Navigation path

Left navigation

Additional tools

Other available languages: EN ES

Commissione europea

MEMO

Bruxelles, 24 gennaio 2013

Missione per la crescita: Antonio Tajani rafforza i legami economici tra il Cile e l'UE

Antonio Tajani, vicepresidente della Commissione europea, si recherà domani in Cile accompagnato da una grande delegazione di imprenditori composta di 49 rappresentanti di 40 imprese europee e di associazioni industriali di 9 Stati membri dell'UE. Complessivamente, queste organizzazioni e le imprese che le compongono hanno un turnover combinato di circa 350 miliardi di euro (più del PIL dell'Austria). Le associazioni d'imprese da sole rappresentano 17 000 imprese che generano, direttamente o indirettamente, più di due milioni di posti di lavoro. Questa missione, unitamente alla visita di ieri in Perù, rientra nella serie di "Missioni per la crescita" volte ad aiutare le imprese europee, in particolare le piccole e medie imprese, a meglio avvantaggiarsi dei mercati internazionali emergenti in rapida crescita. La visita di due giorni rafforzerà i partenariati in modo da aiutare le industrie, in particolare le PMI, a valorizzare appieno le potenzialità di relazioni commerciali tra il Cile e l'UE.

Durante la sua presenza in Cile, il vicepresidente Tajani incontrerà il ministro degli Affari esteri, Alfredo Moreno Charme, e il ministro dell'Economia, del Commercio e del Turismo, Pablo Longueira Montes. Questi incontri sono destinati ad approfondire l'implementazione degli accordi politici che il vicepresidente Tajani ha firmato nel giugno 2011 con le autorità cilene in tema di sviluppo delle PMI, cooperazione industriale, turismo, spazio, matterie prime e standardizzazione (tutti gli accordi). Il vicepresidente Tajani si adopererà anche per incoraggiare la promozione di cluster e di reti di imprese al fine di promuovere l'internazionalizzazione delle PMI.

Il vicepresidente Tajani inaugurerà inoltre la "IV Cumbre Empresarial CELAC-UE" (Vertice delle imprese della Comunità dei paesi dell'America Latina e dei Caraibi – Unione europea) assieme al presidente del Cile, Sebastián Piñera e al Primo Ministro spagnolo, Mariano Rajoy. Questo vertice imprenditoriale è un evento internazionale che si celebra ogni due anni e riunisce quasi 300 imprese e leader politici al fine di potenziare le relazioni d'affari tra le imprese dell'America Latina e dei Caraibi e quelle dell'UE. Tra gli oratori d'alto livello che parteciperanno all'evento si annoverano Dilma Rousseff, presidente del Brasile, Enrique Peña Nieto, presidente del Messico, Juan Manuel Santos, presidente della Colombia e, per l'Europa, Angela Merkel, canceliere tedesco, José Manuel Barroso, presidente della Commissione europea e Herman Van Rompuy, presidente del Consiglio europeo.

Cile: contesto economico

Superficie: 756 000,1 km²

Popolazione: 17,4 milioni di abitanti - 2011

PIL nel 2011: 174,6 miliardi di euro

PIL pro capite nel 2011: 10.035,6 euro

L'economia cilena cresce a un ritmo impressionante nonostante le turbolenze dell'economia mondiale. Nel secondo trimestre del 2012 il tasso di crescita del PIL è stato pari al 5,5% su base annuale e nel terzo trimestre del 2012 la crescita del PIL è stata del 5,7% su base annuale.

Il commercio estero del Cile

Esportazioni: L'UE è il secondo grande partner del Cile dopo la Cina. Le esportazioni dal Cile vero l'UE corrispondevano nel 2011 al 17,7% e negli ultimi anni sono aumentate lievemente. Le esportazioni del Cile verso l'UE nel 2011 erano costituite per l'essenziale di: (i) combustibili e prodotti minerari per un valore complessivo di 6.494,2 milioni di euro, pari a una quota del 59,8% delle esportazioni complessive cilene verso l'UE; (ii) prodotti agricoli per un valore totale di 3.181,9 milioni di euro, pari al 29,3% delle esportazioni cilene verso l'UE e (iii) prodotti chimici per un importo di 563,2 milioni di euro, pari a una quota del 5,2%.

Importazioni: Per quanto concerne le importazioni, l'UE è il terzo grande partner del Cile dopo la Cina e gli Stati Uniti. Nel 2011 le importazioni dall'UE verso il Cile corrispondevano al 13,9% delle importazioni totali sul mercato cileno. I principali prodotti dell'UE esportati in Cile nel 2011 erano: (i) macchinari e mezzi di trasporto per un valore complessivo di 4.260,3 milioni di euro, che corrispondono al 55,7% delle esportazioni totali dell'UE verso il Cile; (ii) prodotti chimici per un valore complessivo di 966,3 milioni di euro, pari a una quota del 12,6% delle esportazioni totali UE verso il Cile e (iii) combustibili e prodotti minerari per un valore complessivo di 565 milioni di euro, pari a una quota del 7,4%.

Mercati principali: Cina, Stati Uniti e Unione europea.

Il commercio dell'UE con il Cile

Esportazioni: Le esportazioni dell'UE verso il Cile sono aumentare lievemente nel tempo e rappresentano lo 0,5% delle esportazioni totali dell'UE. Nell'elenco dei principali partner verso cui l'UE esporta il Cile è al 34° posto. Nel 2011 l'UE ha esportato verso il Cile prodotti per un valore di 7,7 miliardi di euro. Sempre nello stesso anno le esportazioni di servizi verso il Cile sono state pari a 3,1 miliardi di euro.

Importazioni: Le importazioni dal Cile nell'UE rappresentano lo 0,6% delle importazioni totali sul mercato europeo e il Cile si situa al 31° posto tra i partner da cui l'UE importa. I beni importati nell'UE dal Cile nel 2011 ammontavano a 10,9 miliardi di euro. I servizi che l'UE ha importato dal Cile nel 2011 ammontavano a 1,6 miliardi di euro.

Per ulteriori informazioni sulle Missioni per la crescita


Side Bar

My account

Manage your searches and email notifications


Help us improve our website