Navigation path

Left navigation

Additional tools

UNIONE EUROPEA

IT

Bruxelles, 8 giugno 2012

11100/12

PRESSE 252

Dichiarazione dell'alto rappresentante a nome dell'Unione europea sull'adesione di taluni paesi terzi alla decisione 2012/168/PESC del Consiglio che modifica la decisione 2011/235/PESC concernente misure restrittive nei confronti di determinate persone ed entità in considerazione della situazione in Iran

Il 23 marzo 2012 il Consiglio ha adottato la decisione 2012/168/PESC del Consiglio1. La decisione del Consiglio modifica le misure restrittive di cui alla decisione 2011/235/PESC ed inserisce altre persone nell'elenco delle persone ed entità soggette a misure restrittive riportato nell'allegato di tale decisione.

Le modifiche riguardano l'introduzione del divieto di vendita, fornitura, trasferimento o esportazione di apparecchiature o software destinati principalmente ad essere usati per il controllo e l'intercettazione, da parte del regime iraniano, di Internet e delle comunicazioni telefoniche di rete fissa o mobile in Iran. Le modifiche includono altresì nella decisione 2011/235/PESC, in considerazione degli obiettivi che questa si prefigge, il divieto di fornitura, vendita o trasferimento di attrezzature che potrebbero essere utilizzate per la repressione interna, che al contempo viene invece eliminato dalla decisione 2010/413/PESC.

Il paese aderente Croazia*, i paesi candidati ex Repubblica jugoslava di Macedonia*, Montenegro* e Serbia*, il paese del processo di stabilizzazione e associazione e potenziale candidato Albania e i paesi dell'EFTA Liechtenstein e Norvegia membri dello Spazio economico europeo, nonché la Repubblica moldova aderiscono alla presente decisione.

Essi provvederanno affinché le loro politiche nazionali siano conformi alla suddetta decisione del Consiglio.

L'Unione europea prende atto di questo impegno e se ne compiace.

1 :

Pubblicata il 24.3.2012 nella Gazzetta ufficiale dell'Unione europea L 87, pag. 85.

* La Croazia, l'ex Repubblica jugoslava di Macedonia, il Montenegro e la Serbia continuano a partecipare al processo di stabilizzazione e associazione.


Side Bar