Navigation path

Left navigation

Additional tools

Commissione europea - Scheda informativa

Fondo dell'UE per la giustizia, i diritti e i valori

Bruxelles, 30 maggio 2018

La Commissione propone un nuovo fondo per la giustizia, i diritti e i valori che semplifica gli attuali programmi in questo settore.

IP/18/3923

Il fondo comprende i programmi “Diritti e valori” e “Giustizia”. Il fondo ha una dotazione di bilancio proposta di 947 milioni di EUR nell'arco di sette anni, 642 milioni di EUR per il programma “Diritti e valori” e 305 milioni per il programma “Giustizia”. La dotazione globale è all'incirca equivalente a quella del periodo precedente.

Il fondo sosterrà le attività di una serie di soggetti attivi nel settore dei diritti e dei valori, fra cui le ONG, gli organismi per le pari opportunità, le amministrazioni pubbliche, le reti giudiziarie o le università.

Quali sono le novità?

La creazione di un fondo per la giustizia, i diritti e i valori e i suoi due programmi semplificano l'attuale situazione in cui i programmi sono tre.

In particolare, il settore della cittadinanza, che attualmente è oggetto di due programmi diversi, sarà coperto solo dal nuovo programma “Diritti e valori”, cosa che consentirà di sviluppare sinergie.

Programma “Diritti e valori”

L'obiettivo del programma è proteggere e promuovere i diritti e i valori sanciti nei trattati dell'UE, anche sostenendo le organizzazioni della società civile, al fine di promuovere società aperte, democratiche e inclusive.

Il programma ha tre obiettivi specifici:

  • promuovere la parità e i diritti (sezione Parità e diritti)
  • promuovere il coinvolgimento e la partecipazione dei cittadini nella vita democratica dell'Unione (sezione Coinvolgimento e partecipazione dei cittadini)
  • contrastare la violenza (sezione Daphne).

 

VISUAL

Che tipo di attività saranno finanziate dal programma “Diritti e valori”?

  • la sensibilizzazione e la formazione per migliorare la conoscenza delle politiche e dei diritti nei settori interessati dal programma, compresa la conoscenza della cultura, della storia e della memoria europee;
  • l'apprendimento reciproco tra i soggetti interessati per migliorare la conoscenza e la comprensione reciproca e la partecipazione democratica e civica, nonché attività di gemellaggio tra città per far avvicinare i cittadini di nazionalità e culture diverse;
  • attività di analisi e di monitoraggio per migliorare la comprensione della situazione negli Stati membri e a livello dell'UE, nonché l'applicazione della legislazione e delle politiche dell'Unione;
  • sostegno alle organizzazioni della società civile per promuovere e agevolare la partecipazione attiva alla creazione di un'Unione più democratica, nonché sensibilizzare ai diritti e ai valori;
  • sviluppo della capacità delle reti europee di promuovere e sviluppare ulteriormente il diritto dell'Unione, le sue strategie e i suoi obiettivi politici e sostegno delle organizzazioni della società civile operanti nei settori interessati dal programma.

Programma “Giustizia”

Il programma “Giustizia” intende contribuire all'ulteriore sviluppo di uno spazio europeo di giustizia fondato sullo Stato di diritto, sul riconoscimento reciproco e sulla fiducia reciproca.

Gli obiettivi specifici sono:

  • facilitare e sostenere la cooperazione giudiziaria in materia civile e penale, nonché promuovere lo Stato di diritto, ad esempio sostenendo gli sforzi volti a migliorare l'efficacia dei sistemi giudiziari nazionali e l'esecuzione delle decisioni;
  • sostenere e favorire la formazione giudiziaria per promuovere una cultura giuridica, giudiziaria e dello Stato di diritto comune;
  • agevolare l'accesso effettivo alla giustizia per tutti mettendo a disposizione strumenti di ricorso efficaci; il programma intende promuovere procedimenti civili e penali efficienti, rafforzare e sostenere i diritti delle vittime della criminalità, come pure i diritti procedurali degli indagati e degli imputati nei procedimenti penali.

Che tipo di attività saranno finanziate dal programma “Giustizia”?

  • sensibilizzazione e formazione: aiuterà le parti interessate a migliorare la conoscenza del diritto e delle politiche dell'Unione, ad esempio in materia di diritto sostanziale e procedurale, gli strumenti di cooperazione giudiziaria, o la pertinente giurisprudenza della Corte di giustizia dell'Unione europea;
  • apprendimento reciproco tramite lo scambio di buone pratiche fra le parti interessate al fine di migliorare la comprensione reciproca del diritto civile e penale, nonché dei sistemi giuridici e giudiziari degli Stati membri, compreso lo Stato di diritto;
  • attività di analisi e di monitoraggio per migliorare la conoscenza e la comprensione dei potenziali ostacoli al buon funzionamento di uno spazio europeo di giustizia;
  • sviluppo e uso di tecnologie dell'informazione e della comunicazione (TIC) per migliorare l'efficacia dei sistemi giudiziari e la loro cooperazione e l'interoperabilità transfrontaliera dei sistemi e delle applicazioni;
  • sviluppo delle capacità delle principali reti a livello europeo, nonché sostegno alle organizzazioni della società civile che operano nei settori interessati dal programma.

Come saranno sostenute le ONG?

Il ruolo delle organizzazioni della società civile (ONG) è molto importante per l'attuazione del fondo “Giustizia, diritti e valori”. In particolare, l'obiettivo del programma “Diritti e valori” è proteggere e promuovere i diritti e i valori sanciti nei trattati dell'UE, anche sostenendo le organizzazioni della società civile, al fine di promuovere società aperte, democratiche e inclusive.

Il programma finanzierà le attività delle ONG per promuovere i suoi tre obiettivi specifici, in linea con la prassi attuale. Ciò riguarda, ad esempio, progetti per la lotta contro la violenza nei confronti delle donne, nonché i diritti dei minori o progetti di commemorazione.

Finanzierà anche attività per incoraggiare e facilitare la partecipazione attiva nella costruzione di un'Unione più democratica e la consapevolezza dei diritti e dei valori, attraverso il sostegno alle organizzazioni della società civile, comprese le ONG e i gruppi di riflessione.

Inoltre, il programma “Giustizia” intende sostenere le organizzazioni della società civile, ad esempio per facilitare l'accesso effettivo alla giustizia per tutti.

Qual è il legame fra il fondo e il nuovo meccanismo proposto dalla Commissione sullo Stato di diritto nel quadro finanziario pluriennale?

Il regolamento proposto attribuirà all'Unione gli strumenti per proteggere il proprio bilancio nel caso in cui carenze relative allo Stato di diritto compromettano, o rischino di compromettere, la sana gestione finanziaria o gli interessi finanziari dell'Unione.

Il ruolo del fondo è diverso: infatti persegue l'obiettivo di promuovere politiche in linea con i diritti fondamentali e i valori europei. Inoltre continuerà a sostenere lo sviluppo di uno spazio europeo di giustizia fondato sullo Stato di diritto e la fiducia reciproca e garantirà che i cittadini possano esercitare i loro diritti.

 

MEMO/18/3975

Contatti per la stampa:

Informazioni al pubblico: contattare Europe Direct telefonicamente allo 00 800 67 89 10 11 o per e-mail


Side Bar