rispetto ai trattati esistenti, la Costituzione ha incluso nuovi valori, ossia la dignità umana, l'uguaglianza e i diritti delle minoranze, come anche la caratterizzazione delle società degli Stati membri formulata in precedenza.

[ Inizio pagina ]

OBIETTIVI DELL'UNIONE

L'articolo I-3 del trattato costituzionale, che comprende gli obiettivi interni ed esterni dell'Unione, fonde le disposizioni del trattato UE con quelle del trattato CE. Tali obiettivi devono guidare l'Unione nella definizione e nell'attuazione di tutte le sue politiche.

Gli obiettivi principali dell'Unione sono ora la promozione della pace, dei suoi valori e del benessere dei suoi popoli.

A tali obiettivi generali si aggiungono una serie di obiettivi più dettagliati:

Inoltre, l'Unione rispetta la diversità culturale e linguistica e vigila sulla salvaguardia e sullo sviluppo del patrimonio culturale europeo.

Agli obiettivi attualmente enunciati nei trattati, dunque, la Costituzione aggiunge la promozione del progresso scientifico e tecnologico e la solidarietà tra le generazioni, nonché la tutela dei diritti dei minori. La coesione economica e sociale viene dotata di una dimensione territoriale. Anche la diversità culturale e linguistica, insieme alla salvaguardia e allo sviluppo del patrimonio culturale europeo, diventano obiettivi dell'Unione.

Il paragrafo 4 dell'articolo I-3 è dedicato alla promozione dei valori e degli interessi dell'Unione nelle sue relazioni con il resto del mondo. Tale paragrafo raggruppa gli obiettivi, ripresi dal trattato UE, relativi alla politica estera e di sicurezza comune, nonché le disposizioni del trattato CE in materia di cooperazione allo sviluppo:

La Costituzione include come nuovo obiettivo la tutela dei diritti dei minori sulla scena internazionale.

Infine, nella parte III del trattato costituzionale, gli articoli da III-115 a III-122 contengono alcune disposizioni relative a esigenze più specifiche che l'Unione deve rispettare nell'attuazione della Costituzione. Si tratta in particolare della parità tra uomini e donne, della lotta contro le discriminazioni, delle esigenze relative all'impiego e alla politica sociale, della tutela dell'ambiente e dei consumatori e della considerazione della specificità dei servizi d'interesse generale.

[ Inizio pagina ]

PRINCIPI FONDAMENTALI

L'articolo I-4 della Costituzione garantisce la libera circolazione delle persone, delle merci, dei servizi e dei capitali all'interno dell'Unione (le famose "quattro libertà") e vieta rigorosamente qualsiasi discriminazione in base alla nazionalità.

Per quanto attiene alle relazioni tra l'Unione e gli Stati membri, il trattato costituzionale riunisce le disposizioni pertinenti degli attuali trattati nell'articolo I-5. Si tratta in particolare del rispetto dell'identità nazionale nonché della struttura fondamentale, politica e costituzionale, degli Stati membri. Nel medesimo articolo è integrato anche il principio di leale cooperazione.

L'articolo I-6 del trattato costituzionale è dedicato al diritto dell'Unione. Esso definisce il principio del primato del diritto dell'Unione europea sul diritto degli Stati membri. Quest'ultimo, elaborato negli anni dalla Corte di giustizia attraverso la sua giurisprudenza, è da tempo riconosciuto come un principio fondamentale ed un elemento chiave del meccanismo di funzionamento dell'Unione. La Costituzione lo rende semplicemente più visibile, inserendolo in primo piano nel trattato.

L'articolo I-7 attribuisce all'Unione europea la personalità giuridica. Fondendo la Comunità europea con l'Unione europea, la nuova Unione avrà dunque il diritto di concludere accordi internazionali , proprio come la Comunità europea oggi, senza per questo mettere in causa la ripartizione delle competenze tra l'Unione e gli Stati membri.

[ Inizio pagina ]

SIMBOLI DELL'UNIONE

L'articolo I-8 elenca i simboli dell'Unione:

La Costituzione non crea nuovi simboli, ma riprende quelli già utilizzati dall'UE e noti ai cittadini e dà loro rango costituzionale.

[ Inizio pagina ]

DIRITTI FONDAMENTALI

La Costituzione introduce importanti innovazioni in materia di protezione dei diritti fondamentali. L'articolo I-9 del trattato costituzionale riprende la garanzia dei diritti fondamentali del trattato UE, facendo riferimento alla Convenzione europea di salvaguardia dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali (CEDU) nonché alle tradizioni costituzionali comuni agli Stati membri. Tale articolo apre anche la via per un'adesione formale dell'Unione alla CEDU. I diritti fondamentali fanno dunque parte del diritto dell'Unione in quanto principi generali.

Un protocollo, allegato alla Costituzione, stabilisce che l'adesione dell'Unione alla CEDU dovrà preservare le caratteristiche specifiche dell'Unione stessa e del suo ordine giuridico e non dovrà incidere sulla situazione specifica degli Stati membri nei confronti della CEDU. Inoltre, una dichiarazione allegata all'atto finale della Conferenza intergovernativa (CIG) prende atto dell'esistenza di un regolare dialogo tra la Corte di giustizia dell'Unione europea e la Corte europea dei diritti dell'uomo, che potrà essere rafforzato non appena l'Unione europea avrà aderito a detta Convenzione.

Il trattato costituzionale integra inoltre la Carta dei diritti fondamentali, proclamata solennemente durante il Consiglio europeo di Nizza del dicembre 2000, nella parte II della Costituzione. L'Unione europea si dota dunque di un catalogo dei diritti fondamentali che sarà giuridicamente vincolante per l'Unione, le sue istituzioni, agenzie e organi, ma anche per gli Stati membri, relativamente all'attuazione del diritto dell'Unione. L'inclusione della Carta nella Costituzione non compromette la ripartizione delle competenze tra l'Unione e gli Stati membri.

L'inclusione della Carta nel trattato costituzionale rende quest'ultima più visibile ai cittadini, che saranno meglio informati sui loro diritti. Inoltre, la Carta contiene dei diritti supplementari non compresi nella Convenzione europea dei diritti dell'uomo, in particolare i diritti sociali dei lavoratori, la protezione dei dati, la bioetica o il diritto ad una buona amministrazione.

[ Inizio pagina ]

TABELLA RIASSUNTIVA

Articoli Argomento Osservazioni
I-1 Istituzione dell'Unione -
I-2 Valori dell'Unione Modifiche importanti
I-3 Obiettivi dell'Unione Modifiche importanti
I-4 Libertà fondamentali e non-discriminazione -
I-5 Relazioni tra l'Unione e gli Stati membri -
I-6 Diritto dell'Unione Nuove disposizioni
I-7 Personalità giuridica Nuove disposizioni
I-8 Simboli dell'Unione Nuove disposizioni
I-9 Diritti fondamentali Nuove disposizioni
I-10 Cittadinanza dell'Unione Modifiche importanti
I-58 Criteri di ammissibilità e procedura di adesione all'Unione -
I-59 Sospensione dei diritti d'appartenenza all'Unione -
Parte II Carta dei diritti fondamentali dell'Unione -
Dichiarazione ad articolo
I-9
Adesione dell'Unione alla CEDU -


[ Inizio pagina ] [ Scheda precedente ] [ Scheda successiva ] [ Sommario ]


Queste schede non vincolano giuridicamente la Commissione europea, sono esclusivamente informative e non intendono fornire un'interpretazione autentica del testo della Costituzione.


Versione da stampa | Avviso legale | Ultime novità | Ricerca | Per contattarci | Indice | Glossario | A proposito di questo sito | Inizio pagina