Navigation path

Left navigation

Additional tools

Commissione europea - Dichiarazione

Nuove norme in materia di agricoltura biologica: Dichiarazione del commissario Phil Hogan

Bruxelles, 20 novembre 2017

L'accordo sulle nuove norme in materia di agricoltura biologica, approvato oggi dai rappresentanti del Consiglio, semplificherà e armonizzerà molte delle norme che disciplinano la produzione di alimenti biologici sia all'interno dell'Unione europea che nei paesi terzi.

Phil Hogan, commissario europeo per l'agricoltura, felicitandosi di questo importante passo verso l'adozione definitiva del nuovo regolamento, ha dichiarato:

“La decisione odierna del Consiglio è un'ulteriore pietra miliare per il settore biologico. Tale decisione permetterà a questo settore importante e in rapida crescita di continuare a espandersi con norme chiare e con la garanzia di beneficiare delle stesse condizioni concesse ai produttori dei paesi terzi che esportano i loro prodotti biologici nell'UE.

Tutti hanno convenuto che le norme attuali, risalenti ormai a 20 anni fa, non erano adatte allo scopo e rischiavano di costituire un ostacolo piuttosto che un aiuto allo sviluppo di questo settore in crescita, che vale circa 27 miliardi di EUR ed è cresciuto del 125% nell'ultimo decennio. Dobbiamo sostenere questa crescita facendo in modo che il settore operi con una legislazione adeguata. Tale crescita sarà sostenuta dai piccoli produttori, ai quali sarà ora permesso di aderire a regimi di certificazione di gruppo in modo da beneficiare di costi di certificazione ridotti. Inoltre, gli agricoltori biologici avranno ora accesso a un nuovo mercato di sementi biologiche che miglioreranno la biodiversità e la sostenibilità delle colture e stimoleranno l'innovazione.

Durante tutto l'arco dei negoziati, durati oltre tre anni, la Commissione ha tenuto presente in ogni momento il consumatore europeo che acquista prodotti biologici e ha alcune ragionevoli aspettative circa le garanzie fornite dal logo biologico UE. Le nuove norme approvate oggi mettono fine all'attuale sistema di eccezioni ‘à la carte': le stesse norme si applicheranno a tutti i produttori e prodotti biologici venduti nell'UE, siano essi importati o prodotti internamente. Misure precauzionali più restrittive ridurranno anche il rischio di contaminazione accidentale da parte di sostanze non autorizzate. I consumatori godranno inoltre di una maggiore scelta, visto che, rispetto al passato, le nuove norme interesseranno una varietà più ampia di prodotti alimentari e non (come ad esempio sale, sughero o oli essenziali).

A seguito dell'odierna decisione del Consiglio, spero che i colegislatori potranno ora procedere rapidamente alla conclusione di un accordo in prima lettura e agevolare l'entrata in vigore nel 2021. Questo permetterà al settore di prepararsi adeguatamente a un nuovo e favorevole contesto legislativo e aiuterà questo settore fiorente a continuare la sua crescita e a raggiungere il suo pieno potenziale, sulla base del principio secondo cui tutti debbano operare in condizioni di parità.”

L'accordo approvato oggi dal Consiglio verrà votato dal Parlamento europeo. Una volta adottate, le nuove norme entreranno in vigore il 1º gennaio 2021. Produttori, operatori e partner commerciali avranno così abbastanza tempo per adeguarsi al nuovo quadro.

Per ulteriori informazioni

Domande e risposte sulle nuove norme in materia di agricoltura biologica

Note sintetiche sul settore biologico e le nuove norme

Sito web Agricoltura biologica

Logo biologico dell'UE

STATEMENT/17/4727

Contatti per la stampa:

Informazioni al pubblico: contattare Europe Direct telefonicamente allo 00 800 67 89 10 11 o per e-mail


Side Bar