Chemin de navigation

Left navigation

Additional tools

Autres langues disponibles: EN

Commissione europea

MEMO

Bruxelles, 24 luglio 2013

Galileo: il GPS europeo apre nuove opportunità commerciali e facilita la vita ai cittadini

Oggi presso il centro di controllo di Galileo a Fucino (L'Aquila) verranno presentati al pubblico i quattro satelliti di Galileo, il sistema di navigazione satellitare dell'UE, e verrà fornita una dimostrazione della capacità del sistema di determinare una posizione sulla superficie terrestre in modo indipendente e con grande precisione.

La determinazione di una posizione1 sulla base di longitudine, latitudine e altitudine è una prova concreta della capacità di Galileo di fornire dati di posizionamento di alta precisione. Poter disporre di questi dati è fondamentale per i fornitori che creeranno i servizi derivati che costituiscono, in ultima analisi, il risultato atteso da Galileo. Una volta mostrati in modo tangibile i vantaggi apportati da Galileo, spetta agli operatori del settore prepararsi per le future opportunità di mercato.

Galileo alla base dell’economia europea

L’Europa ha bisogno di Galileo per consolidare il suo sviluppo economico e la capacità di resilienza della struttura economica, in particolare nell’attuale contesto di crisi.

I segnali di posizionamento e i segnali orari forniti dai sistemi di navigazione satellitare sono utilizzati in molti settori chiave dell’economia, basti pensare alle applicazioni per la sincronizzazione della rete elettrica, le reti per il commercio elettronico e la telefonia mobile, il controllo del traffico stradale, marittimo e aereo, i sistemi di navigazione delle auto o i servizi di ricerca e salvataggio.

Secondo studi di mercato, già nel 2009 il 6-7% del PIL europeo (pari a 800 miliardi di euro) si basava sui segnali di navigazione satellitare forniti dal sistema GPS statunitense; tale dipendenza sarebbe in aumento. Grazie a Galileo l’Europa sarà in grado di sfruttare le opportunità offerte dalla navigazione satellitare in misura molto maggiore di quanto possibile altrimenti.

Galileo in breve: accuratezza, innovazione, disponibilità, precisione

Maggiore accuratezza: Galileo offre tre segnali con servizio aperto (Open Service signals), ciascuno dei quali fornisce più informazioni e in bande più larghe rispetto all'attuale segnale civile unico a banda stretta del GPS. Questo permette maggiore accuratezza e una migliore localizzazione del segnale, da cui risulta una migliore navigazione per gli utenti finali.

Promuovere servizi innovativi: la diversità dei segnali aperti di Galileo permetterà innovazioni ancora maggiori per quanto riguarda ricevitori e applicazioni di navigazione: telefoni cellulari, strumenti di navigazione e ricevitori di altissima precisione, strumenti per la navigazione indipendente, assistita o ibrida, per uso fisso o uso ad alta velocità in tempo reale. Galileo darà impulso allo sviluppo dei servizi di navigazione satellitare.

Disponibilità dei segnali: l'utilizzo combinato di GPS e Galileo (rispetto al solo sistema GPS), grazie al maggior numero di satelliti, migliorerà la disponibilità del segnale in città con edifici molto alti e nelle regioni di montagna, dove gli immobili o i rilievi possono ostacolare i segnali provenienti da satelliti più bassi.

Alta precisione: Galileo offre inoltre un segnale di servizio commerciale (Commercial Service signal) che consentirà di realizzare applicazioni innovative e di alta gamma basate su un'accuratezza di pochi centimetri.

Il valore di mercato passerà da 124 a 244 miliardi di euro entro il 2020

Il valore di mercato annuo dei prodotti e servizi di navigazione satellitare a livello mondiale è attualmente valutato 124 miliardi di euro ed è destinato a crescere nel prossimo decennio fino a raggiungere, secondo le stime, 244 miliardi di euro nel 2020.

Come Internet, un sistema globale di navigazione satellitare non è tanto un servizio a se stante quanto un "abilitatore di servizi", perché agisce come un catalizzatore per le attività economiche creando valore aggiunto e posti di lavoro in una vasta gamma di settori collegati (mercati a monte e a valle) e a livello macroeconomico, apportando benefici socioeconomici per la società nel suo complesso.

I benefici attesi da Galileo ed EGNOS possono essere ricondotti ad alcune componenti principali:

  1. Grazie ai sistemi globali di navigazione satellitare (GNSS) si stanno sviluppando nuove opportunità commerciali. Stanno emergendo applicazioni innovative come i sistemi avanzati di assistenza al conducente, servizi di assistenza per anziani e non vedenti, gestione di veicoli adibiti al trasporto e sistemi di tariffazione per gli utenti della strada. La maggior parte di queste applicazioni sarà possibile solo grazie alla maggiore precisione offerta da Galileo. Si stima che i benefici diretti cumulativi derivanti dal mercato a valle dei GNSS arriveranno a 14 miliardi di euro nei prossimi 20 anni.

  2. Grazie alle nuove applicazioni rese possibili da Galileo, le aziende potranno rendere più efficienti i propri processi produttivi. In agricoltura, ad esempio, la produttività delle colture aumenterà grazie alla possibilità di programmare semina e irrorazione di fertilizzanti in modo più accurato. Ne conseguirà una maggiore tutela dell'ambiente e la possibilità di aumentare la produzione di generi alimentari.

  3. Tutti i settori economici trarranno vantaggio da una maggiore velocità di consegna delle merci ai clienti, con un impatto ridotto sull'ambiente e maggiore sicurezza per gli utenti della strada.

  4. Gli investimenti per lo sviluppo di Galileo vanno a vantaggio di centinaia di imprese europee, dai conglomerati finanziari con giri di affari multimiliardari alle PMI specializzate. La maggior parte dei fondi spesi per i programmi Galileo ed EGNOS confluisce direttamente nell'economia europea.

Inoltre, i progressi tecnologici raggiunti grazie agli investimenti in ricerca e sviluppo nel settore aerospaziale sono trasferiti alle imprese di altri settori come "effetti di ricaduta". Secondo una ricerca condotta da Oxford Economics2 si tratta di ricadute molto importanti: gli investimenti in R&S nel settore aerospaziale genererebbero infatti una redditività sociale del 70% circa. Questo significa che ogni 100 milioni di euro investiti in R&S si ha un aumento del PIL pari a 70 milioni di euro nel lungo periodo in altri settori (ad esempio sanità, trasporti o informatica).

L'impatto economico complessivo è stimato in circa 90 miliardi di euro nei prossimi 20 anni (fonte: GSA studies Market Monitoring and Forecasting).

Applicazioni di Galileo: dai trasporti alle reti elettriche

I sistemi globali di navigazione satellitare come Galileo permettono agli utenti in tutto il mondo di individuare la propria posizione o quella di altre persone o oggetti in un dato momento. Un concetto all'apparenza semplice ma con enormi potenzialità e possibili applicazioni in molti settori sia pubblici che privati. Sono già state individuate numerose applicazioni potenziali basate sulla qualità e sull'affidabilità dei segnali di Galileo e l'elenco è destinato a crescere – l'unico limite sarà l'immaginazione di imprenditori e fornitori di servizi innovativi.

Servizi basati sulla localizzazione

  1. L'integrazione dei ricevitori di segnali di posizionamento accurati in telefoni cellulari, PDA, lettori mp3, computer portatili, macchine fotografiche e dispositivi video porterà i servizi di Galileo direttamente nelle mani dei singoli cittadini, rendendo possibile una radicale trasformazione del nostro modo di vivere e lavorare.

  2. I servizi basati sulla localizzazione, considerati il principale mercato iniziale per Galileo, comprendono una vasta gamma di applicazioni, come le "pagine gialle mobili" o i cosiddetti "servizi di prossimità", che forniscono agli utenti, ovunque si trovino, informazioni (e pubblicità) su attività commerciali e servizi nelle vicinanze.

  3. Saranno disponibili dispositivi di posizionamento dedicati per turisti o escursionisti, visitatori di parchi di divertimento e musei oppure clienti di grandi centri commerciali.

Servizi di emergenza, di sicurezza e umanitari

  1. Con dispositivi abilitati per Galileo sarà possibile usufruire di nuove applicazioni per la sicurezza, che consentiranno ad esempio di localizzare oggetti rubati oppure persone o animali domestici smarriti.

  2. I segnali di Galileo faciliteranno le operazioni di protezione civile in ambienti difficili, accelereranno le operazioni di soccorso e forniranno strumenti utili alla Guardia costiera e alle autorità di controllo delle frontiere.

Trasporto

  1. La navigazione satellitare può aumentare la sicurezza e l'efficienza del traffico migliorando il modo in cui usiamo i veicoli. Nel settore del trasporto su strada i segnali di Galileo, estremamente precisi e affidabili, consentiranno di gestire in modo ottimale i veicoli grazie a mappe dettagliate o notifiche vocali per localizzare spedizioni o container specifici. I vantaggi saranno analoghi anche per il trasporto aereo, marittimo e ferroviario e persino per il traffico pedonale.

Agricoltura

  1. Grazie all'integrazione dei segnali di Galileo con altre tecnologie il settore agricolo otterrà benefici in termini di migliore controllo della distribuzione e della diluizione dei prodotti chimici, maggiore resa delle coltivazioni grazie a trattamenti personalizzati e gestione più efficiente dei beni.

Comunicazioni

  1. Le reti di telecomunicazione senza fili utilizzeranno il segnale di sincronizzazione dei satelliti Galileo per la gestione della rete, per l'indicazione di data e ora e per la sincronizzazione dei riferimenti di frequenza.

Finanza, banche, assicurazioni

  1. L'orologio estremamente preciso di Galileo lo rende uno strumento formidabile per l'autenticazione e la convalida delle transazioni finanziarie. Nell'odierna società dell'informazione la sicurezza, l'integrità dei dati, l'autenticità e la riservatezza sono i problemi principali nello scambio di documenti elettronici e file. Applicazioni come l'e-banking, il commercio elettronico, le transazioni di borsa e i sistemi e servizi di assicurazione della qualità richiedono la certificazione di data e ora. Galileo avrà un ruolo chiave nella protezione di queste informazioni impiegando le tecniche di autenticazione più all'avanguardia.

Energia

  1. Per progettare, costruire e gestire reti energetiche moderne è indispensabile disporre di sistemi di localizzazione accurati. Le reti elettriche devono essere monitorate continuamente e, nell'eventualità di interruzioni o guasti, è di vitale importanza che gli strumenti di monitoraggio siano sincronizzati con la massima precisione. Galileo offre una sincronizzazione temporale di alta qualità che permetterà di migliorare i servizi di trasporto e distribuzione dell'energia.

  2. Per quanto riguarda il settore del petrolio e del gas, la prospezione sismica marina trarrà benefici sempre maggiori dai servizi di Galileo applicabili alle navi di acquisizione sismica e alle serie di cavi sismici e fucili sismici (seismic streamer arrays e gun arrays). Le attività di perforazione saranno svolte in maggiore sicurezza grazie alla possibilità di condurre indagini dei nuovi siti ad alta risoluzione e di individuare eventuali rischi geomorfologici o geofisici.

Come già detto, l'elenco delle possibili applicazioni di Galileo non è ancora completo così come non è ancora stato scoperto il pieno potenziale in termini di servizi e dispositivi per gli utenti. È vero che i servizi basati sul GPS esistono già in molti dei settori citati sopra, ma il punto chiave è che Galileo aumenterà i livelli di precisione e affidabilità, rendendo possibile una nuova gamma di prodotti e servizi più vantaggiosi e redditizi dal punto di vista commerciale.

Risultati del programma Galileo

Attualmente ci sono quattro satelliti operativi nello spazio, lanciati con successo il 21 ottobre 2011 (IP/11/1220) e il 12 ottobre 2012 (IP/12/1098). Questi satelliti, insieme all'infrastruttura di terra, sono utilizzati per valutare le prestazioni del sistema e validarne la struttura.

Sono stati compiuti progressi anche per quanto riguarda il segmento di terra, costituito da stazioni di telemetria e telecontrollo, stazioni di ricezione, stazioni di up-link e una serie di infrastrutture specifiche per questi servizi. Sono operative tre stazioni di telemetria e telecontrollo (altre due saranno completate nel 2013), dodici stazioni di ricezione (altre quattro saranno completate nel 2013 e 2014), cinque stazioni di up-link. Sono quasi completate due stazioni di controllo di terra a Fucino (Italia) e Oberpfaffenhofen (Germania), già parzialmente operative per consentire di effettuare il test di validazione in orbita e la crescita della costellazione di satelliti. Il completamento delle due stazioni permetterà di offrire i primi servizi nel 2014 e di raggiungere la piena ridondanza delle due stazioni nel 2015.

Galileo: i primi servizi a disposizione

Il programma Galileo entrerà presto in una nuova fase e si avranno i primi servizi basati sui segnali emessi dai suoi satelliti. In questa fase gli utenti potranno beneficiare dei primi servizi di Galileo insieme ai servizi del GPS statunitense.

  • Early Galileo Open Service, disponibile nel 2014, è il servizio di Galileo per il posizionamento, la navigazione e la temporizzazione, ad accesso libero. Sarà completamente interoperabile con il GPS e verrà utilizzato per molte applicazioni di massa, come gli smartphone e i sistemi di navigazione per le auto. Con la diffusione dei primi servizi, il mercato di massa potrà usufruire dei miglioramenti del segnale apportati da Galileo.

  1. Ricerca e soccorso, contributo al servizio di COSPAS-SARSAT: la funzionalità di ricerca e soccorso di Galileo è uno strumento importante per la localizzazione di persone in difficoltà. Esso fornisce un "forward link" per l'individuazione di segnalatori di pericolo e una funzione innovativa di "return link" che invia un messaggio di conferma di rilevamento. In questo modo, la persona in difficoltà sa che i soccorsi stanno arrivando. Il servizio di ricerca e soccorso sarà il contributo dell'Europa a COSPAS-SARSAT, frutto di un impegno di cooperazione nelle attività di ricerca e soccorso umanitario che contribuisce a salvare 1.300 vite ogni anno.

  2. Fase pilota del servizio pubblico regolamentato: il servizio pubblico regolamentato è un servizio criptato progettato per garantire una maggiore solidità e disponibilità del segnale. Si tratta di un servizio speciale di navigazione Galileo che utilizza segnali criptati per gestire meglio i servizi critici di trasporto e di emergenza, facilitare l'applicazione delle norme, migliorare il controllo delle frontiere e rendere più sicure le missioni di pace. Il segnale resisterà alle interferenze non intenzionali e alle attività intenzionali di jamming, spoofing e meaconing3. Il servizio pubblico regolamentato di Galileo inizierà a partire dal 2014 con una fase pilota che coinvolgerà gli Stati membri partecipanti.

  3. Servizio commerciale dimostrativo: il servizio commerciale di Galileo avrà varie caratteristiche a valore aggiunto, tra cui probabilmente un posizionamento con precisione di pochi centimetri e una funzione di autenticazione, che consentiranno di sviluppare applicazioni professionali o commerciali. Il servizio commerciale dimostrativo di Galileo sarà sottoposto a verifica teorica nel 2014 e dovrebbe entrare in servizio nel 2016.

Galileo pienamente operativo entro il 2020

Con la messa in orbita di un numero crescente di satelliti, l’offerta e la copertura del segnale miglioreranno e nel 2016 Galileo potrà offrire servizi autonomi di posizionamento. L'obiettivo è rendere il sistema pienamente operativo entro il 2020, con una rete globale di stazioni terrestri in grado di offrire servizi di elevata precisione 24 ore su 24 in tutto il pianeta.

Galileo e l'Expo 2015 a Milano

Il World Expo 2015 si terrà a Milano dal 1º maggio al 31 ottobre 2015, con un'affluenza prevista di 20 milioni di visitatori. L’esposizione, dedicata al tema "Nutrire il pianeta: energia per la vita", sarà una tappa importante nel dibattito in corso a livello mondiale su alimenti e sostenibilità e servirà da piattaforma per discussioni politiche e iniziative strategiche in materia. Saranno mostrati i risultati, le idee, le soluzioni innovative e le nuove tecnologie messe a punto a livello europeo.

European Space Expo a Roma in agosto

Roma ospiterà la mostra itinerante della Commissione europea "European Space Expo" dal 30 agosto al 6 settembre 2013. Grazie a particolari display interattivi e di carattere educativo e ludico, la Space Expo dimostra come le attività e le applicazioni spaziali hanno un impatto diretto sulla nostra vita quotidiana: visitatori di tutte le età potranno vedere, toccare e sperimentare l’ampia gamma di tecnologie e servizi innovativi "spaziali". L'ingresso allo Space Expo sarà gratuito e la maggior parte delle informazioni sarà disponibile in più lingue.

Quanto sono costati finora i programmi Galileo e EGNOS?

La fase di definizione e convalida di Galileo negli anni 2000 e 2001 è stata finanziata dall'Unione europea e dall'Agenzia spaziale europea (ESA). Il contributo dell'UE è stato di circa 80 milioni di euro (provenienti dal Quinto programma quadro di ricerca e sviluppo) e un importo analogo è stato fornito da ESA.

I costi complessivi della fase di sviluppo, lanciata nel 2003 sotto gli auspici dell'ESA, ammontano attualmente a circa 2,4 miliardi di euro, dei quali circa due terzi sono a carico dell'UE.

La fase costitutiva (cosiddetta fase FOC - full operational capability) è interamente finanziata dal bilancio dell'Unione europea. Dei complessivi 3,405 miliardi di euro messi a disposizione, 560 milioni sono stati riattribuiti alla fase di sviluppo e convalida e circa 2,4 miliardi sono destinati alla fase costitutiva. 417 milioni di euro sono stati accantonati per EGNOS.

Il costo totale per la realizzazione di EGNOS fino ad oggi è stato di circa 1,1 miliardi di euro. Di questi, oltre 400 milioni sono stati finanziati dall'ESA, 200 milioni provenivano da precedenti programmi di finanziamento dell'UE e 417 milioni sono stati resi disponibili nell'ambito del quadro di bilancio attuale.

I costi annuali di esercizio di Galileo ammontano a circa di 800 milioni di euro l'anno. I ricavi sono stati stimati in circa 80 milioni di euro l'anno in media, sulla base di prezzi costanti nel 2011 (fonte: la valutazione d'impatto allegata alla nuova proposta di regolamento).

Quanto denaro servirà per completare Galileo e EGNOS?

EGNOS è ormai operativo e non necessita di dotazioni di bilancio supplementari oltre a quanto iscritto al bilancio attuale. Con l’entrata in funzione del servizio Safety of life, EGNOS entra nella fase successiva del suo ciclo di vita.

Per quanto riguarda Galileo, i costi per il completamento delle infrastrutture terrestri e spaziali e per lo sfruttamento di Galileo ed EGNOS sono stimati in 1 miliardo di euro l’anno in media per i prossimi due decenni — senza aumento dei prezzi. Il progetto di bilancio presentato dalla Commissione europea il 29 giugno 2011 destinava 7 miliardi di euro nelle prossime prospettive finanziarie. Occorre definire un contesto di governance stabile, a lungo termine e sostenibile per la valorizzazione dei programmi Galileo e EGNOS. Tenendo presente questo, a novembre 2011 la Commissione europea ha proposto di sostituire il regolamento (CE) N. 683/2008 con un nuovo regolamento GNSS (IP/11/1478). Il processo legislativo di adozione che prevedeva l'approvazione da parte di Parlamento europeo e Consiglio si è concluso e il regolamento sarà formalmente adottato una volta approvato il quadro finanziario pluriennale.

Per maggiori informazioni su Galileo:

http://ec.europa.eu/enterprise/policies/satnav/galileo/index_en.htm

MEMO/17/717

Agenzia del GNSS europeo:

http://www.gsa.europa.eu/

1 :

Il posizionamento determina la posizione di una nave, di un aereo o di un individuo sulla superficie della terra.

2 :

"The Case for Space: The Impact of Space Derived Services and Data" (luglio 2009)

3 :

Jamming: trasmissione di segnali di disturbo per bloccare l'acquisizione del segnale a livello utente; spoofing: trasmissione di segnali finti ma simili a quelli trasmessi dal satellite per ingannare l'utente; meaconing: ritrasmissione di segnali satellitari originali con un ritardo per ingannare l'utente.


Side Bar

Mon compte

Gérez vos recherches et notifications par email


Aidez-nous à améliorer ce site