Navigation path

Left navigation

Additional tools

Commissione europea - Dichiarazione

Dichiarazione del primo vicepresidente Frans Timmermans sulla sentenza emessa il 29 giugno dal tribunale arbitrale della Corte permanente di arbitrato nel procedimento arbitrale tra Croazia e Slovenia

Strasburgo, 4 luglio 2017

Oggi la Commissione ha esaminato la sentenza definitiva pronunciata il 29 giugno dal tribunale arbitrale della Corte permanente di arbitrato per quanto riguarda le frontiere marittime e terrestri tra Croazia e Slovenia.

Si tratta di una questione che è in corso da oltre 20 anni.

Da sempre la Commissione promuove la soluzione pacifica delle controversie transfrontaliere tra gli Stati membri. In questo caso specifico ha inoltre svolto un ruolo di facilitatore, cosa che ha portato all'istituzione del procedimento arbitrale nel 2009.

Ora che una decisione è stata presa, la Commissione prende atto della sentenza definitiva e si attende che venga attuata da entrambe le parti.

Nella stessa ottica, la Commissione si compiace del fatto che i primi ministri di Slovenia e Croazia si incontrino il 12 luglio e che abbiano concordato di non adottare alcuna misura unilaterale prima di tale data. La Commissione auspica che i primi ministri dei due paesi possano giungere a un accordo sul modo migliore per attuare la sentenza.

La Commissione è ovviamente pronta a contribuire a questo processo o a facilitarlo. Una volta avviato il processo, il Collegio tornerà sulla questione per esaminare i progressi compiuti e valutare in che modo la Commissione può contribuire alla piena e corretta attuazione della sentenza.

STATEMENT/17/1911


Side Bar