Navigation path

Left navigation

Additional tools

Other available languages: EN FR DE ES HR

Commissione europea - Comunicato stampa

Gemellaggi: da 20 anni l'UE mette a disposizione con successo le sue competenze attraverso più di 2 700 progetti

Bruxelles, 7 febbraio 2018

Nel 2018 ricorre il ventennale dello strumento di gemellaggio della Commissione europea, uno dei mezzi più efficaci e più utilizzati per sostenere i paesi e le regioni vicini dell'Unione europea.

Con il recente varo del progetto di gemellaggio nell'ex Repubblica jugoslava di Macedonia, il numero complessivo dei progetti di gemellaggio attuati negli ultimi 20 anni è arrivato a 2 700. Il nuovo progetto intende instaurare una cooperazione inter pares sul campo con l'amministrazione doganale del paese partner, che ha sede a Skopje, per semplificare le procedure doganali e creare un contesto favorevole alle imprese.

Johannes Hahn, Commissario per la Politica europea di vicinato e i negoziati di allargamento, ha dichiarato "Il 20° anniversario della creazione dello strumento di gemellaggio è un'occasione di festeggiamento e, al tempo stesso, di riflessione sui risultati ottenuti finora e sulle prospettive future. Negli ultimi 20 anni sono stati attuati con successo più di 2 700 progetti di gemellaggio, dalla riforma della legislazione sull'asilo in Serbia al rafforzamento dell'e-governance in Georgia. Favorendo gli scambi inter pares, il gemellaggio continua a fornire un valore aggiunto inestimabile per promuovere la modernizzazione, i valori dell'UE e le riforme strutturali, nonché per sostenere il cambiamento, la stabilità, la sicurezza e la prosperità nelle regioni del vicinato e dell'allargamento."

Contesto

Il gemellaggio è una forma unica di cooperazione a lungo termine tra le pubbliche amministrazioni dei paesi dell'UE e le loro controparti sia nei paesi candidati all'adesione effettivi e potenziali che nella regione del vicinato dell'Unione. I progetti di gemellaggio incentivano la riforma della pubblica amministrazione, sostengono i valori dell'UE e sviluppano standard e norme a base europea. Un elemento fondamentale per il successo dei gemellaggi sono le consulenze inter pares fornite in loco dai dipendenti pubblici degli Stati membri dell'UE, che operano in stretta collaborazione con le amministrazioni nazionali dei paesi partner.

Nella regione dell'allargamento, il gemellaggio sostiene il recepimento, l'attuazione e l'applicazione del diritto dell'Unione. In questo contesto, lo strumento di gemellaggio ha inoltre fornito un notevole sostegno ai paesi diventati membri dell'UE nel 2004, nel 2007 e nel 2013. Un progetto di gemellaggio concluso di recente, ad esempio, ha aiutato il Commissariato per i rifugiati e la migrazione e il ministero dell'Interno della Repubblica di Serbia a preparare una nuova legge sull'asilo e a riformare il sistema nazionale di asilo. Attraverso le misure di sviluppo delle capacità, lo strumento ha sostenuto gli sforzi profusi dalla Serbia per allineare la sua politica in materia di asilo agli standard dell'UE.

Nella regione del vicinato, i gemellaggi interessano i vicini dell'UE desiderosi di intensificare la cooperazione con essa. Di recente, ad esempio, si è concluso un progetto UE di gemellaggio volto a rafforzare l'e-governance in Georgia che è sfociato in una nuova legge sulla firma digitale e nell'adozione di un nuovo quadro europeo di identificazione elettronica per le transazioni elettroniche, un passo estremamente importante per l'integrazione della Georgia nell'Europa.

Per ulteriori informazioni

Sito web sui gemellaggi

Relazione di attività sui gemellaggi per il 2016

 

IP/18/621

Contatti per la stampa:

Informazioni al pubblico: contattare Europe Direct telefonicamente allo 00 800 67 89 10 11 o per e-mail


Side Bar