Navigation path

Left navigation

Additional tools

Bruxelles, 3 maggio 2013 Dichiarazione dell'alto rappresentante, Catherine Ashton, a nome dell'Unione europea in occasione della Giornata mondiale della libertà di stampa (3 maggio 2013)

European Council - PRES/13/181   03/05/2013

Other available languages: EN FR DE DA ES NL SV PT FI EL CS ET HU LT LV MT PL SK SL BG RO

CONSIGLIO
DELL'UNIONE EUROPEA

IT

Bruxelles, 3 maggio 2013

(OR. en)

9232/1/13 REV 1

PRESSE 181

Dichiarazione dell'alto rappresentante, Catherine Ashton, a nome dell'Unione europea in occasione della Giornata mondiale della libertà di stampa (3 maggio 2013)

In occasione del ventesimo anniversario della Giornata mondiale della libertà di stampa, l'UE rende omaggio ai giornalisti di tutto il mondo che dedicano la loro vita, talvolta a costi personali elevati, ad informare su avvenimenti o ad esprimere opinioni che molti preferirebbero forse passare sotto silenzio. Una stampa libera, indipendente e dinamica è indispensabile in ogni società democratica.

L'UE è fermamente intenzionata a lottare per la libertà di stampa e condanna il crescente ricorso all'intimidazione, alla violenza e alla censura cui i giornalisti sono confrontati in numerosi paesi. L'UE fa appello a tutti i governi affinché consentano ai giornalisti di lavorare in condizioni di sicurezza, senza temere la censura o i procedimenti penali.

La libertà di espressione deve essere difesa sia nell'ambito dei mezzi d'informazione tradizionali sia su Internet.

L'UE continuerà a promuovere la libertà di espressione online e offline, non da ultimo poiché le nuove tecnologie dell'informazione possono svolgere un ruolo fondamentale per la promozione dei diritti umani e della democrazia. L'UE continuerà a condannare le violazioni del diritto alla libertà di espressione nell'insieme dei mezzi di comunicazione, per far sì che i giornalisti di tutto il mondo possano svolgere senza ostacoli le proprie mansioni professionali.

Il paese aderente Croazia*, i paesi candidati Turchia, ex Repubblica jugoslava di Macedonia*, Montenegro*, Islanda+ e Serbia*, i paesi del processo di stabilizzazione e associazione e potenziali candidati Albania e Bosnia-Erzegovina, e i paesi dell'EFTA Liechtenstein e Norvegia, membri dello Spazio economico europeo, nonché l'Ucraina, la Repubblica moldova, l'Armenia, l'Azerbaigian e la Georgia aderiscono alla presente dichiarazione.

* La Croazia, l'ex Repubblica jugoslava di Macedonia, il Montenegro e la Serbia continuano a partecipare al processo di stabilizzazione e associazione.

+ L'Islanda continua ad essere membro dell'EFTA e dello Spazio economico europeo.


Side Bar

My account

Manage your searches and email notifications


Help us improve our website