Navigation path

Left navigation

Additional tools

Salute: Un importante passo in avanti nella lotta contro le gravi minacce per la salute a carattere transfrontaliero – dichiarazione di Tonio Borg, commissario responsabile per la Salute

European Commission - MEMO/13/644   03/07/2013

Other available languages: EN FR DE DA ES NL SV PT FI EL CS ET HU LT LV MT PL SK SL BG RO

Commissione europea

MEMO

Strasbourg, 3 luglio 2013

Salute: Un importante passo in avanti nella lotta contro le gravi minacce per la salute a carattere transfrontaliero – dichiarazione di Tonio Borg, commissario responsabile per la Salute

In data odierna il Parlamento europeo ha votato a favore della decisione relativa alle gravi minacce per la salute a carattere transfrontaliero. Esprimendo il suo plauso per questo voto, Tonio Borg, commissario UE responsabile per la Salute, ha dichiarato:

"Il voto di oggi segna una pietra miliare per la sicurezza sanitaria nell'UE e mi congratulo, ringraziandolo, con il relatore, onorevole Pargneaux, i relatori ombra e tutti i membri della commissione "Ambiente, sanità pubblica e sicurezza alimentare" per il lavoro compiuto. Estendo i miei ringraziamenti alle Presidenze danese, cipriota e irlandese del Consiglio che si sono strenuamente adoperate assieme al Parlamento europeo e alla Commissione per concordare una normativa dell'UE che contribuirà a proteggere i nostri cittadini da un'ampia gamma di minacce sanitarie transfrontaliere.

Molti di noi – cittadini, operatori sanitari e decisori politici – sono sensibili alle minacce sanitarie emergenti, sia che si tratti di nuovi ceppi dell'influenza aviaria A (H7N9), del nuovo coronavirus all'origine della Middle East Respiratory Syndrome Coronavirus (MERS-CoV) o di una malattia di origine alimentare, come ad esempio un focolaio di e.Coli. Inoltre, minacce a diffusione più lenta come la resistenza antimicrobica o le infezioni nosocomiali rappresentano anch'esse un rischio per la salute dei cittadini. I cittadini dell'UE devono essere rassicurati che per proteggerli è in atto un sistema efficace e coordinato per reagire ai rischi e alle crisi.

Questo è per l'appunto l'obiettivo della decisione adottata oggi. I cittadini europei saranno meglio protetti da tutta una serie di minacce sanitarie mediante una pianificazione o un coordinamento migliori in tema di predisposizione operativa a livello dell'UE per le gravi minacce transfrontaliere determinate dalle malattie trasmissibili o da eventi chimici, biologici e ambientali. Uno dei risultati fondamentali della decisione è che essa costituisce la base giuridica per il coordinamento dell'indizione, su base volontaria, di appalti comuni per l'acquisizione di vaccini e medicinali a livello dell'UE. Inizieremo con l'appalto per i vaccini pandemici: gli Stati membri che partecipano a questo processo potranno mettere a disposizione dei loro cittadini i vaccini necessari e in condizioni migliori che in passato.

La decisione dà inoltre risalto all'autorità dell'Unione europea nel caso di un'emergenza sanitaria: essa consente all'UE di dichiarare un'emergenza sanitaria sul proprio territorio al fine di attivare misure nell'ambito della sua legislazione farmaceutica in modo da poter acquisire più celermente i vaccini e i medicinali. Il chiaro mandato attribuito al Comitato per la sicurezza sanitaria affinché coordini la risposta ai rischi e alle crisi, comprese le attività di comunicazione durante una crisi, significa che il coordinamento delle emergenze sanitarie sarà ulteriormente migliorato".

MEMO/13/645


Side Bar

My account

Manage your searches and email notifications


Help us improve our website