Navigation path

Left navigation

Additional tools

Dichiarazione dell'Alta rappresentante, Catherine Ashton, a nome dell'Unione europea in occasione della Giornata internazionale dei popoli indigeni del mondo

European Commission - MEMO/13/740   09/08/2013

Other available languages: EN FR DE DA ES NL SV PT FI EL CS ET HU LT LV MT PL SK SL BG RO HR

Commissione europea

MEMO

Bruxelles, 9 agosto 2013

Dichiarazione dell'Alta rappresentante, Catherine Ashton, a nome dell'Unione europea in occasione della Giornata internazionale dei popoli indigeni del mondo

"Oggi, in occasione della Giornata internazionale dei popoli indigeni del mondo, l'UE ribadisce il proprio sostegno a tutte le popolazioni indigene del pianeta, di cui celebra il ricco patrimonio culturale rendendo omaggio all'enorme contributo delle loro tradizioni e delle loro conoscenze all'eredità culturale mondiale. L'UE sostiene da sempre e con convinzione la Dichiarazione delle Nazioni Unite sui diritti dei popoli indigeni (2007), uno strumento fondamentale per la promozione dei diritti umani, ma il cammino verso la loro piena affermazione è ancora lungo. Ovunque nel mondo le popolazioni indigene continuano a essere discriminate e a subire disparità di trattamento. L'UE rende omaggio oggi ai difensori dei diritti dei popoli indigeni, persone che in molti paesi sfidano i rischi e subiscono feroci repressioni, come denunciano numerose relazioni internazionali, tra cui quelle del relatore speciale delle Nazioni Unite sui difensori dei diritti umani.

L'UE è impegnata a integrare i diritti umani in tutti gli aspetti delle proprie politiche esterne, diritti che promuove nel dialogo politico con i paesi terzi e le organizzazioni regionali e nei consessi multilaterali, come le Nazioni Unite. L'Unione offre inoltre sostegno finanziario a progetti della società civile, ai delegati delle popolazioni indigene presso gli organismi dell'ONU e alle attività pertinenti dell'Organizzazione internazionale del lavoro (OIL). Quest'anno ha lanciato un invito a presentare proposte per promuovere i diritti dei popoli indigeni che saranno finanziate dallo strumento europeo per la democrazia e i diritti umani (EIDHR). L'Unione è inoltre impegnata a rivedere e sviluppare ulteriormente le proprie strategie in vista della Conferenza mondiale sui popoli indigeni del 2014."


Side Bar

My account

Manage your searches and email notifications


Help us improve our website