Navigation path

Left navigation

Additional tools

Commissione europea - Dichiarazione

Protezione dei lavoratori dalle sostanze chimiche cancerogene: la Commissaria Thyssen accoglie con favore il terzo accordo tra le istituzioni dell'UE

Bruxelles, 29 gennaio 2019

Il Parlamento europeo, il Consiglio e la Commissione hanno raggiunto oggi un accordo provvisorio sulla terza proposta della Commissione di ampliare l'elenco delle sostanze chimiche riconosciute come cancerogene sul luogo di lavoro. Grazie a questo accordo la direttiva sugli agenti cancerogeni e mutageni comprenderà altre 5 sostanze chimiche cancerogene. Marianne Thyssen, Commissaria per l'Occupazione, gli affari sociali, le competenze e la mobilità dei lavoratori, ha espresso soddisfazione per l'accordo e ha dichiarato:

"I 3 aggiornamenti consecutivi della direttiva sugli agenti cancerogeni e mutageni ci hanno permesso di compiere un passo avanti fondamentale nel proteggere i lavoratori europei da quello che è il più grande assassino silenzioso sul luogo di lavoro: il cancro. L'accordo odierno sulla terza proposta della Commissione migliorerà le condizioni di lavoro di oltre 1 milione di lavoratori dell'UE e permetterà di evitare oltre 22 000 casi di malattie professionali. Esso contribuirà a creare luoghi di lavoro più sani e più sicuri, uno dei principi fondamentali del pilastro europeo dei diritti sociali. Questo accordo garantirà, ad esempio, una migliore protezione dei lavoratori impiegati in ambiti quali la produzione di batterie al nichel-cadmio, la fusione dello zinco e del rame, i laboratori, l'elettronica, il settore funerario e dell'imbalsamazione, l'edilizia, l'assistenza sanitaria, le materie plastiche e il riciclaggio. Al contempo, norme semplici e chiare in materia di salute e sicurezza riguardo a queste 5 sostanze chimiche andranno a vantaggio delle imprese attive nel mercato interno europeo. È stata prestata particolare attenzione per aiutare le piccole e le microimprese a conformarsi alle nuove norme.

L'accordo odierno conferma ancora una volta il forte impegno da parte di tutti gli attori per il pilastro europeo dei diritti sociali. Porgo i miei ringraziamenti alla relatrice Laura Agea e ai relatori ombra a nome del Parlamento europeo, come pure alla presidenza rumena e alle precedenti presidenze a nome del Consiglio. È importante ora confermare rapidamente l'accordo di modo che le nuove norme entrino in vigore in tempo per le elezioni europee di maggio 2019."

Prossime tappe

L'accordo sarà presentato al Comitato dei rappresentanti permanenti (Coreper) del Consiglio per l'approvazione. Una volta ottenuta l'approvazione dei rappresentanti permanenti degli Stati membri, l'accordo sarà sottoposto al voto definitivo del Parlamento europeo riunito in seduta plenaria.

Contesto

Il cancro costituisce la prima causa di mortalità professionale nell'Unione europea essendo responsabile del 53% dei decessi correlati all'attività lavorativa. Per rafforzare la protezione dei lavoratori dalle sostanze chimiche cancerogene, la Commissione ha già presentato 3 modifiche della direttiva sugli agenti cancerogeni e mutageni (2004/37/CE) allo scopo di limitare l'esposizione a tali sostanze. La direttiva comprende ora 27 sostanze chimiche cancerogene, 26 delle quali sono state aggiunte o aggiornate durante il mandato della Commissione Juncker.

La prima modifica della direttiva sugli agenti cancerogeni e mutageni è stata adottata dai colegislatori alla fine del 2017 con la direttiva 2017/2398. A fine 2018 i colegislatori hanno poi raggiunto un accordo su una seconda proposta che era stata pubblicata a gennaio 2017. L'accordo provvisorio odierno segna uno dei passaggi finali della fase negoziale della terza proposta datata 5 aprile 2018. Esempi concreti delle sostanze e dei settori interessati dalla presente revisione figurano in questo memo.

Sebbene la maggior parte degli Stati membri disponga di limiti di esposizione nazionali per molte sostanze chimiche cancerogene, in alcuni Stati membri questi limiti sono meno rigorosi. In tale situazione i lavoratori non godono di pari protezione in tutto il mercato unico e non esistono condizioni di parità per le imprese.

Dato che le conoscenze scientifiche sulle sostanze chimiche cancerogene sono in costante evoluzione, la Commissione è favorevole a un processo di aggiornamento continuo della direttiva sugli agenti cancerogeni e mutageni (direttiva 2004/37/CE). Gli accordi raggiunti con il Parlamento europeo e con il Consiglio dell'Unione europea permetteranno di rafforzare la protezione di circa 40 milioni di persone, contribuendo a salvare la vita di oltre 100 000 lavoratori nei prossimi 50 anni.

Tali iniziative si inseriscono nel più ampio sforzo della Commissione di migliorare le norme in materia di salute e sicurezza sul luogo di lavoro in tutta l'Europa. In questo contesto la Commissione ha avviato a gennaio 2017 la revisione approfondita e l'aggiornamento della legislazione esistente.

Per ulteriori informazioni

Comunicato stampa: Nuova proposta della Commissione per migliorare la protezione dei lavoratori dalle sostanze chimiche cancerogene

MEMO: La Commissione continua gli interventi per proteggere i lavoratori dalle sostanze chimiche cancerogene: domande frequenti sulla terza revisione della direttiva sugli agenti cancerogeni e mutageni

Marianne Thyssen su Facebook e Twitter

Iscrizione gratuita alla newsletter della Commissione europea su occupazione, affari sociali e inclusione

 

STATEMENT/19/683

Contatti per la stampa:

Informazioni al pubblico: contattare Europe Direct telefonicamente allo 00 800 67 89 10 11 o per e-mail


Side Bar