Navigation path

Left navigation

Additional tools

Commissione europea - Comunicato stampa

2 miliardi di euro per velocizzare la creazione del Consiglio europeo per l'innovazione

Bruxelles, 18 marzo 2019

In vista del dibattito in seno al Consiglio europeo del 21 e 22 marzo su innovazione, industria e competitività, la Commissione prende misure decisive per l'istituzione del Consiglio europeo per l'innovazione.

Con l'intensificarsi della concorrenza mondiale l'Europa deve rafforzare la sua capacità di innovare e di correre rischi per competere su un mercato sempre più definito dalle nuove tecnologie. Per questo motivo, la Commissione Juncker propone l'istituzione del Consiglio europeo per l'innovazione (CEI) per tradurre le scoperte scientifiche europee in imprese in grado di crescere più rapidamente. Attualmente nella sua fase pilota, il Consiglio europeo per l'innovazione diventerà una realtà a tutti gli effetti dal 2021 nell'ambito di Orizzonte Europa, il prossimo programma di ricerca e innovazione dell'UE.

Carlos Moedas, Commissario per la Ricerca, la scienza e l'innovazione, ha dichiarato: "Con il Consiglio europeo per l'innovazione non ci limitiamo a mettere a disposizione fondi. Creiamo piuttosto un intero sistema di innovazione per porre l'Europa all'avanguardia delle tecnologie strategiche e delle innovazioni che plasmeranno il nostro futuro, come l'intelligenza artificiale, le biotecnologie e l'energia a emissioni zero. Dobbiamo concentrarci sulle esigenze degli innovatori: sono loro che creeranno posti di lavoro, rafforzeranno la nostra competitività mondiale e miglioreranno la nostra vita quotidiana.”

La Commissione ha avviato la fase pilota del Consiglio europeo per l'innovazione nel 2017, introducendo gare aperte e colloqui faccia a faccia per individuare e finanziare le start-up e le PMI più innovative d'Europa.Da allora 1 276 progetti altamente innovativi hanno già beneficiato di un finanziamento complessivo di oltre 730 milioni di euro.

Oggi la Commissione annuncia importanti iniziative che permetteranno di intensificare gli sforzi negli ultimi due anni della fase pilota del CEI:

  • oltre 2 miliardi di euro di finanziamenti nel 2019-2020 per la catena dell'innovazione: progetti "apripista" a sostegno delle tecnologie avanzate in fase di ricerca (da domani) e finanziamenti "acceleratori" per aiutare le start-up e le PMI a sviluppare e far crescere le innovazioni per portarle allo stadio in cui possono attrarre investimenti privati (da giugno). Grazie ai finanziamenti "acceleratori" le imprese potranno accedere a finanziamenti misti (sovvenzioni e strumenti di capitale) per un importo massimo di 15 milioni di euro;
  • la Commissione nominerà da 15 a 20 leader dell'innovazione in un comitato consultivo del CEI incaricati di sorvegliare il progetto pilota, di preparare il futuro CEI e di farsene promotori a livello mondiale. Gli innovatori di tutte le aree dell'ecosistema sono invitati a farsi avanti entro il 10 maggio;
  • la Commissione assumerà un primo gruppo di "gestori di programmi" con esperienza preminente nelle nuove tecnologie per fornire supporto pratico continuo ai progetti. Il bando di selezione sarà pubblicato a breve;
  • oggi la Commissione ha inoltre annunciato la selezione di 68 ulteriori start-up e PMI per un finanziamento complessivo di 120 milioni di euro nell'ambito dell'attuale progetto pilota relativo al CEI. Si tratta, ad esempio, di imprese che sviluppano una tecnologia di pagamento online basata sulla blockchain, nuovi schermi efficienti sotto il profilo energetico e una soluzione per combattere il rumore del traffico (elenco dettagliato dei beneficiari con indicazione del paese e del settore).

Data la crescente importanza economica dell'innovazione pionieristica e dirompente, e sulla base del rapido successo del progetto pilota, la Commissione ha proposto di destinare al CEI 10 miliardi di euro nell'ambito di Orizzonte Europa, il programma UE di finanziamento della ricerca e dell'innovazione per il periodo 2021-2027.

Contesto

Nonostante ospiti solo il 7 % della popolazione mondiale, l'Europa vanta il 20 % degli investimenti mondiali in ricerca e innovazione, produce un terzo di tutte le pubblicazioni scientifiche di alta qualità ed è leader mondiale in settori quali l'industria farmaceutica e chimica, l'ingegneria meccanica e la moda. Ma l'Europa deve fare di più per trasformare l'eccellenza in successo e per generare campioni mondiali nei nuovi mercati dell'innovazione. Ciò vale in particolare per le innovazioni basate su tecnologie radicalmente nuove (innovazioni pionieristiche) o su mercati radicalmente nuovi (innovazioni dirompenti).

Nel giugno 2018 la Commissione ha proposto il più ambizioso programma di ricerca e innovazione di sempre, Orizzonte Europa, per il quale ha proposto una dotazione di 100 miliardi di euro per il periodo 2021-2027. La proposta ha fatto seguito al contributo della Commissione alla riunione dei leader dell'UE del 16 maggio 2018 a Sofia, dal titolo "Una nuova agenda europea per la ricerca e l'innovazione - l'opportunità dell'Europa di plasmare il proprio futuro ", che ha sottolineato la necessità di creare un Consiglio europeo dell'innovazione ed evidenziato le altre misure necessarie per assicurare la competitività dell'Europa a livello mondiale.

Le conclusioni del Consiglio europeo del 28 giugno 2018 hanno approvato l'istituzione del CEI nell'ambito del prossimo bilancio a lungo termine (2021-2027). I leader dell'UE hanno invitato la Commissione a lanciare una nuova iniziativa pilota sulle innovazioni pionieristiche nel restante periodo di Orizzonte 2020, al fine di preparare il terreno per un Consiglio europeo per l'innovazione a pieno titolo nell'ambito di Orizzonte Europa.

Il Consiglio europeo per l'innovazione fa parte del più ampio ecosistema che l'UE sta predisponendo per offrire ai tanti imprenditori europei tutte le opportunità per diventare leader a livello mondiale. Tra le altre iniziative figurano il programma paneuropeo di fondi di fondi di capitali di rischio (VentureEU), il piano di investimenti per l'Europa (FEIS), le attività dell'Istituto europeo di innovazione e tecnologia, il piano d'azione per l'Unione dei mercati dei capitali per migliorare l'accesso ai finanziamenti e la proposta di direttiva sull'insolvenza delle imprese

Per ulteriori informazioni

IP/19/1694

Contatti per la stampa:

Informazioni al pubblico: contattare Europe Direct telefonicamente allo 00 800 67 89 10 11 o per e-mail


Side Bar