Navigation path

Left navigation

Additional tools

Other available languages: EN

Commissione europea

MEMO

Bruxelles, 15 novembre 2013

In Tailandia il mercato al consumo in forte espansione offre moltissime opportunità alle imprese dell'UE

La Tailandia è una delle economie più avanzate nella regione dell'ASEAN e aiutare le imprese europee ad espandersi sul suo mercato potrebbe comportare grandi benefici per le imprese di entrambe le parti. Pertanto l'incremento della cooperazione commerciale con questo paese sarà l'obiettivo principale della visita che Antonio Tajani, vicepresidente della Commissione europea e commissario responsabile per l'industria e l'imprenditoria, compie oggi a Bangkok. Il vicepresidente Tajani sarà accompagnato dai rappresentanti di 40 imprese e associazioni imprenditoriali (per quasi la metà PMI) di 15 Stati membri. Il fatturato combinato di queste imprese ammonta a 96 miliardi di EUR ed esse danno lavoro a circa 500 000 addetti. Inoltre, le associazioni partecipanti rappresentano più di 20 milioni di imprese unionali con un fatturato complessivo di più di 41 miliardi di EUR. Questa visita rientra nelle "Missioni per la crescita" che intendono aiutare le imprese europee, soprattutto le piccole e medie imprese, a cogliere meglio le opportunità offerte dai mercati internazionali in rapida crescita. Durante la visita il vicepresidente Tajani firmerà inoltre due lettere di intenti con funzionari d'alto livello della Tailandia per rafforzare la cooperazione e il dialogo in tema di politica per le PMI e di turismo sostenibile.

Le potenzialità di cooperazione UE-Tailandia sono ancora in gran parte inutilizzate

Nell'ambito dell'ASEAN la Tailandia è la seconda economia in ordine di grandezza dopo l'Indonesia ed è tra le economie più avanzate nella regione. Inoltre, la Tailandia è il terzo partner commerciale dell'UE nell'ASEAN e l'UE è il terzo partner commerciale della Tailandia in generale.

Resta il fatto però che i flussi di prodotti provenienti dall'UE appaiono ancora al di sotto delle potenzialità reali. La Tailandia presenta inoltre un ambizioso mercato al consumo in espansione caratterizzato da un forte appetito di prodotti di gamma alta. È quindi estremamente importante che l'UE intensifichi le sue relazioni con questo paese.

Rafforzare il dialogo sulle PMI e sul turismo sostenibile

Durante la sua visita a Bangkok il 16 novembre il vicepresidente Tajani incontrerà innanzitutto l'onorevole Niwattumrong Boonsongpaisan, vice primo ministro e ministro del commercio della Tailandia, per discutere tematiche come la crescita sostenibile, la politica industriale e le potenzialità innovative delle imprese unionali. Attualmente la Tailandia manifesta diverse esigenze di investimento soprattutto nel settore energetico e in quello della costruzione e molte imprese unionali sono leader mondiali in questo ambito in termini di tecnologie di punta, sostenibilità e innovazione.

Più avanti nel corso della giornata, durante riunioni con altri funzionari tailandesi d'alto livello, il vicepresidente Tajani firmerà due importanti lettere di intenti. La prima lettera di intenti sul dialogo politico in tema di PMI sarà firmata dal vicepresidente Tajani e dal ministro dell'industria Prasert Boonchaisuk. La Tailandia e l'UE si impegneranno a collaborare per assicurare un più alto grado di cooperazione tra le PMI orientate all'esportazione di entrambe le parti firmatarie. Queste scambieranno anche pratiche ottimali in tema di legislazione favorevole alle PMI e di internazionalizzazione delle PMI. La seconda lettera di intenti riguarderà il turismo sostenibile e sarà firmata dal vicepresidente Tajani e dal ministro del turismo Somsak Pureesrisak.

Poiché sia la Tailandia che l'Europa hanno un settore del turismo ben sviluppato anche in questo ambito la cooperazione è cruciale e può andare a vantaggio di entrambe le parti. Con la firma di una lettera di intenti nel settore del turismo sostenibile la Tailandia e l'UE si impegneranno a collaborare per promuovere il turismo sostenibile e migliorare in generale la qualità dei loro servizi turistici.

Durante la visita l'European ASEAN Business Centre (EABC) organizzerà per tutti i partecipanti un pranzo di lavoro che consentirà di scambiare esperienze. Più avanti nel pomeriggio i rappresentanti di imprese europee e tailandesi potranno partecipare a un evento di machmaking organizzato dalla Thai-European Business Association (TEBA).

Dati economici e commerciali relativi alla Tailandia (2012)

Popolazione: 68,8 milioni (2012)

PIL a prezzi correnti: 280,2 miliardi di EUR (2012)

PIL pro capite a prezzi correnti: 4352,1 EUR (2012)

Consumi effettivi individuali pro capite: 2255,5 EUR (2012)

Esportazioni dell'UE verso la Tailandia: 14,80 miliardi di EUR (2012)

Importazioni dell'UE dalla Tailandia: 16,92 miliardi di EUR (2012)

Stock degli IDE dell'UE in Tailandia: € 14,0 miliardi di EUR (2011)

Tasso d'inflazione: 3,0% (2012)

Nel 2012 gli scambi UE-Tailandia ammontavano a quasi 32 miliardi di EUR. La Tailandia è il terzo partner commerciale dell'UE nell'area ASEAN (dopo Singapore e la Malaysia) e l'UE è il terzo partner commerciale della Tailandia su scala globale (dopo il Giappone e la Cina). L'UE è anche uno dei principali investitori esteri in Tailandia.

Negoziati relativi al nuovo accordo commerciale

La Banca mondiale ha di recente riconfermato lo status della Tailandia quale paese a reddito medio-alto il che significa che la Tailandia perderà nel 2015 il trattamento basato sul Sistema di preferenze generalizzate (SPG). Tale sistema consente agli esportatori dei paesi in via di sviluppo di pagare dazi più bassi sulle loro esportazioni verso l'UE.

Tuttavia, il 6 marzo José Manuel Barroso, presidente della Commissione europea, e Yingluck Shinawatra, primo ministro della Tailandia, hanno avviato negoziati per un accordo di libero scambio. L'obiettivo è di concludere un accordo d'ampia portata che copra gli aspetti tariffari, le barriere non tariffarie, i servizi, gli investimenti, gli appalti, le questioni normative, la concorrenza e lo sviluppo sostenibile. Si sono già svolte due tornate (a maggio e settembre 2013) e la prossima si terrà all'inizio di dicembre a Bruxelles.

Informazioni di contesto

Questa visita in Tailandia rientra in una serie di tre "Missioni per la crescita" condotte tra il 12 e il 16 novembre 2013 nei seguenti paesi dell'ASEAN: Vietnam, Myanmar/Birmania e Tailandia.

Per ulteriori informazioni sulle Missioni per la crescita in Vietnam, Myanmar e Tailandia

Per ulteriori informazioni sulle Missioni per la crescita


Side Bar

My account

Manage your searches and email notifications


Help us improve our website