Navigation path

Left navigation

Additional tools

Other available languages: EN FR DE ES PT EL PL

Commissione europea - Scheda informativa

Prefinanziamento accelerato per l'Iniziativa a favore dell'occupazione giovanile: domande e risposte

Bruxelles, 04 febbraio 2015

Perché aumentare il tasso di prefinanziamento?

 

L’Iniziativa a favore dell’occupazione giovanile (IOG) è frutto di una proposta della Commissione e di un invito politico d'alto livello del Consiglio europeo di febbraio 2013 ad affrontare i livelli senza precedenti di disoccupazione giovanile in alcune regioni dell’Unione europea (UE) che si trovano in una situazione particolarmente difficile. Anche i Consigli europei successivi a quello di febbraio 2013 hanno sottolineato la necessità di attribuire la massima priorità alla promozione dell'occupazione giovanile. Il Consiglio europeo ha invitato a mobilizzare il bilancio dell’UE a sostegno degli sforzi profusi dagli Stati membri per contrastare questa tendenza.

È stato accantonato un apposito bilancio per l'IOG del valore di 3,2 miliardi di euro che non richiede il cofinanziamento a livello nazionale. Altri 3,2 miliardi di euro proverranno da stanziamenti erogati agli Stati membri a titolo del FSE per il periodo di programmazione 2014-2020.

Data l’imponenza della sfida posta da oltre 7 milioni di giovani europei senza lavoro e che non seguono corsi di istruzione o formazione, è stato deciso che le risorse stanziate per l’IOG siano impegnate (anticipate) nei primi due anni del periodo 2014-2020, per consentire una rapida e consistente mobilizzazione di risorse per i giovani e ottenere risultati immediati. Qualunque ritardo nell'attuazione potrebbe compromettere le azioni intraprese dagli Stati membri per combattere la disoccupazione giovanile.

L’importo di prefinanziamento iniziale stabilito dalle norme relative ai programmi operativi (PO) del Fondo sociale europeo (FSE), nel cui quadro l’IOG è programmato, è pari all'1% della dotazione complessiva (o all'1,5% per gli Stati membri che beneficiano di un’assistenza finanziaria). Tale importo è automaticamente trasferito dopo l’adozione di ciascun programma operativo. Successivamente, i pagamenti intermedi agli Stati membri possono essere effettuati solo a titolo di rimborso per le spese già sostenute. Come di consueto, i governi prefinanziano i progetti a livello nazionale prima di essere rimborsati da fondi dell’UE.

La percentuale suddetta si è dimostrata insufficiente per l’Iniziativa a favore dell’occupazione giovanile, in particolare perché il bilancio IOG è anticipato al 2014 e 2015 e deve essere assorbito a un ritmo più sostenuto rispetto a quello del FSE. I vincoli di bilancio cui sono confrontati gli Stati membri e la mancanza di finanziamenti nella fase iniziale del periodo di programmazione hanno causato ritardi nell’attuazione a livello nazionale e regionale. Molti paesi hanno sollevato il problema di non disporre del bilancio nazionale necessario per finanziare in anticipo il funzionamento di progetti rivolti ai giovani.

È pertanto opportuno stabilire in via eccezionale, mediante la proposta legislativa odierna, un tasso di prefinanziamento più elevato per la dotazione specifica dell’IOG di 3,2 miliardi di euro per il 2015, in modo da garantire una rapida mobilizzazione dei fondi. ll maggiore prefinanziamento ammonterà quindi a circa 1 miliardo di euro (pari al 30% della dotazione specifica) invece dell'1-1,5% originario.

 

Tale maggiore prefinanziamento avrebbe il massimo impatto in termini di sostegno ai beneficiari, entro i limiti del bilancio disponibile, e significherebbe un aumento non indifferente per gli Stati membri che attuano l’IOG, come illustrato nella tabella seguente:

 

Dotazione specifica dell’IOG.

Prefinanziamento inizialmente previsto a titolo della dotazione specifica dell’IOG nel 2015 (senza aumento)

Prefinanziamento straordinario previsto a titolo della dotazione specifica dell’IOG nel 2015 (con aumento)

BE

42.435.070

424.351

           12.730.521

BG

55.188.745

551.887

           16 556 624

CZ

13.599.984

136.000

             4 079 995

IE

68.145.419

681 454

           20 443 626

EL

171.517.029

2.572.755

           51 455 109

ES

943.496.315

9 434 963

         283 048 895

FR

310.161.402

3.101.614

           93 048 421

HR

66.177.144

661.771

           19 853 143

IT

567.511.248

5.675.112

         170 253 374

CY

11.572.101

173.582

             3 471 630

LV

29.010.639

290.106

             8 703 192

LT

31.782.633

317.826

             9 534 790

HU

49.765.356

497.654

           14 929 607

PL

252.437.822

2.524.378

           75 731 347

PT

160.772.169

1 607 722

           48 231 651

RO

105.994.315

1.589.915

           31 798 295

SI

9.211.536

92.115

             2 763 461

SK

72.175.259

721.753

           21 652 578

SE

44.163.096

441.631

           13 248 929

UK

206.098.124

2.060.981

           61 829 437

Totale

3.211.215.406

33 557 570

963 364 625

 

Aggiungendo il corrispondente prefinanziamento a titolo del sostegno integrativo del FSE a tale importo aumentato di 963 milioni di euro per la dotazione specifica, il prefinanziamento totale che gli Stati membri riceveranno nel 2015 per l'IOG ammonterà a 996 milioni di euro, ossia circa 1 miliardo di euro. Si tratta di una risorsa importante che può essere immediatamente mobilizzata per permettere l'avvio delle azioni sostenute dall'IOG.

Per consentire la rapida concretizzazione delle misure è molto importante che gli Stati membri trasferiscano tale finanziamento anticipato direttamente ai beneficiari dei progetti.

Quali altre azioni ha già adottato la Commissione per accelerare l’attuazione dell’Iniziativa a favore dell’occupazione giovanile?

 

Sin dall’inizio la Commissione ha messo in atto una serie di disposizioni per accelerare il più possibile l’attuazione dell’iniziativa.

In primo luogo è importante osservare che i 6,4 miliardi di euro destinati all’Iniziativa a favore dell’occupazione giovanile sono anticipati in modo che tutti questi fondi siano impegnati nel 2014 e nel 2015 anziché nell’arco dei sette anni del quadro finanziario pluriennale. La spesa relativa ai progetti IOG, inoltre, è ammissibile dal 1º settembre 2013. Ciò significa che gli Stati membri sono in grado di investire nell’attuazione delle misure già a partire dal 2013, con la consapevolezza che la Commissione sarà in grado di rimborsare loro tali spese una volta che i pertinenti programmi operativi siano stati adottati formalmente e lo Stato membro abbia inviato una domanda di pagamento alla Commissione.

La Francia e l’Italia hanno deciso di dedicare un programma operativo all'utilizzo dei fondi IOG, il che ha consentito una rapida adozione da parte della Commissione. Il programma francese è stato adottato il 3 giugno 2014 (cfr. IP/14/622) e quello italiano l'11 luglio 2014 (cfr. IP/14/826).

I servizi della Commissione hanno attribuito priorità all’adozione di tutti i programmi operativi aventi una componente IOG. Attualmente su un totale di 34 programmi operativi (alcuni Stati membri hanno più di un programma operativo) contenenti un finanziamento IOG, 28 sono già stati adottati nel 2014 e altri quattro sono stati ultimati e sono in attesa di adozione. Pertanto già oltre l'85 % delle risorse dell’IOG sono state impegnate dalla Commissione.

La Commissione, inoltre, ha sostenuto gli Stati membri nella loro progettazione mediante orientamenti tecnici e una serie di azioni tra cui un costante contatto con le autorità nazionali, un helpdesk per istituire apprendistati e tirocini e un seminario a livello tecnico tenutosi a luglio 2014 (IP/14/784).

Nel periodo 2014-2020 è anche previsto l'utilizzo di un’importante quota del Fondo sociale europeo come investimento nei giovani.Oltre ai 6,4 miliardi di euro a titolo dell'IOG, viene fornito sostegno direttamente ai giovani per un importo supplementare di 6 miliardi di euro a titolo dell’FSE 2014-2020 già stanziati nel nuovo ciclo di programmi operativi.

Gli Stati membri dovrebbero inoltre essere accorti nell’impiego dei loro bilanci nazionali. Nella sua Analisi annuale della crescita per il 2015, la Commissione ha sottolineato che, nel contesto di un risanamento di bilancio favorevole alla crescita, gli Stati membri dovrebbero prestare particolare attenzione a mantenere o rafforzare le spese destinate alla copertura e all’efficacia dei servizi per l’impiego, le politiche attive del mercato del lavoro e i regimi di Garanzia per i giovani.

La Commissione lavora costantemente con gli Stati membri per accelerare la procedura e ha fornito un ampio sostegno all’attuazione delle iniziative.

Per rendere il cofinanziamento supplementare degli Stati membri ancora più attraente, gli investimenti in progetti cofinanziati mediante l’Iniziativa a favore dell’occupazione giovanile in uno Stato membro saranno ammissibili a essere considerati nell'ambito del patto di stabilità e crescita in base alla "clausola sugli investimenti" del braccio preventivo.

 

Che tipo di misure possono finanziare gli Stati membri con l’Iniziativa a favore dell’occupazione giovanile?

 

Tutte le misure a favore dell’occupazione giovanile saranno destinate direttamente ai giovani.

 

Le misure sostenute attraverso l’IOG sono definite nei programmi operativi degli Stati membri che sono adottati dalla Commissione. Poiché le esigenze nelle varie regioni possono essere molto diverse, nei propri programmi operativi ciascuno Stato membro/regione affronta le esigenze esistenti e garantisce l’attuazione della Garanzia per i giovani.

 

Esempi di misure mirate ai singoli giovani:

sostegno diretto per tirocini e apprendistati di alta qualità;

offerta di una prima esperienza lavorativa (tirocini per almeno 6 mesi);

riduzione dei costi non salariali della manodopera;

incentivi salariali e per le assunzioni mirati e ben strutturati;

misure di mobilità per la corrispondenza delle qualifiche all'occupazione;

sostegno all’avviamento per i giovani imprenditori (tutoraggio e accesso ai finanziamenti);

qualità dell’istruzione e della formazione professionale;

programmi della "seconda opportunità"

 

I progetti finanziati potrebbero aiutare i giovani a trovare un posto di lavoro in settori in rapida crescita, quali l’economia digitale. La domanda di personale qualificato nel settore digitale sta crescendo a un ritmo annuo del 4% circa. Secondo le stime entro il 2020 in Europa si potrebbero creare 825 000 posti di lavoro per i professionisti delle TIC. La Commissione si sta adoperando per il mercato unico digitale che creerà maggiori opportunità per gli europei: 250 miliardi di euro di ulteriore crescita e migliaia di nuovi posti di lavoro nei prossimi cinque anni.

 

Quali misure sono state programmate nei paesi con la maggior dotazione per l'IOG?

 

In Francia circa 650 000 persone di età inferiore ai 25 anni sono disoccupate e un milione non sono occupate né impegnate in corsi di studio o formazione (NEET). L'IOG in Francia sosterrà l’attuazione della Garanzia per i giovani per aiutare chi ha scarse possibilità sul mercato del lavoro. Tra le varie azioni vi sono la consulenza e la formazione di lavoratori poco qualificati; l'incoraggiamento alla mobilità degli apprendisti a livello regionale, nazionale e in alcuni casi transfrontaliero; il contributo per prevenire l’abbandono scolastico e individuare meglio i giovani NEET e l'offerta di una seconda opportunità a coloro che hanno abbandonato il sistema scolastico senza diploma o qualifica affinché possano affermarsi sul mercato mediante un’esperienza di lavoro o tirocini. I servizi pubblici per l’impiego hanno un ruolo cruciale nel conseguimento di tali obiettivi e il programma operativo nazionale sarà l’opportunità per migliorare i contatti tra loro e i giovani NEET.

 

In Polonia l’IOG è attuata nel quadro del programma operativo nazionale che consente lo sviluppo su scala nazionale di misure di attivazione scolastico-professionali volte ad inserire i giovani nel mercato del lavoro, compresi quelli con disabilità. Il gruppo destinatario dell’IOG in Polonia è stato esteso ai giovani tra i 24 e i 29 anni poiché i giovani in questa fascia di età si trovano in una situazione ben più difficile di quelli nella fascia di età 15-24. Dato che in Polonia la mancanza di esperienza e di competenze adeguate al mercato del lavoro è stata identificata come causa principale della disoccupazione giovanile, l’IOG sosterrà in primo luogo i tirocini, la formazione e altri tipi di formazione che contribuiscano ad un positivo inserimento nel mercato del lavoro. Saranno inoltre finanziati lo sviluppo dell’imprenditorialità, il lavoro autonomo e la mobilità professionale e geografica.

 

In Italia il programma IOG contribuisce all’attuazione della Garanzia per i giovani che sarà estesa alle persone fino a 29 anni e secondo le stime coinvolgerà 1,72 milioni di giovani NEET. Ai beneficiari sarà proposta un'offerta personalizzata comprendente un'ampia gamma di azioni: informazione e orientamento, formazione professionale, collocamento, apprendistato, tirocini, incentivazione del lavoro autonomo, mobilità professionale transnazionale e territoriale e un programma per la funzione pubblica. I partecipanti saranno invitati a firmare accordi individuali all'atto dell'iscrizione. L’ultima relazione dell’8 gennaio indica che su oltre 364 000 iscritti, 127 000 avevano già sostenuto il primo colloquio. Le imprese hanno reso disponibili 39 313 posti di lavoro.

 

In Spagna il programma IOG prevede azioni in tutte le regioni per giovani che non sono occupati né impegnati in corsi di studio o formazione (NEET). I giovani fino a 25 anni, e nel caso di una disabilità riconosciuta fino a 29 anni, possono partecipare ad azioni finalizzate al loro inserimento nel mondo dell'istruzione o del lavoro, all’acquisizione di competenze che possono migliorare la loro occupabilità, all'avviamento di un’attività imprenditoriale sostenibile o alla ricerca di un’occupazione stabile. Ai beneficiari saranno offerti percorsi personalizzati integrati attraverso misure che comprendono programmi d'istruzione di seconda opportunità, programmi duali di formazione professionale, corsi di formazione per il conseguimento di certificazioni professionali, programmi di mobilità nazionale e transnazionale, misure di sostegno all’imprenditorialità, tirocini o sussidi all’assunzione collegati a contratti a tempo indeterminato.

 

In Grecia il programma IOG affronta il problema della disoccupazione giovanile concentrandosi sulla creazione di opportunità d'istruzione di qualità, sul miglioramento delle competenze e sull’occupazione sostenibile per tutti nell'ottica di una migliore coesione sociale. L’IOG sosterrà una gamma di interventi per giovani di età compresa tra 15 e 24 anni che permette di scegliere l'intervento appropriato tra programmi di apprendistato, tirocini, azioni volte ad acquisire un’esperienza lavorativa, il sostegno all'avviamento di imprese per giovani imprenditori e azioni integrate. Per i giovani di età compresa tra 24 e 29 anni l’IOG sostiene specificamente le azioni per acquisire un’esperienza lavorativa e misure di sostegno ai giovani imprenditori. Gli interventi proposti nell'ambito dell'IOG dovrebbero promuovere l’occupazione, compreso il lavoro autonomo, e migliorare le competenze e l’esperienza lavorativa dei giovani che non sono occupati né impegnati in corsi di studio o formazione al fine di sostenere il loro inserimento o reinserimento nel mercato del lavoro.

 

In Portogallo circa 280 000 giovani (tra i 15 e i 29 anni) non sono occupati né impegnati in corsi di studio o formazione (NEET), ossia il 16% dei giovani portoghesi. L'IOG sosterrà l’attuazione della Garanzia per i giovani per aiutare i giovani NEET tra i 15 e i 29 anni a trovare un lavoro o un corso di formazione o qualificazione. Sostenendo sia le persone con minori opportunità nel mercato del lavoro sia le persone altamente qualificate, ma che non riescono a trovare un posto di lavoro, l’iniziativa contribuirà ad aumentare le opportunità di lavoro dei giovani e, allo stesso tempo, affronterà il problema crescente della "fuga di cervelli". Le iniziative comprendono attività di consulenza, corsi di formazione, apprendistati, tirocini, anche a livello transfrontaliero, programmi della "seconda opportunità" e incentivi all’assunzione e al lavoro autonomo.

 

In Croazia l'IOG sarà attuata nel quadro del programma operativo FSE "Risorse umane efficienti 2014-2020" con una dotazione specifica IOG di 66 milioni di euro raddoppiata dal sostegno dell’FSE per un importo totale di 132 milioni di euro. I giovani in Croazia sono in una posizione particolarmente sfavorevole nel mercato del lavoro, con un tasso di disoccupazione nella fascia d’età 15-29 anni del 35,2% nel 2013 e un tasso di NEET del 20,9%. Uno dei principali problemi è la mancanza di esperienza lavorativa. La Croazia assegnerà i fondi dell’IOG a misure attive del mercato del lavoro rivolte ai giovani di età compresa tra 15 e 29 anni, ponendo particolare attenzione all'acquisizione della prima esperienza lavorativa, al ritorno all’istruzione e al sostegno all'imprenditorialità. I fondi dell’IOG dovrebbero contribuire ad aumentare l’occupazione stabile e sostenibile e il lavoro autonomo tra i giovani disoccupati, in particolare i NEET di lunga durata, e la loro occupabilità, fornendo la necessaria esperienza di lavoro nonché lo sviluppo di competenze aggiornate e di abilità pratiche.

 

In Belgio l'IOG è attuata mediante due PO (Vallonia-Bruxelles e Bruxelles-Capitale) che comprendono un asse specificamente dedicato ai giovani nell'ambito del quale la realizzazione dei più ampi obiettivi della Garanzia per i giovani avviene mediante l’IOG. Nel PO Vallonia-Bruxelles, le azioni a favore dei giovani, in particolare NEET, mirano a offrire un’esperienza professionale, corsi di formazione specifici associati all’attività lavorativa e, tra l’altro, una migliore gestione della transizione dalla scuola alla vita professionale. Alcuni progetti concreti affrontano i problemi della dispersione scolastica e dell’abbandono scolastico precoce. Nel programma operativo Bruxelles-Capitale, tra le azioni finanziate compare il tutoraggio per i giovani. I progetti offriranno anche proposte concrete di occupazione, formazione e tirocinio. Tale programma operativo comprende anche progetti specifici, in collaborazione con la regione fiamminga, per giovani e NEET di lingua neerlandese della regione di Bruxelles.

In Romania l'IOG è attuata nel quadro del programma operativo nazionale per lo sviluppo del capitale umano che dovrebbe essere adottato tra febbraio e marzo 2015. La Romania, con una percentuale di giovani non occupati né impegnati in corsi di studio o formazione (15-24) superiore alla media UE (17,2% per il 2013, rispetto alla media UE del 13%), ha scelto il sostegno a titolo dei fondi UE sia per le regioni ammissibili all’IOG sia per il resto del paese. Le misure offerte ai giovani prevedono pacchetti integrati personalizzati, a seconda del profilo dei giovani NEET. Le misure possono comprendere la consulenza, l’orientamento, la formazione, compresa quella professionale, il sostegno per la ricerca di un impiego, gli apprendistati, il sostegno ai giovani NEET per la creazione di imprese e la consulenza sull’imprenditorialità, il sostegno per la mobilità dei giovani NEET affinché trovino un posto di lavoro in un’altra regione della Romania o incentivi per i datori di lavoro affinché creino posti di lavoro, apprendistati ecc. Vi sono altresì misure specifiche per raggiungere i NEET non iscritti al servizio pubblico per l’impiego e farli iscrivere nonché per offrire il sostegno nell’ambito della Garanzia per i giovani.

 

 

Qual è il legame tra il Fondo sociale europeo e l’Iniziativa a favore dell’occupazione giovanile?

 

Il regolamento FSE accorda già una priorità specifica all'investimento per inserire in modo sostenibile i giovani che non sono occupati né impegnati in corsi di studio o formazione nel mercato del lavoro. Tutti gli Stati membri dell’UE destinatari di una raccomandazione specifica per paese sui giovani nel contesto del Semestre europeo dovrebbero destinare alcune risorse del FSE a tale priorità. Tali misure possono riguardare una gamma più ampia d'interventi rispetto a quelli previsti dall'IOG, per esempio la modernizzazione di servizi e strutture per facilitare l’attuazione della Garanzia per i giovani (quali i servizi per l’impiego che sono in contatto diretto con i giovani).

 

L'IOG, compresa la componente FSE, invece, riguarderà misure direttamente rivolte ai singoli nelle regioni interessate (livello NUTS 2, tasso di disoccupazione giovanile superiore al 25 % nel 2012). L’obiettivo è lavorare direttamente con i giovani per aiutarli ad inserirsi nel mercato del lavoro o avvicinarsi ad esso. Altre risorse dell'FSE possono essere utilizzate per attuare i cambiamenti strutturali necessari per attuare la Garanzia per i giovani (come la messa a punto di un quadro per l’apprendistato o lo sviluppo di servizi per l’impiego che applichino efficacemente la garanzia per i giovani).

 

 

 

Qual è la relazione tra la garanzia per i giovani e l’Iniziativa a favore dell’occupazione giovanile?

 

Lo scopo dell’IOG è fornire un sostegno finanziario per l’attuazione delle misure a favore dell’occupazione giovanile, in particolare la Garanzia per i giovani, nelle regioni che sono maggiormente colpite dalla disoccupazione giovanile. In 20 Stati membri dell'UE su 28 vi sono regioni ammissibili al sostegno dell’IOG.

 

Per quanto riguarda la garanzia per i giovani, tutti e 28 gli Stati membri sono tenuti a rispettare la raccomandazione del Consiglio sull’istituzione di una garanzia per i giovani in tutte le loro regioni. A tal fine hanno elaborato piani di attuazione della Garanzia per i giovani, che sono sostenuti finanziariamente da diverse fonti, tra cui i bilanci nazionali, i finanziamenti dell'FSE e dell’IOG (per i 20 Stati membri ammissibili).

 

Per ulteriori informazioni

Comunicato stampa: Commissione Juncker mette 1 miliardo di euro a disposizione dei giovani disoccupati

Proposta legislativa sull'Iniziativa a favore dell'occupazione giovanile

Memo: la garanzia UE per i giovani

Youth Employment Initiative funding map (Mappa dei finanziamenti per l'Iniziativa a favore dell'occupazione giovanile)

Grafico:Youth Employment Initiative (Iniziativa a favore dell'occupazione giovanile)

Scheda informativa: The Youth Guarantee – European approach to fight youth unemployment (La garanzia per i giovani — approccio europeo alla lotta contro la disoccupazione giovanile)

Scheda informativa: Addressing youth unemployment in the EU (affrontare la disoccupazione giovanile nell'UE)

Cfr. anche Youth Employment Initiative Q&A (Domande e risposte sull'IOG)

Info generali sull'IOG: http://europa.eu/rapid/press-release_MEMO-13-984_en.htm

DG Occupazione Pagina web sull'occupazione giovanile

Comunicazione del 2013: invito ad agire contro la disoccupazione giovanile

Comunicazione del 2013 sulla Iniziativa a favore dell'occupazione giovanile

MEMO/15/4101

Informazioni al pubblico:

contattare Europe Direct telefonicamente allo 00 800 67 89 10 11 o per e-mail

Side Bar