Navigation path

Left navigation

Additional tools

Commissione europea - Comunicato stampa

Unione della sicurezza - La Commissione raccomanda di negoziare norme internazionali per l'ottenimento delle prove elettroniche

Bruxelles, 5 febbraio 2019

La Commissione europea raccomanda di avviare due negoziati internazionali sulle norme transfrontaliere di ottenimento delle prove elettroniche.

Dato che la maggior parte delle indagini penali richiedono l'accesso a prove online e spesso al di fuori dell'UE, vi è urgente necessità di dotare le autorità di polizia e giudiziarie di strumenti rapidi ed efficaci adatti alla realtà moderna.  

A seguito delle conclusioni del Consiglio europeo dell'ottobre 2018, la Commissione presenta due mandati, uno per negoziati con gli Stati Uniti e uno per il secondo protocollo addizionale alla Convezione del Consiglio d'Europa sulla criminalità informatica (Convenzione di Budapest). Entrambi i mandati, che devono essere approvati dal Consiglio, includono specifiche garanzie per la protezione dei dati, la privacy, e i diritti procedurali delle persone.

Dimitris Avramopoulos, Commissario per la Migrazione, gli affari interni e la cittadinanza, ha dichiarato: "La criminalità e il terrorismo non si fermano alle frontiere dell'Europa. Le prove necessarie per indagare sui reati sono ancora più difficili da individuare all'interno di frontiere e giurisdizioni. Per tale motivo proponiamo oggi di rafforzare la nostra cooperazione in materia di sicurezza con gli Stati Uniti e il Consiglio d'Europa, per garantire l'accesso alle prove elettroniche, che sono di fondamentale necessità per le indagini penali delle autorità europee."

Vĕra Jourová, Commissario per la Giustizia, i consumatori e la parità di genere, ha dichiarato: "I criminali usano tecnologie rapide e moderne per commettere i reati e nasconderne le prove. Molti dei dati necessari per rintracciare i criminali sono conservati negli USA o da imprese statunitensi. È ora di lavorare a un ampio accordo a livello UE con gli Stati Uniti per rendere più rapido l'accesso a tali prove da parte delle nostre autorità di contrasto. Un tale accordo rafforzerà la nostra sicurezza, proteggendo al tempo stesso la riservatezza dei dati e le garanzie procedurali per i nostri cittadini."

Julian King, Commissario per l'Unione della sicurezza, ha dichiarato: "Non possiamo permettere che i terroristi o i criminali trovino rifugio online sfruttando la tecnologia moderna. Dobbiamo colmare le lacune giuridiche e insieme, a livello internazionale, continuare a restringere il loro spazio di manovra."  

L'accesso alle prove elettroniche, come i messaggi e-mail o i documenti situati nel cloud, si rende necessario per un numero crescente di indagini. Nell'aprile 2018 la Commissione ha quindi proposto nuove norme per permettere alle autorità di polizia e giudiziarie di seguire più facilmente le loro piste online e oltre le frontiere. Dato che vari prestatori di servizi sono stabiliti al di fuori dell'UE, i mandati odierni completano le nuove norme per garantire una maggiore cooperazione a livello internazionale.

Raccomandazione relativa all'avvio di negoziati con gli USA

Attualmente, i prestatori di servizi stabiliti negli USA collaborano con le autorità di contrasto europee su base volontaria, e la legislazione degli USA non sempre consente loro di rispondere direttamente alle richieste europee di accesso alle prove elettroniche. Il mandato negoziale proposto dalla Commissione mira:

  • a garantire un accesso tempestivo alle prove elettroniche per le autorità di contrasto nell'UE e negli USA, abbreviando a 10 giorni il periodo di tempo per la comunicazione dei dati richiesti (attualmente servono almeno 10 mesi);
  • ad affrontare i conflitti di legge introducendo definizioni e tipi di dati interessati, chiarendo gli obblighi giuridici e garantendo diritti reciproci per tutte le Parti;
  • ad assicurare garanzie forti in materia di protezione dei dati, privacy e diritti procedurali, nel pieno rispetto dei diritti fondamentali e dei principi di necessità e di proporzionalità.

Partecipazione ai negoziati nel quadro della Convenzione di Budapest

La Convenzione di Budapest è la pietra angolare della cooperazione internazionale contro la criminalità informatica, e fornisce un ampio quadro di collaborazione per oltre 60 paesi. Il secondo protocollo addizionale, una volta esistente, rafforzerà questa cooperazione internazionale, anche per quanto riguarda l'ottenimento dell'accesso alle prove elettroniche, il rafforzamento della mutua assistenza giudiziaria e l'organizzazione di indagini congiunte. La Commissione propone oggi un mandato per partecipare a tali negoziati a nome dell'Unione europea e dei suoi membri per garantire:

  • la compatibilità del protocollo con la legislazione dell'UE attuale e futura, anche nel settore dell'accesso transfrontaliero alle prove elettroniche;
  • una cooperazione internazionale rafforzata attraverso una mutua assistenza giudiziaria più efficiente, che comprenda richieste semplificate, e l'organizzazione di squadre investigative comuni;
  • la cooperazione diretta fra autorità di contrasto e prestatori di servizi in altre giurisdizioni;
  • garanzie più forti per quanto riguarda la protezione dei dati personali e le prassi nazionali di accesso transfrontaliero ad essi.

Prossime tappe

La Commissione presenta al Consiglio le due raccomandazioni per i mandati negoziali. Il Consiglio esaminerà le raccomandazioni, e dovrà adottare formalmente una decisione per autorizzare la Commissione ad avviare i negoziati in linea con le direttive indicate nei mandati.

Contesto

Le prove elettroniche sono necessarie nell'85% circa delle indagini penali, e in due terzi di tali indagini occorre ottenerle presso prestatori di servizi online stabiliti in un'altra giurisdizione. Attualmente i maggiori prestatori di servizi hanno sede negli USA. Il numero di richieste ai maggiori fornitori di servizi online continua a crescere, e nel periodo 2013-2018 è aumentato dell'84%.

Con l'Agenda europea della sicurezza dell'aprile 2015 la Commissione si è impegnata a riesaminare gli ostacoli alle indagini penali. A seguito dei tragici eventi di Bruxelles del 22 marzo 2016, i ministri UE della Giustizia e degli Affari interni hanno sottolineato la necessità di trovare, in via prioritaria, modalità per assicurare e ottenere più rapidamente ed efficacemente prove elettroniche. La questione è stata discussa a più riprese dai ministri dell'UE, e nell'aprile 2018 la Commissione ha proposto nuove norme per l'accesso transfrontaliero alle prove elettroniche. Nell'ottobre 2018, i leader europei hanno invitato la Commissione a presentare con urgenza mandati negoziali per gli accordi internazionali sulle prove elettroniche. La questione è stata anche discussa alle recenti riunioni ministeriali UE-USA "Giustizia e affari interni".

Per ulteriori informazioni

Domande e risposte - Mandato relativo alla cooperazione UE-USA in materia di prove elettroniche

Domande e risposte - Mandato relativo al secondo protocollo addizionale alla Convenzione di Budapest

Raccomandazione che autorizza l'avvio di negoziati fra l'UE e gli USA sull'accesso transfrontaliero alle prove elettroniche

Raccomandazione che autorizza la partecipazione ai negoziati su un secondo protocollo addizionale alla Convenzione del Consiglio d'Europa sulla criminalità informatica (STCE n. 185)

Link a tutti i documenti disponibili qui.

 

IP/19/843

Contatti per la stampa:

Informazioni al pubblico: contattare Europe Direct telefonicamente allo 00 800 67 89 10 11 o per e-mail


Side Bar