Navigation path

Left navigation

Additional tools

Other available languages: EN FR

IP/99/557

Bruxelles, 23 July 1999

La Commissione autorizza l'acquisizione di Gucci(Italia) da parte di PPR( Francia)

La Commissione europea ha autorizzato l'acquisto del controllo esclusivo di Gucci da parte di Pinault-Printemps-RedouteS.A.(PPR). Tale fusione è la prima, nel settore degli articoli di lusso, ad essere esaminata a norma delle regole dell'Unione europea (UE). L'operazione non solleva difficoltà a livello della concorrenza in quanto, con l'unica eccezione delle borsette di lusso in Italia e nel Regno Unito, le quote di mercato e di distribuzione di prodotti di lusso detenute dalla società sono inferiori al 25%.

PPR è principalmente una società di distribuzione e di vendita al dettaglio, anche se di recente ha acquisito Sanofi-Beauté(1), operativa nel settore dei prodotti di lusso (vale a dire, profumi, cosmetici e articoli di moda), contrassegnati principalmente con il marchio di Yves Saint Laurent (YSL). Gucci è soprattutto attiva nel settore dei prodotti di lusso ed, in particolare, in quello degli articoli di pelletteria di lusso. La società disegna, produce e distribuisce prodotti commercializzati con il marchio Gucci tramite negozi di sua proprietà, boutiques duty-free e titolari di franchisizing, nonchè negozi e grandi magazzini specializzati.

I prodotti di lusso sono beni di alta qualità di prezzo relativamente elevato, commercializzati con un marchio di prestigio. I consumatori, in genere, non considerano tali articoli di lusso sostituibili con altri prodotti dello stesso settore. Ciò vale, in particolare, per profumi ed altri prodotti di bellezza, vestiti firmati (alta moda, pelliccie, prêt-à-porter di lusso), articoli di pelletteria (valigie, borsette, cinture, portafogli) ed altri accessori.

L'unico segmento nel quale Gucci detiene, in taluni paesi, una ingente quota di mercato è quello della pelletteria di lusso, nel quale PPR è presente con il marchio YSL. Sino al 1999, Cartier ha fabbricato su licenza tutti gli articoli in pelle di YSL. Alla scadenza di tale accordo di licenza, PPR è diventato l'operatore di nuovo ingresso nel mercato della produzione di articoli di lusso.

Per quanto riguarda la produzione di articoli di lusso, la quota di mercato detenuta dalle imprese dopo l'operazione sarà elevata solo in Italia e nel Regno Unito nel segmento delle borsette di lusso. Tali quote di mercato, tuttavia, sono molto inferiori alla soglia di posizione dominante ed il loro volume non aumenta in maniera rilevante a seguito della fusione. Inoltre, nei due paesi citati, operano concorrenti importanti, quali Prada, Louis Vuitton (LVMH), Salvatore Ferragamo, Hermès e Giorgio Armani. Analogamente, la quota combinata di mercato per la distribuzione di articoli di lusso, quale risulta dalla combinazione delle 12 boutiques d'abbigliamento di YSL, detenute da PPR, con quelle specializzate di Gucci, non sarà superiore al 15%.

(1)Cfr. IP/99/408


Side Bar