Navigation path

Left navigation

Additional tools

Commissione europea - Comunicato stampa

Principi del legiferare meglio al centro del processo decisionale dell'UE

Bruxelles, 15 aprile 2019

La Commissione europea traccia oggi un bilancio delle misure introdotte dalla Commissione Juncker per offrire ai cittadini e alle imprese dell'UE risultati migliori grazie a una maggiore apertura, trasparenza e affidabilità di un processo decisionale basato su dati concreti.

Emerge dalla relazione odierna che l'impegno profuso per porre la qualità della regolamentazione al centro di tale processo ha dato i suoi frutti, che occorre ora consolidare e mantenere nel tempo così da assicurare un miglioramento costante.

Il Primo vicepresidente Frans Timmermans ha dichiarato: "È ampiamente riconosciuto che la Commissione è all'avanguardia sulla qualità della regolamentazione e ci viene chiesto di perseverare in quest'impegno. La qualità della legislazione è ormai iscritta nel DNA del processo decisionale europeo. Dobbiamo coltivare e rafforzare l'impegno, soprattutto ora, in un mondo in cui alcuni tendono a prescindere dai fatti e in cui è messa in discussione l'essenza stessa del nostro dibattito democratico e dell'autorevolezza della scienza".

Forte degli insegnamenti del passato la Commissione Juncker si è impegnata a intervenire solo quando l'UE apporta valore aggiunto e sempre sulla scorta dei migliori dati concreti a disposizione, esaminando il complesso degli effetti economici, sociali e ambientali ed evitando i costi superflui. Gli sforzi prodigati in questo senso hanno ottenuto a livello internazionale il riconoscimento dell'OCSE, che per il 2018 ha classificato ai primissimi posti la politica di regolamentazione dell'UE. La presentazione dell'agenda "Legiferare meglio" risale ormai al 2015 ed è giunto il momento di tracciare un bilancio delle iniziative attuate dalla Commissione per consolidare questa cultura istituzionale e mantenerla nel tempo, e di trarre insegnamenti per il futuro.

Insegnamenti tratti e miglioramenti futuri

L'esercizio di valutazione ha determinato risultati chiari: con l'agenda "legiferare meglio" l'UE ha migliorato il processo di formazione delle politiche. È percepita in modo diffuso l'esigenza di mantenere la qualità della legislazione come parte integrante delle procedure di lavoro della Commissione, migliorandola ulteriormente.

  • Apertura del processo di formazione delle politiche: dal 2015 la Commissione ha organizzato oltre 400 consultazioni pubbliche interagendo con milioni di europei. La consultazione sul regime dell'ora legale, ad esempio, ha ottenuto 4,6 milioni di risposte e quella sulla valutazione delle direttive Uccelli e Habitat oltre mezzo milione. Nel 2018 il nuovo portale Di' la tua, sportello unico tramite il quale gli europei possono contribuire alla formazione delle politiche dell'UE, ha registrato quasi 900 000 accessi. In futuro dovremo esplorare i modi per sensibilizzare sulle diverse possibilità di contribuire in questo senso: si concorrerà così a coinvolgere più efficacemente i cittadini nella formazione delle politiche.
  • Strumenti migliori per politiche migliori: le valutazioni d'impatto e le valutazioni della normativa vigente permettono di poggiare il processo di formazione delle politiche su una base solida, ma non lo sostituiscono. Il neocostituito comitato per il controllo normativo - la cui ultima relazione annuale è consultabile qui - garantisce la qualità di tali analisi di supporto. Complessivamente la valutazione d'impatto è stata effettuata nella grande maggioranza dei casi che la richiedevano. Nel 75 % dei casi questa si è basata su una valutazione dell'esistente, a dimostrazione della sempre più frequente applicazione del principio che richiede di procedere in primo luogo alla valutazione della normativa vigente. Ciò non toglie che alcune situazioni hanno implicato adattamenti ed eccezioni alle pratiche del legiferare meglio per rispondere a urgenze politiche, come ad esempio al culmine della crisi migratoria. Vi sono inoltre ancora margini di miglioramento della qualità e della tempistica degli strumenti.
  • Idoneità della normativa UE allo scopo ricercato: la Commissione ha presentato circa 150 iniziative di semplificazione volte a ridurre gli oneri amministrativi superflui sostenendo nel contempo gli obiettivi politici. Ha inoltre risposto a una novantina di pareri caricati sulla nuova piattaforma REFIT. Una normativa più semplice e meno onerosa migliora l'attuazione, l'osservanza e il controllo dell'esecuzione delle norme, con il risultato ultimo di migliorare i risvolti concreti, soprattutto per le piccole e medie imprese. Dobbiamo tuttavia migliorare la capacità di condivisione e di approfondimento delle pratiche.
  • L'obiettivo del legiferare meglio è un impegno comune: è responsabilità comune del Parlamento europeo, del Consiglio, della Commissione e degli Stati membri produrre e attuare una normativa dell'UE di qualità che risponda allo scopo ricercato senza complessità superflue. La Commissione può favorire alcuni miglioramenti, ma non può da sola garantirli: le consultazioni pubbliche, ad esempio, possono raggiungere una platea molto più ampia se vi concorrono altre istituzioni a livello UE, nazionale, regionale e locale. Occorre poi analizzare in modo più sistematico l'effetto delle modifiche apportate dal Parlamento e/o dal Consiglio alle proposte della Commissione. Gli Stati membri potrebbero inoltre dar prova di maggiore trasparenza nella comunicazione delle misure nazionali adottate in attuazione della normativa UE, specie quando vanno oltre quanto richiesto dal diritto dell'UE (la cosiddetta "sovraregolamentazione").

 Il 29 aprile la Commissione terrà una conferenza per tracciare un bilancio delle iniziative di miglioramento della regolamentazione, nella quale avrà modo di confrontarsi con le comunità dei portatori di interessi in rappresentanza della società civile, delle imprese, della ricerca, delle amministrazioni pubbliche e delle parti sociali e di discutere la possibile evoluzione (per ulteriori informazioni sulla conferenza v. qui).

Contesto

L'obiettivo del miglioramento della regolamentazione sostiene la Commissione nel lavoro svolto per concretare le 10 priorità politiche del Presidente Juncker, assicurando che intervenga soltanto quando l'UE apporta valore aggiunto e sempre nel modo più efficace e meno oneroso possibile.

Nel 2015 la Commissione ha adottato l'agenda "Legiferare meglio", con la quale ha trasformato metodi di lavoro interni e processi di pianificazione, integrando il miglioramento della regolamentazione in tutte le fasi del ciclo di pianificazione e programmazione ed elaborando programmi di lavoro annuali più lineari. "Legiferare meglio" significa professionalizzare la formazione delle politiche in tutti i suoi aspetti e mantenerla al passo col mondo attuale.

L'agenda "Legiferare meglio" ha introdotto, fra le altre, le modifiche seguenti:

  • il portale Di' la tua consente ora ai cittadini di partecipare al processo legislativo in tutte le fasi, anche esprimendosi sui progetti di atti delegati e di esecuzione;
  • il comitato per il controllo normativo garantisce l'obiettività e l'attendibilità dei dati concreti su cui si fondano le decisioni politiche della Commissione;
  • la Commissione si è impegnata a valutare sempre la normativa vigente prima di rivederla (principio di "in primo luogo la valutazione");
  • esiste ora una sede - la piattaforma REFIT - in cui la società civile può esprimersi sul modo di migliorare la normativa dell'UE in vigore e in cui si possono avanzare suggerimenti ai quali la Commissione si è impegnata a rispondere. 

Per ulteriori informazioni

Scheda informativa - Legiferare meglio: bilancio e perseveranza nell'impegno

Comunicazione "Legiferare meglio: bilancio e perseveranza nell'impegno"

Relazione annuale 2018 del comitato per il controllo normativo

Sito web "Legiferare meglio"

Storie di successo su Di' la tua - video

Qualità della legislazione: videomessaggio del Primo Vicepresidente Timmermans

 

IP/19/2117

Contatti per la stampa:

Informazioni al pubblico: contattare Europe Direct telefonicamente allo 00 800 67 89 10 11 o per e-mail


Side Bar